Gio. Giu 13th, 2024
Elon Musk chiude un finanziamento da 6 miliardi di dollari per lo sfidante OpenAI xAI

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

La start-up di intelligenza artificiale xAI di Elon Musk ha chiuso un round di finanziamento da 6 miliardi di dollari con una valutazione di 18 miliardi di dollari, mentre il fervore degli investitori per i nuovi sfidanti di OpenAI continua senza sosta.

Nonostante abbia poco più di un anno, il finanziamento di xAI lo colloca nella fascia più ricca di potenziali rivali di OpenAI, sostenuta da Microsoft, che ha assicurato più di 13 miliardi di dollari di finanziamenti. In termini di capitale raccolto, xAI si colloca ora accanto ad Anthropic, che ha raccolto più di 8 miliardi di dollari da quando è stata fondata nel 2021.

Musk è stato co-fondatore di OpenAI prima di separarsi dal suo amministratore delegato Sam Altman nel 2018.

Tra gli investitori nel nuovo round di xAI figurano molti dei sostenitori più fedeli di Musk, tra cui Kingdom Holding, l'investitore saudita guidato dal principe Alwaleed Bin Talal, Valor Equity Partners e Vy Capital con sede a Dubai, nonché le società della Silicon Valley Andreessen Horowitz e Sequoia Capital.

Gli stessi investitori avevano precedentemente sostenuto l'acquisizione di Twitter da 44 miliardi di dollari da parte di Musk nel 2022. Il chatbot Grok della start-up AI è strettamente integrato con la piattaforma di social media di Musk, ora chiamata X, dandogli accesso a un flusso di dati in tempo reale e a un vasto pubblico dei potenziali utenti.

Mettere insieme il talento e la potenza di calcolo necessari per costruire modelli di intelligenza artificiale di grandi dimensioni ha un prezzo elevato. Nvidia, il fornitore dominante dei chip necessari per addestrare i sistemi di intelligenza artificiale, la scorsa settimana ha registrato un aumento del 262% delle entrate poiché la domanda continua a superare l’offerta dei suoi ultimi processori. Le aziende di maggior valore al mondo, tra cui Microsoft, Google e Meta, stanno tutte correndo per espandere le proprie capacità di intelligenza artificiale e investendo miliardi nell'infrastruttura dei data center necessaria per costruirli e gestirli.

Ciononostante, gli investitori vedono ancora opportunità per nuovi operatori e approcci alternativi alla costruzione di grandi modelli linguistici, i sistemi di intelligenza artificiale che alimentano Grok e ChatGPT. L’accordo xAI arriva mentre Mistral, con sede a Parigi, fondata un anno fa, chiude un nuovo round da 500 milioni di euro con una valutazione di 5 miliardi di euro, secondo persone che hanno familiarità con i colloqui.

L’accordo conferisce a xAI una cosiddetta valutazione post-money di 24 miliardi di dollari una volta preso in considerazione il nuovo investimento.

La società ha affermato di aver “fatto passi da gigante” in breve tempo, inclusa l'aggiunta di funzionalità di immagine a Grok, che è stato rilasciato a novembre.

“xAI continuerà su questa ripida traiettoria di progresso nei prossimi mesi, con numerosi aggiornamenti tecnologici e prodotti interessanti che saranno presto annunciati”, ha affermato in una nota. post sul blog domenica sera tardi in California. “I fondi del round verranno utilizzati per immettere sul mercato i primi prodotti xAI, costruire infrastrutture avanzate e accelerare la ricerca e lo sviluppo di tecnologie future”.

Ha aggiunto: “La missione dell'azienda è comprendere la vera natura dell'universo”.

Musk ha presentato Grok come un'alternativa alla “massima ricerca della verità” a quelli che ha cercato di ritrarre come rivali “politicamente corretti” ChatGPT e Gemini di Google.

Durante la raccolta fondi, ai sostenitori delle altre iniziative di Musk, tra cui X e SpaceX, è stato dato il primo rifiuto di sostenere xAI, hanno riferito al MagicTech la settimana scorsa persone che avevano familiarità con i colloqui.

Gli investitori che avevano sollevato domande su questioni legate alle altre iniziative di Musk sono stati esclusi dal round di finanziamento di xAI, ha detto una persona che ha partecipato.

Il FT aveva riferito per la prima volta a gennaio che xAI era in trattative per raccogliere fino a 6 miliardi di dollari. All’epoca, Musk disse in un post su X: “xAI non sta raccogliendo capitali e non ho avuto conversazioni con nessuno a riguardo”.