Gio. Giu 13th, 2024
The AI ​​Mirror: come la tecnologia blocca il potenziale umano

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Nel suo racconto del 1928 “La macchina si ferma”, EM Forster immagina una Terra in rovina dove gli esseri umani occupano capsule isolate rivestite di pulsanti per soddisfare ogni loro esigenza, dai bagni freddi alla letteratura, collegati da una macchina di comunicazione onniveggente. Anche prima della pandemia, questa storia poco conosciuta veniva scambiata tra gli esperti di tecnologia come una visione preveggente dell’Internet contemporaneo. Una citazione da esso apre il nuovo libro chiarificatore di Shannon Vallor, Lo specchio dell'intelligenza artificiale.

Vallor è una filosofa della tecnologia che ha trascorso gran parte della sua carriera all'Università di Santa Clara nella Silicon Valley, per poi trasferirsi all'Università di Edimburgo. Il suo primo libro, Tecnologia e virtù (2016), è stato immerso nel sole della California. Ha affermato con delicatezza l'importanza dell'”etica della virtù” – approcci filosofici risalenti ad Aristotele, Confucio e Buddha incentrati su qualità umane come il coraggio, l'immaginazione morale, l'onestà e l'empatia – nell'imparare a prosperare nell'era tecnologica di oggi.