Sab. Mag 18th, 2024

L’intelligenza artificiale rappresenta uno dei più grandi progressi tecnologici mai realizzati, con una vasta gamma di applicazioni: dal disegno alla guida delle automobili. E i gestori patrimoniali si sono affrettati a sviluppare fondi negoziati in borsa in grado di sfruttare questo potenziale.

Ma gli investitori che valutano un’allocazione in questi fondi si trovano ad affrontare una sconcertante gamma di scelte, tra cui ETF attivi e passivi, portafogli concentrati e diversificati e strategie che offrono esposizioni molto diverse ai giganti tecnologici statunitensi rispetto ai loro nuovi rivali.

Richard Dell, responsabile della ricerca sui gestori azionari presso la società di consulenza sugli investimenti Mercer, afferma che, anche se esiste un forte consenso sul fatto che l’intelligenza artificiale porterà miglioramenti significativi alla produttività in più settori, identificare le società vincenti richiede un orizzonte di investimento a lungo termine.

“Gli investitori devono definire ciò che vogliono ottenere dalla loro tesi di investimento e poi occuparsi di definire l’universo delle aziende”, afferma.

WisdomTree, il gestore patrimoniale statunitense, ha cercato di aiutare in questo senso suddividendo il settore in tre categorie: soggetti coinvolti, come i fornitori di software che hanno sviluppato chatbot o processi robotici; abilitatori, come Nvidia e altri produttori di chip, che realizzano l’hardware su cui vengono eseguiti i modelli di intelligenza artificiale; e promotori, come le grandi società tecnologiche Microsoft, Alphabet, Apple e Amazon, che offrono alcuni servizi di intelligenza artificiale ma non traggono ancora la maggior parte dei loro ricavi dall’intelligenza artificiale.

Tuttavia, alcuni dei potenziatori stanno già progettando i propri chip AI e potrebbero rappresentare in futuro una minaccia più competitiva per Nvidia, il vincitore più chiaro finora nella rivoluzione dell’IA.

Tutte e tre le categorie sono combinate in WisdomTree ETF Ucits sull’intelligenza artificialecon ponderazioni del 50% per i soggetti coinvolti, del 40% per i facilitatori e del 10% per i promotori.

“Stiamo ancora scoprendo cosa richiederanno gli utenti dell’intelligenza artificiale, come fissarne il prezzo e i ricavi e i profitti che verranno guadagnati tramite l’intelligenza artificiale”, afferma Christopher Gannatti, responsabile della ricerca presso WisdomTree. “Alcuni dei futuri vincitori del megatrend dell’intelligenza artificiale saranno delle sorprese, il che rende importante avere una strategia di investimento diversificata”.

L’entusiasmo per gli ultimi sviluppi dell’intelligenza artificiale generativa, come il chatbot ChatGPT, ha portato a un’inversione di tendenza nel sentiment tra gli investitori. Gli afflussi netti globali negli ETF con marchio AI hanno raggiunto finora quest’anno i 3,1 miliardi di dollari, rispetto ai prelievi netti di 649 milioni di dollari registrati nell’intero 2022. L’aumento degli afflussi quest’anno ha spinto il patrimonio totale degli ETF con marchio AI a 8,1 miliardi di dollari a fine settembre, secondo ETFGI, una società di consulenza con sede a Londra.

Tuttavia, alcuni analisti avvertono che l’attuale ondata di entusiasmo degli investitori per le società di intelligenza artificiale potrebbe creare una bolla dei prezzi insostenibile, simile a quella che si è sviluppata nelle società tecnologiche statunitensi nel 1999. Alla fine è scoppiata nel marzo 2000, provocando perdite di prezzo delle azioni che hanno richiesto anni. riprendersi.

“Sospettiamo che l’intelligenza artificiale avrà un impatto simile a quello che Internet ha avuto sulle azioni nella seconda metà degli anni ’90, quando si stava gonfiando la ‘bolla delle dotcom'”, suggerisce Hubert de Barochez, economista di Capital Economics.

JPMorgan osserva che Nvidia, il principale fornitore di chip per semiconduttori AI, è attualmente scambiato su un multiplo prezzo-utili di circa 43 volte, sulla base delle previsioni sugli utili per l’anno finanziario che si concluderà a gennaio 2024.

Le valutazioni elevate delle società di intelligenza artificiale mettono in difficoltà anche Mercer, la società di consulenza per gli investimenti. Preferisce utilizzare gestori attivi nell’allocazione in strategie tematiche, poiché i selezionatori di titoli umani hanno opinioni più chiare sui potenziali vincitori e su quanto pagare per le esposizioni. “È stato molto difficile per i fondi passivi guadagnare in modo coerente quando si investe in un tema ristretto”, avverte Dell.

Jay Jacobs, responsabile americano delle tematiche e degli ETF azionari attivi presso BlackRock, afferma che solo pochi titoli tecnologici statunitensi a grande capitalizzazione hanno finora ottenuto il riconoscimento degli investitori per il loro potenziale di trarre profitto dall’intelligenza artificiale. Ciò significa che, secondo Jacobs, le valutazioni dei concorrenti di piccole e medie dimensioni sono meno gonfiate. “Comprendere l’intera portata dell’universo dell’intelligenza artificiale è difficile”, afferma. “L’intelligenza artificiale è un tema molto ampio con molti potenziali vincitori”.

Questa visione ha portato BlackRock ad attribuire lo stesso peso a tutti i 113 componenti del Fondo da 464 milioni di dollari. iShares ETF multisettoriale sulla robotica e l’intelligenza artificiale, noto come IRBO. Al contrario, la maggior parte degli ETF ponderano i propri componenti in base al valore di mercato, dando maggiore importanza alle società più grandi.

L’equa ponderazione utilizzata da IRBO ha l’effetto di ridurre la valutazione del fondo nel suo complesso, che viene scambiato su un multiplo storico prezzo/utili di 21 volte, leggermente inferiore al multiplo di 21,8 volte dell’indice S&P 500 più ampio.

Anche così, Rob Arnott, fondatore e presidente della società di consulenza per gli investimenti Research Affiliates, consiglia cautela. Ritiene che i principali beneficiari di questa innovazione saranno i clienti delle aziende di intelligenza artificiale, piuttosto che i fornitori di tecnologia AI. “Mentre alcuni titoli dell’IA potrebbero superare lo straordinario successo scontato nelle loro azioni, la storia insegna che la maggior parte non riuscirà a farlo”, avverte.