Mar. Giu 18th, 2024
Gli Stati Uniti rallentano i piani per chiudere le centrali a carbone mentre la domanda di energia derivante dall’intelligenza artificiale aumenta

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

L’incredibile domanda di elettricità necessaria per alimentare la tecnologia di prossima generazione sta costringendo gli Stati Uniti a fare affidamento sulla fonte di combustibile di ieri: il carbone.

Le date di pensionamento per l’invecchiamento della flotta di carbone del paese vengono posticipate poiché le preoccupazioni sull’affidabilità della rete e le aspettative di una domanda di energia in aumento costringono gli operatori a mantenere la capacità in linea.

Lo spostamento dei piani di pensionamento del carbone sottolinea un crescente dilemma che si trova ad affrontare l’amministrazione Biden, poiché la corsa degli Stati Uniti per guidare l’intelligenza artificiale e la produzione porta a una crescita senza precedenti della domanda di energia che si scontra con i suoi obiettivi di decarbonizzazione. L’Agenzia internazionale per l’energia stima che l’applicazione AI ChatGPT utilizzi quasi 10 volte più elettricità della ricerca di Google.

Secondo S&P Global Commodity Insights, citando problemi di affidabilità, si prevede che circa 54 GW di asset di carbone statunitensi, circa il 4% della capacità elettrica totale del paese, andranno in pensione entro la fine del decennio, una revisione al ribasso del 40% rispetto allo scorso anno. .

“Non è possibile sostituire gli impianti fossili abbastanza velocemente da soddisfare la domanda”, ha affermato Joe Craft, amministratore delegato di Alliant Resource Partners, uno dei maggiori produttori di carbone degli Stati Uniti. “Per essere i primi a muoversi nel campo dell’intelligenza artificiale, dovremo impegnarci a mantenere ciò che abbiamo”.

Tra gli operatori che stanno rallentando i pensionamenti c’è Alliant Energy, che la scorsa settimana ha rinviato i piani per convertire la sua centrale a carbone del Wisconsin a gas dal 2025 al 2028. All’inizio di quest’anno, FirstEnergy ha annunciato che avrebbe abbandonato il suo obiettivo del 2030 di eliminare gradualmente il carbone, citando “preoccupazioni sull’adeguatezza delle risorse”.

Grid Strategies, una società di consulenza, prevede una crescita della domanda di elettricità negli Stati Uniti del 4,7% nei prossimi cinque anni, quasi raddoppiando la sua proiezione rispetto all'anno precedente, citando nuove capacità produttive e industriali e data center utilizzati per alimentare qualsiasi cosa, dall'intelligenza artificiale al cryptomining al cloud. . Uno studio pubblicato mercoledì dall’Electric Power Research Institute ha rilevato che i data center costituiranno il 9% della domanda di energia degli Stati Uniti entro il 2030, più del doppio dei livelli attuali.

La Casa Bianca ha fissato l’obiettivo di raggiungere un settore energetico privo di inquinamento da carbonio entro il 2035. Il mese scorso, l’Environmental Protection Agency ha messo a punto norme controverse per eliminare gradualmente le centrali a carbone a partire dal 2032 a meno che non installino costosi sistemi di cattura del carbonio.

L’EPA ha scoperto nelle sue analisi che il settore energetico può soddisfare la domanda riducendo l’inquinamento e fornendo elettricità affidabile e conveniente secondo queste regole, ha detto un portavoce, aggiungendo che l’agenzia “ritiene che le regole abbiano una solida base giuridica”.

L’Indiana è a capo di un gruppo di 25 stati in una causa per fermare le regole EPA.

“Abbiamo bisogno di più energia, non di meno”, ha detto al MagicTech il governatore repubblicano dell'Indiana, Eric Holcomb. “Noi americani non possiamo assolutamente permetterci di perdere la guerra dell’intelligenza artificiale”.

L'istogramma della quota della produzione di elettricità su scala industriale statunitense per anno e combustibile mostra che la quota del carbone nel mix energetico continua a diminuire

Secondo la US Energy Information Administration, la produzione di carbone negli Stati Uniti è in declino a lungo termine, rappresentando lo scorso anno il 16% della fornitura elettrica del paese, in calo rispetto a quasi il 40% nel 2014.

Seth Feaster, analista di dati presso l’Institute for Energy Economics and Financial Analysis, ha messo in guardia dall’equiparare le segnalazioni di ritardi nel pensionamento alla generazione superiore. L’EIA prevede che la produzione di carbone negli Stati Uniti diminuirà di un altro 4% quest’anno e che i tassi di utilizzo degli impianti a carbone rimarranno bassi.

“Spostare semplicemente la data di pensionamento non significa che quegli impianti verranno utilizzati”, ha detto Feaster. “La traiettoria del carbone non si è realmente spostata”.