Sab. Apr 13th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Secondo i dati, gli utenti mobili in Gran Bretagna sono stati colpiti dalla velocità media di download del 5G più lenta di qualsiasi altro paese del G7 nel 2023, nonostante l’enfasi dei ministri sui benefici della tecnologia per la crescita economica.

Secondo uno studio della società di ricerca Opensignal condiviso con il MagicTech, gli utenti mobili del Regno Unito hanno registrato una velocità media di download 5G di 118,2 megabit al secondo tra il 1° agosto e il 29 ottobre 2023, in calo del 13% rispetto a 136,5 Mbps nello stesso periodo del 2022.

Si è trattato di un risultato significativamente più lento che in Francia, dove gli utenti mobili monitorati da Opensignal avevano la velocità di download media 5G più elevata, pari a 221,1 Mbps, e ha lasciato la Gran Bretagna come il membro con le peggiori prestazioni del gruppo delle economie avanzate. Nel 2022, il Regno Unito è stato il terzo paese con le migliori prestazioni.

Il Regno Unito è rimasto indietro rispetto ad altre nazioni sulle reti di telefonia mobile ad alta velocità di quinta generazione, in parte a causa dei disagi causati dal divieto del governo di acquistare kit Huawei, il produttore cinese di apparecchiature per le telecomunicazioni, tra preoccupazioni per la sicurezza nazionale.

Il Regno Unito è stato penultimo in termini di velocità media di upload 5G, invariata rispetto al 2022, con gli utenti mobili monitorati da Opensignal che hanno registrato 14,6 Mbps tra agosto e ottobre 2023. Solo il Giappone era indietro con 12,5 Mbps.

Il governo del Regno Unito ha dichiarato in aprile di averlo fatto ha raggiunto il suo obiettivo di fornire un segnale 5G di base per la maggior parte della popolazione entro il 2027.

Allo stesso tempo, ha fissato un nuovo obiettivo per la copertura nazionale del 5G autonomo – che a suo avviso consentirebbe applicazioni come l’assistenza sanitaria remota e le auto a guida autonoma – in tutte le aree popolate entro il 2030.

La segretaria alla tecnologia Michelle Donelan ha affermato che il 5G sarà “la pietra angolare” dell’economia digitale del Regno Unito e che l’adozione diffusa della tecnologia potrebbe comportare vantaggi in termini di produttività per 159 miliardi di sterline entro il 2035.

Dean Bubley, direttore della società di consulenza Disruptive Analysis, ha affermato che il 5G è stato implementato “abbastanza lentamente” nel Regno Unito.

Oltre al divieto di Huawei e alle norme sui permessi di costruzione per le torri che consentono la tecnologia ad alta velocità, ha affermato che non c’è stata “nessuna reale spinta per l’utente medio a cercarla deliberatamente”.

Tra gli utenti monitorati, Opensignal ha anche segnalato un calo della velocità media di download del 5G in 11 regioni su 12 del Regno Unito tra il 1° agosto e il 29 ottobre 2023, rispetto allo stesso periodo del 2022.

In Irlanda del Nord la velocità è scesa del 28% su base annua, registrando il calo maggiore in termini percentuali, mentre il calo maggiore in termini assoluti di 35,3 Mbps è stato registrato nelle East Midlands. Londra non ha registrato cambiamenti statisticamente significativi.

Sam Fenwick, principale analista di Opensignal, ha affermato che uno dei principali fattori alla base del calo è stato il traffico extra sulle reti 5G del Regno Unito, che aveva creato “una certa congestione durante le ore più trafficate della giornata”.

Il governo ha affermato di aver adottato misure per rendere “più semplice ed economico” per gli operatori l’implementazione del 5G “proteggendo al tempo stesso le nostre reti di telecomunicazioni”. Questi includevano l’aggiornamento delle normative di pianificazione in Inghilterra e l’introduzione di misure che supportassero l’aggiornamento dei siti al 5G.