Sab. Apr 13th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Per un breve periodo, all’inizio del 2023, i mercati azionari si sono comportati come si aspettavano gli investitori ossessionati dalla recessione: male.

Ma un inizio triste ha lasciato rapidamente il posto a un rally dominato da un gruppo di grandi nomi della tecnologia uniti insieme attraverso il tema caldo dell’intelligenza artificiale: Apple, Microsoft, Alphabet, Amazon, Tesla, Meta e Nvidia.

A giugno, il loro soprannome Magnificent Seven stava davvero iniziando a prendere piede.

Un certo elemento di pesantezza è una caratteristica ragionevolmente comune nelle azioni statunitensi, ma i Magnifici Sette (o Mag7 in breve) lo hanno portato a nuovi estremi.

Intorno alla metà del 2023, questi titoli erano aumentati di prezzo tra il 40% e il 180%, facendo salire l’indice di riferimento S&P 500 delle azioni statunitensi di circa il 14%, rendendolo uno degli inizi di anno più forti in assoluto. due decadi. Senza il Mag7, tuttavia, l’indice era piatto.

Da allora, la forza del mercato azionario si è ampliata. Tuttavia, Charles Schwab calcola che il Mag7 abbia guadagnato più del 100% quest’anno e rappresenti un massiccio 30% circa dell’indice. Senza di essi, l’S&P 500 è in rialzo dell’11%; con loro la prestazione raddoppia. Le loro dimensioni sono ormai così pronunciate che non dominano solo i titoli azionari statunitensi, ma anche un’ampia fetta della performance dei mercati azionari globali.

Gli investitori sostengono che non si tratta di una replica dello sfortunato boom delle dotcom del 1999. Piuttosto, gli afflussi provengono da investitori conservatori alla ricerca di società in grado di resistere a una recessione, selezionatori di titoli convinti della rivoluzione dell’intelligenza artificiale, operatori a breve termine che inseguono titoli ad alta quotazione e tracker di indici che seguono un indice ampio.

Il pericolo, però, è che un solo scandalo o un colpo di penna da parte di un regolatore possa colpire un titolo e infliggere danni agli investitori di tutto il mondo.

[email protected]