Sab. Lug 20th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Venerdì un alto dirigente di Google ha rivelato che il gigante di Internet ha pagato 26,3 miliardi di dollari nel 2021 per rendere il suo motore di ricerca predefinito sulla maggior parte degli smartphone e dei browser, dopo che un giudice ha costretto la società a rivelare quelle che sosteneva fossero informazioni commerciali altamente sensibili.

La divulgazione, arrivata nel corso del processo antitrust del governo americano contro Google a Washington DC, ha segnato la prima volta che la società ha rivelato quanto paga per garantire che il suo servizio di ricerca ottenga la pole position davanti agli utenti quando effettuano una ricerca.

Gli accordi di default sono al centro del caso del Dipartimento di Giustizia, con il governo che sostiene di aver ingiustamente escluso i motori di ricerca rivali e di consentire a Google di mantenere il suo monopolio nella ricerca. L’azienda sostiene che i pagamenti predefiniti non escludono i rivali perché la maggior parte degli utenti di Internet sceglie di rendere il proprio motore di ricerca predefinito sui propri dispositivi anche quando non paga per il privilegio.

Gli avvocati del DoJ avevano dichiarato all’inizio del processo il mese scorso che Google spendeva più di 10 miliardi di dollari all’anno per le inadempienze, ma la maggior parte degli osservatori si aspettava che la cifra fosse molto più alta. Gli analisti di Wall Street stimano che i pagamenti della società alla sola Apple ammontino a 16-20 miliardi di dollari all’anno, rendendo il suo servizio di ricerca la prima cosa che gli utenti vedono sul browser Safari del produttore di iPhone.

Prabhakar Raghavan, responsabile della ricerca e della pubblicità di Google, ha rivelato la cifra in tribunale venerdì e l’ha definita il costo singolo più grande della società Internet, secondo Bloomberg. Ha affermato che i pagamenti inadempienti sono più che triplicati dal 2014. Google ha generato 146,4 miliardi di dollari di entrate dalla pubblicità associata alla ricerca lo scorso anno.

I pagamenti predefiniti hanno rappresentato la parte più grande dei 45,6 miliardi di dollari di costi totali di acquisizione del traffico che Google ha pagato ad altre società nel 2021 per portare avanti il ​​suo servizio di ricerca e aiutarlo a generare più pubblicità.

Il giudice Amit Mehta, che sta supervisionando il caso antitrust, ha ordinato a Google di rivelare la cifra nonostante la società affermi che ciò potrebbe danneggiare le negoziazioni future avvisando altre società degli importi che è disposta a pagare.

Mehta è stato criticato dai critici di Google per aver consentito che gran parte delle prime testimonianze dell’azienda fossero ascoltate a porte chiuse, portandolo a dire che avrebbe cercato di rendere pubblici maggiori dettagli finanziari dietro il caso.

Alcuni analisti hanno avvertito che se la società di ricerca perde in tribunale e le viene vietato di pagare per le inadempienze, ciò potrebbe avere l’effetto perverso di aumentare i profitti di Google danneggiando allo stesso tempo altre società tecnologiche.

Secondo una stima degli analisti della Bank of America, Google è destinata a pagare ad Apple più di 21 miliardi di dollari nell’anno fiscale in corso. Il blocco dei pagamenti potrebbe incidere notevolmente sulle entrate derivanti dai servizi di Apple, che ammontavano a 78 miliardi di dollari l’anno scorso, anche se sarebbe comunque libera di vendere la posizione predefinita ad altri motori di ricerca.

Il processo, iniziato il mese scorso, rappresenta lo scontro antitrust più importante tra il governo e Big Tech dai tempi del caso contro Microsoft negli anni ’90. Si prevede che la corte ascolterà la testimonianza all’inizio della prossima settimana dell’amministratore delegato di Google Sundar Pichai.