Mar. Dic 5th, 2023

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I gruppi di investimento statunitensi stanno sollecitando l’amministrazione Biden a perfezionare i limiti proposti sugli investimenti in Cina, con i venture capitalist desiderosi di modifiche all’ordine esecutivo della Casa Bianca che, secondo loro, li mette in una posizione di svantaggio.

Il presidente Joe Biden in agosto ha firmato un ordine che limita gli investimenti statunitensi nei settori cinesi dell’informatica quantistica, dei chip avanzati e dell’intelligenza artificiale, nel tentativo di tagliare il flusso di capitali e competenze statunitensi verso l’esercito cinese. Ha vietato alcuni investimenti e ha imposto obblighi di notifica da parte del governo in altri settori.

Nelle ultime settimane banche, produttori e gruppi industriali americani hanno espresso alcune preoccupazioni nei confronti del Tesoro, che ha il compito di scrivere le regole che daranno attuazione all’ordine esecutivo di Biden. Hanno messo in guardia dall’incertezza derivante dal modo in cui sono state disposte le restrizioni e dal potenziale danno all’innovazione nazionale, facendo pressioni per restringere alcune disposizioni o espandere le eccezioni per alcuni tipi di investimenti.

“Non vogliamo più dare il via libera illimitato agli investitori per minacciare involontariamente la nostra sicurezza nazionale”, ha detto al MagicTech Andy Barr, un repubblicano del Kentucky che presiede la sottocommissione delle istituzioni finanziarie della Camera. “Allo stesso tempo non abbiamo bisogno di un processo burocratico e goffo che congeli i flussi di capitale transfrontalieri in modi che minano il nostro impegno verso un’economia basata sul mercato”.

Una delle parti delle regole proposte che ha suscitato molta preoccupazione è l’esclusione dei soci accomandanti statunitensi (LP) – i fondi di dotazione, i fondi pensione e gli enti di beneficenza che investono denaro nei fondi di rischio. Gli avvocati sostengono che la norma probabilmente consentirà ai capitali americani di LP di continuare ad affluire alle start-up cinesi in tutti e tre i settori sensibili, a condizione che i venture capitalist che dirigono l’investimento siano cinesi o europei e non americani.

“Le regole creeranno potenzialmente svantaggi per gli investitori statunitensi”, ha affermato George Grammas, avvocato di Squire Patton Boggs.

La National Venture Capital Association, un gruppo che rappresenta più di 400 gruppi di venture capital americani, ha avvertito che le misure lascerebbero i suoi membri in una posizione di svantaggio rispetto ai rivali stranieri nella lotta “feroce e globale” per raccogliere fondi da fondi pensione, donazioni e altri investitori istituzionali. .

La NVCA sta spingendo Washington ad espandere l’esenzione per includere anche i gestori di capitale di rischio, a condizione che non assumano partecipazioni sostanziali o di controllo nelle start-up cinesi che comportano rischi per la sicurezza.

“Senza questo cambiamento, gran parte dello stesso capitale di LP continuerà a raggiungere molte delle stesse società cinesi (tramite fondi di rischio esteri) senza che i fondi statunitensi siano in grado di ottenere una corrispondente comprensione dello stato del mercato internazionale”, ha affermato l’associazione in una nota. ha depositato un commento al Tesoro.

Mentre i funzionari statunitensi hanno affermato che non intendono imporre restrizioni agli LP se i loro contributi sono puramente finanziari, il Tesoro prevede di fissare una soglia. Per essere consentito, l’investimento dovrebbe essere inferiore a tale livello.

Ma la Institutional Limited Partners Association, che rappresenta gli investitori con un patrimonio di 3mila miliardi di dollari, sta spingendo per eliminare qualsiasi soglia affinché gli investimenti passivi dei suoi membri possano beneficiare dell’esenzione.

L’incertezza sull’ordine ha ridotto l’interesse degli LP americani in Cina. I venture capitalist si aspettano che il sostegno in dollari USA per i fondi focalizzati sulla Cina rimanga limitato fino al rilascio delle regole finali, che secondo gli avvocati potrebbe richiedere fino a un anno.

I dati di Preqin mostrano che gli investimenti in dollari nei gruppi di venture capital e di private equity cinesi si sono prosciugati. I 5,7 miliardi di dollari raccolti quest’anno rappresentano circa un quarto del totale dello scorso anno e una frazione dei 48 miliardi di dollari raccolti nel 2021. La repressione di Pechino sulla tecnologia seguita dall’invasione russa dell’Ucraina aveva già innervosito gli investitori stranieri.

Gli investitori stranieri esitano sulla Cina;  Raccolta fondi totale per fondi di venture capital e private equity focalizzati sulla Cina (miliardi di dollari)

I commenti in risposta alle norme proposte evidenziano la complessità di districare gli investimenti statunitensi dalle aree sensibili del settore tecnologico cinese.

Un gestore di venture capital statunitense ha affermato che il suo fondo è stato “preso nel mezzo” del disaccoppiamento USA-Cina. “C’è la percezione che il capitale di rischio statunitense stia finanziando tecnologie rivoluzionarie [in China]. Ma questo è sbagliato”, ha detto. “Le aziende che finanziamo non sono nella posizione di promuovere l’interesse nazionale della Cina. Stiamo investendo in start-up di consumo e nella consegna di cibo”.

Ma altri sostengono che le aziende americane debbano essere più attente alla sicurezza nazionale. Alcuni legislatori, tra cui il presidente della commissione della Camera Cina Mike Gallagher, hanno chiesto il divieto di investimenti nei mercati dei capitali cinesi. Illustrando i possibili rischi, il FT la scorsa settimana ha riferito che Vanguard, il secondo gestore patrimoniale più grande del mondo, stava canalizzando investimenti in 60 società collegate al complesso militare-industriale cinese.

Eric Sayers, esperto di sicurezza asiatica presso la società di consulenza Beacon Global Strategies, ha affermato che funzionari amministrativi e legislatori che sostengono uno strumento di investimento in uscita lo considerano fondamentale per affrontare la “problema esistenziale di sicurezza nazionale” relativa alla Cina.

“Anche se un nuovo regime al Tesoro crea un nuovo processo gravoso per le imprese, questo è un costo accettabile per i falchi che credono che limitare gli investimenti in settori chiave in Cina sia essenziale per contenere la capacità militare a lungo termine dell’Esercito popolare di liberazione”, Detto Sayers.

Le risposte alla consultazione del Tesoro da parte di organismi commerciali e banche di investimento, tra cui Goldman Sachs, hanno inoltre affermato che le regole definiscono in modo troppo ampio i settori in cui la tecnologia ha un duplice uso commerciale e militare, come l’intelligenza artificiale.

“Non credo che sia questa l’intenzione [of the order] fermare [all] investimento, ma sarà il risultato a meno che queste definizioni non vengano rese più restrittive”, ha affermato una persona che esercita pressioni per regole più chiare per conto degli investitori.