Gio. Giu 20th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I siti web di lavoro si stanno trasformando in piattaforme di abbinamento del lavoro utilizzando i dati dei loro membri per aiutare a dare ai candidati e ai reclutatori un maggiore controllo sulle loro ricerche.

La piattaforma di ricerca di lavoro con sede negli Stati Uniti Indeed conta 350 milioni di visitatori unici al mese e LinkedIn, la rete professionale più grande al mondo, riferisce che 62 milioni degli oltre 950 milioni di utenti registrati visitano le sue pagine di lavoro ogni settimana.

Questi siti dominano il mercato del reclutamento online e ora stanno applicando l’intelligenza artificiale per esaminare la ricchezza di dati che hanno sui propri utenti nel tentativo di migliorare l’esperienza di ricerca dei candidati.

LinkedIn sta implementando l’intelligenza artificiale per comprendere meglio l’intento dietro la query di ricerca di ciascun utente.

“Molto di ciò che stiamo facendo è quello che chiamerei ‘dati sugli intenti dietro il profilo'”, afferma Hari Srinivasan, vicepresidente del prodotto presso LinkedIn. Qui, la piattaforma cerca di prevedere a quali aziende o posti di lavoro i candidati potrebbero essere interessati, oltre a quelli che cercano apertamente.

Indeed utilizza i dati dei suoi membri in modo simile. “Certo, estraiamo informazioni strutturate dai curriculum e dalle descrizioni delle posizioni lavorative”, afferma Raj Mukherjee, vicepresidente esecutivo per il datore di lavoro di Indeed, “ma le persone in cerca di lavoro e i datori di lavoro condividono con noi molto di più riguardo alle loro competenze e preferenze. Riceviamo segnali di intenti e comportamentali, dati da messaggi bidirezionali e interviste di 12 minuti.

Identificando le intenzioni dell’utente e abbinando meglio le sue competenze ai ruoli, la piattaforma mira a visualizzare le offerte di lavoro che altrimenti le persone in cerca di lavoro avrebbero potuto perdere.

Sam Franklin, amministratore delegato e co-fondatore della società di reclutamento tecnologico con sede a Londra Otta, afferma che il suo modello di abbinamento del lavoro offre ai candidati un controllo ancora maggiore.

Oltre ai loro CV, le persone in cerca di lavoro possono inserire le loro competenze e preferenze, come aspettative salariali, modelli di lavoro e valori. Questi dati vengono poi utilizzati per abbinare i candidati a una selezione curata di lavori, che secondo Franklin saranno più rilevanti. Il modello è “a sostegno delle persone in cerca di lavoro, a sostegno di temi come la diversità e l’inclusione”, sostiene.

Franklin sostiene che la percezione che i candidati hanno del marchio di un datore di lavoro è sempre più importante. Quindi, per ogni annuncio di lavoro, lui o il co-fondatore e direttore operativo Theo Margolius scrivono “l’opinione di Otta” – una panoramica del datore di lavoro che assume. I dettagli elencati includono note sui tempi di risposta del datore di lavoro, sull’approvazione dei dipendenti, sui cicli di finanziamento e sulle iniziative di diversità e inclusione.

Mark Chaffey, amministratore delegato di hackajob, un altro aggregatore di posti di lavoro nel Regno Unito focalizzato sulla tecnologia, concorda sul fatto che la reputazione aziendale è sempre più importante per i candidati.

Le persone in cerca di lavoro che si iscrivono a hackajob possono seguire le aziende, come farebbero su LinkedIn, e visualizzare i contenuti che pubblicano, ma sono le aziende che si rivolgono ai potenziali candidati per un lavoro.

“È un modo per cambiare la dinamica del coinvolgimento”, afferma Chaffey. “Un candidato può mostrare interesse per un’organizzazione, ma non necessariamente fare domanda per un lavoro. È più l’idea che tu [as an employer] può quindi condividere eventi, podcast e contenuti per “riscaldare” quel candidato.”

I candidati di Hackajob, che indicano preferenze in aree come stipendio e settore, vengono selezionati prima di essere resi visibili ai datori di lavoro. Ciò significa che le aziende vedono solo i candidati idonei, afferma Chaffey, mentre le persone in cerca di lavoro vengono contattate solo da aziende che soddisfano le loro aspettative in termini di “stack tecnologico, ubicazione, politica ibrida”. Aggiunge che il 90% dei candidati risponde al contatto iniziale dei reclutatori entro sette giorni.

A differenza di piattaforme come LinkedIn, hackajob addebita ai clienti un abbonamento. Chaffey afferma che il suo “livello di coinvolgimento dei candidati” consente ai clienti di ottenere notevoli risparmi sui costi rispetto alle commissioni addebitate dalle tradizionali agenzie di reclutamento.

Oltre all’autoricerca, LinkedIn, Indeed e Otta consentono anche ai reclutatori di contattare candidati che non sono attivamente alla ricerca di lavoro. Inoltre, LinkedIn sta aggiungendo uno strumento di intelligenza artificiale che consentirà ai reclutatori di condurre ricerche utilizzando istruzioni in “linguaggio naturale”, come “Voglio un analista di dati con sede a Londra”.

“È molto più intuitivo”, afferma Srinivasan. “Possiamo iniziare a suggerire aziende o cose di cui non hai mai sentito parlare.”

Ma le competenze rappresentano un elemento sempre più importante su cui concentrarsi, sia per i candidati che per i reclutatori. I membri di LinkedIn hanno aggiunto più di 500 milioni di competenze ai loro profili negli ultimi 12 mesi, afferma Srinivasan.

“Le persone vengono assunte molto di più in base alle loro competenze”, afferma. “Abbiamo avuto centinaia di milioni di persone che hanno aggiunto prove alle loro capacità [to their profile]. E stiamo vedendo che circa il 40% dei reclutatori ora arriva e. . . dicendo: queste sono le competenze di cui ho bisogno”.