Lun. Giu 24th, 2024
I trader si preparano a grandi oscillazioni delle azioni Nvidia

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

I trader si stanno preparando a grandi oscillazioni del prezzo delle azioni di Nvidia e dei mercati finanziari più ampi, quando mercoledì il gigante della produzione di chip pubblicherà gli utili del primo trimestre.

L’attività delle opzioni intorno al titolo si è moltiplicata nel corso di un feroce rally che ha visto la capitalizzazione di mercato di Nvidia aumentare di oltre sei volte fino a raggiungere i 2,3 trilioni di dollari dall’inizio del 2023, poiché il produttore di chip è emerso come il produttore di riferimento delle unità di elaborazione grafica che alimentano IA generativa.

I premi attuali nei mercati delle opzioni implicano che i trader si aspettano un’oscillazione dell’8,6% del prezzo delle azioni in entrambe le direzioni – equivalente a un guadagno o una perdita di mercato di oltre 180 miliardi di dollari – quando i mercati apriranno giovedì dopo che la società pubblicherà i suoi ultimi risultati, secondo ai dati Bloomberg.

La combinazione tra le enormi dimensioni di Nvidia e la volatilità delle sue azioni ha conferito alla società un'enorme importanza nel determinare l'umore e la direzione del mercato più ampio, dicono gli analisti.

“È il mercato di Nvidia, ci limitiamo tutti a commerciare”, ha affermato Steve Sosnick, capo stratega di Interactive Brokers. “Se anche solo accenna [at a slowdown]sarebbe molto dannoso per l’intero mercato.”

I guadagni di Nvidia sono recentemente diventati eventi che muovono il mercato. Gli analisti di JPMorgan questa settimana hanno classificato gli utili mancati di Nvidia dietro solo ai dati economici “recessivi o stagflazionisti” e al posizionamento “estremo” degli investitori in un elenco di potenziali scenari che potrebbero trascinare il mercato azionario statunitense significativamente al ribasso.

Alcune delle più grandi mosse del titolo sono arrivate dopo che la società ha riportato i risultati. Il prezzo delle azioni di Nvidia è aumentato del 24,4% nella sessione successiva alla pubblicazione degli utili lo scorso maggio, del 16,4% a febbraio e del 14% dopo i risultati dell'anno prima.

Charlie McElligott, amministratore delegato della strategia cross-asset di Nomura, ha affermato che una buona serie di risultati per Nvidia potrebbe rivelarsi vantaggiosa per i mercati azionari tanto quanto i dati positivi sull'inflazione. Entrambi “riaccenderebbero l’euforia”, ha scritto McElligott in una nota ai clienti la scorsa settimana.

L’enorme peso di mercato di Nvidia fa sì che il suo impatto si faccia sentire oltre il mercato azionario statunitense.

I trader di metalli presteranno “un'enorme attenzione” ai risultati della società, ha affermato Al Munro, un broker di Marex.

Un trader di obbligazioni dei mercati emergenti presso una grande banca statunitense ha affermato che in passato gli utili di Nvidia hanno spostato i prezzi del debito sovrano africano. Quando le azioni si riprendono, “si muove l’intero mercato e la propensione al rischio migliora ovunque”, ha detto il trader.

I trader sono attratti da Nvidia per la sua volatilità – o “beta implicita”, in gergo. L’S&P 500, al contrario, è da mesi insolitamente calmo.

In termini di valore in dollari, le opzioni Nvidia ora rappresentano regolarmente quasi un terzo di tutte le opzioni statunitensi legate a una singola azienda, e in alcuni giorni rappresentavano quasi la metà, secondo i dati raccolti dal gruppo di ricerca Asym500. Nel primo trimestre, il suo volume nozionale medio di opzioni di 115 miliardi di dollari è stato più del doppio di quello di Tesla, al secondo posto.

Le azioni di Nvidia “sono costose e volatili, ma le opzioni sono liquide. Queste sono esattamente le cose che vuoi vedere come trader di opzioni”, ha detto Sosnick.

Dall’inizio del boom dell’intelligenza artificiale nel 2023, il beta implicito di Nvidia è generalmente compreso tra 3 e 4, indicando che per ogni movimento dell’1% nell’S&P 500, Nvidia aumenterà o diminuirà fino al 4%. Ciò lo rende uno dei titoli con il beta più elevato negli Stati Uniti, secondo Garrett DeSimone, responsabile della ricerca quantitativa presso OptionMetrics.

Negli ultimi giorni, i trader di opzioni sembrano essere diventati più ottimisti riguardo ai prossimi risultati di Nvidia. I dati di Bloomberg mostrano che c'è stato un aumento degli acquisti di call – che conferiscono il diritto di acquistare un titolo a un prezzo concordato – con un prezzo di esercizio di 1.000 dollari, un grande premio rispetto all'attuale prezzo delle azioni di Nvidia di 947 dollari.

Ciò è stato rafforzato da tre società di Wall Street – Stifel, Susquehanna e Barclays – che hanno tutte aggiornato le loro previsioni target giorni prima dei risultati.

Eppure molti dei maggiori investitori mondiali sembrano aver commesso un errore di prudenza. Il family office Duquesne di Stanley Druckenmiller ha tagliato la sua esposizione a Nvidia del 72% nel primo trimestre e Ark Investment Management di Cathie Wood ha tagliato la sua posizione a febbraio.

Anche gli hedge fund, tra cui Coatue Management, DE Shaw, Citadel Advisors, Two Sigma, Renaissance Technologies e Millennium, hanno realizzato profitti durante i primi tre mesi dell'anno, secondo quanto depositato la settimana scorsa presso la Securities and Exchange Commission.