Sab. Feb 24th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

La commissione Cina della Camera dei Rappresentanti ha chiesto agli amministratori delegati dei produttori di chip statunitensi di testimoniare davanti al Congresso, mentre la commissione intensifica il suo controllo sulle aziende con interessi in Cina.

Questa settimana il comitato ha inviato lettere a Intel, Nvidia e Micron invitando i loro amministratori delegati a testimoniare, secondo diverse persone a conoscenza della situazione.

La mossa è un cambiamento da parte del comitato, che non ha tenuto udienze con gli amministratori delegati di nessun settore da quando è stato creato per intensificare l’attenzione del Congresso sulle minacce provenienti dalla Cina.

Emily Kilcrease, esperta di commercio e sanzioni presso il think tank CNAS, ha affermato che il comitato sta “usando il suo prepotente pulpito per aumentare la pressione politica sulle aziende con operazioni o vendite significative in Cina”.

Persone che hanno familiarità con la situazione hanno affermato che il comitato bipartisan è diventato sempre più desideroso di far testimoniare i produttori di chip dopo che gli amministratori delegati di Intel, Nvidia e Qualcomm lo scorso anno hanno esercitato pressioni sull’amministrazione di Joe Biden mentre si preparava a rafforzare i controlli sulle esportazioni relative ai semiconduttori.

Intel, Nvidia e Micron hanno rifiutato di commentare le lettere inviate giovedì.

“Questa udienza è la continuazione del lavoro di supervisione del comitato sulle aziende di semiconduttori e sui loro legami con la Cina, e in particolare Intel, Nvidia e Qualcomm da quando sono venuti a Washington e hanno cercato attivamente di impedire ulteriori controlli sui semiconduttori la scorsa estate”, ha detto una persona che ha familiarità con l’udienza. decisione di inviare le lettere.

L’amministratore delegato di Intel Pat Gelsinger e i suoi due colleghi del settore, Jensen Huang di Nvidia e Christiano Amon di Qualcomm, hanno visitato la Casa Bianca nel luglio dello scorso anno nel tentativo di convincere i funzionari che il loro piano di inasprire le restrizioni sull’esportazione di semiconduttori all’avanguardia avrebbe causato danni a lungo termine per l’industria statunitense. Tutti e tre i produttori di chip ottengono una parte significativa dei loro ricavi annuali dalle vendite in Cina.

Huang ha dichiarato l’anno scorso al MagicTech che la guerra dei chip tra Stati Uniti e Cina avrebbe creato un danno “enorme” all’industria tecnologica statunitense. I controlli sulle esportazioni di semiconduttori avevano lasciato Nvidia con “le mani legate dietro la schiena”.

In ottobre il dipartimento del commercio degli Stati Uniti ha imposto nuove restrizioni all’esportazione di chip per l’intelligenza artificiale in Cina, colmando una scappatoia che Nvidia aveva sfruttato dopo la prima serie di controlli sulle esportazioni nell’ottobre 2022. La mossa è arrivata poche settimane prima che il presidente Biden incontrasse la sua controparte cinese Xi Jinping a San Francisco.

Micron non è stata sottoposta allo stesso tipo di controllo da parte dei legislatori statunitensi, principalmente perché il produttore di chip con sede nell’Idaho non produce lo stesso tipo di semiconduttori all’avanguardia di Intel e Nvidia che hanno potenziali applicazioni militari che hanno sollevato preoccupazioni a Washington.

Ma i legislatori vogliono conoscere i problemi che Micron ha dovuto affrontare operando in Cina. Lo scorso anno il governo cinese ha vietato ad alcuni gruppi nazionali di acquistare chip Micron, una mossa ampiamente vista negli Stati Uniti come una ritorsione per gli sforzi dell’amministrazione Biden di impedire alla Cina di ottenere la tecnologia americana all’avanguardia.

Negli ultimi mesi, Mike Gallagher, il presidente repubblicano, e il suo comitato hanno intensificato il controllo delle società statunitensi con investimenti o operazioni in Cina, tra cui BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo. Il comitato ha anche incontrato privatamente altri amministratori delegati, tra cui Tim Cook di Apple, e alti dirigenti di Hollywood, Silicon Valley e Wall Street.

La decisione di chiedere agli amministratori delegati di testimoniare renderà i gruppi statunitensi con interessi in Cina sempre più nervosi all’idea di finire sotto i riflettori del Congresso, soprattutto perché si prevede che la Cina sarà al centro delle elezioni presidenziali del 2024.

“Dopo essersi concentrati sul private equity e sugli investitori in Cina, queste lettere mostrano che il comitato è altrettanto determinato a spingere per il disaccoppiamento delle catene di approvvigionamento tecnologico aumentando la pressione su alcune delle società americane di chip più grandi e critiche”, ha affermato Kilcrease.