Gio. Mag 23rd, 2024
Il creatore di 'Terminator', James Cameron, afferma che l'intelligenza artificiale potrebbe sostituirlo, ma non Schwarzenegger

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

James Cameron, che ha ideato la malvagia rete di intelligenza artificiale Skynet nel suo film del 1984 Il Terminatorafferma che un giorno un sistema di intelligenza artificiale avanzato potrebbe svolgere il suo lavoro.

“Se hai un’intelligenza artificiale generale [system] che ha un ego, che ha coscienza, chi può dire che non sia un artista? il regista che ha anche realizzato Titanico e il Avatar ha detto la serie al MagicTech. “Facciamo arte da quando ne abbiamo consapevolezza, quindi perché un'AGI non può farlo a quel punto: scrivere una sceneggiatura, dirigere un film, fare qualunque cosa?”

I suoi commenti arrivano in un contesto di forti divisioni sull’intelligenza artificiale a Hollywood, dove i sindacati stanno cercando di proteggere i posti di lavoro dalla tecnologia dirompente mentre i capi degli studi sognano modi in cui potrebbe risparmiare tempo e denaro.

Le preoccupazioni sono iniziate a febbraio, quando Open AI ha pubblicato una serie di brevi video di alta qualità realizzati con la sua tecnologia di conversione testo in video Sora, stupendo agenti di talento e registi con la sua velocità e immagini fluide.

Cameron ha detto che la tecnologia ha del potenziale ma non è ancora arrivata. “Tutti stanno impazzendo per la capacità di schioccare le dita e ottenere un'immagine interessante”, ha detto. “Ma non puoi farne un film.”

Tuttavia, il regista ha affermato che la tecnologia AI potrebbe eliminare alcuni dei compiti banali coinvolti nella realizzazione di un film, consentendo ai registi di realizzare più riprese in meno tempo. Ciò piace a Cameron, che ha dedicato 13 anni e circa 350 milioni di dollari al suo ultimo film di successo. Avatar: La Via dell'Acquache ha incassato 1,5 miliardi di dollari in tutto il mondo dopo la sua uscita nel 2022.

“Spendiamo molto per fare molto”, ha detto in un’intervista su Zoom dalla Nuova Zelanda, dove sta realizzando il terzo Avatar film. “Avere successo con un Avatar film devi realizzare uno dei 10 film di maggior incasso della storia. È stupido, ma per il momento funziona.” Cameron ha tre dei film con i maggiori incassi di tutti i tempi.

Il regista è sempre stato affascinato dalla scienza e dalla tecnologia. Ha navigato su un sottomarino da lui progettato fino alla Fossa delle Marianne, il luogo più profondo della Terra. E ha trascorso decenni lavorando sulla tecnologia cinematografica 3D utilizzata nei suoi film.

Spera che le cuffie Vision Pro di Apple stimolino la domanda per la sua tecnologia 3D, che vuole concedere in licenza ad altri operatori del settore. Ha riunito un gruppo di partner per sviluppare l'attività.

“Sono piuttosto entusiasta di un potenziale rinascimento [3D] contenuto e sto pianificando di fare alcune mosse in quello spazio”, ha detto. “Potrebbe essere un circolo virtuoso, o potrebbe essere un grande fallimento. Chi diavolo lo sa?”

Una delle decisioni di casting più ispirate di Cameron è stata quella di assumere Arnold Schwarzenegger per interpretare un cyborg Il Terminator. Sebbene abbia una mentalità aperta riguardo al ruolo dell’intelligenza artificiale nel cinema, non crede che le macchine possano mai fare ciò che ha fatto Schwarzenegger: fornire una performance umana.

“La macchina potrebbe darti una performance plausibile, ma non ti darà il bizzarro momento creativo che un attore regala e che è particolare per lui e per la sua esperienza di vita”, ha detto Cameron. “Siamo tutti IA generative: siamo tutti vasti set di dati di ogni esperienza che abbiamo mai avuto. L’intelligenza artificiale generativa può darti una bitmap e darti un’immagine, ma non può darti un’emozione”.