Gio. Mag 23rd, 2024
The Everything War: affrontare la marcia di Amazon verso il monopolio

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Nel 2017, una studentessa di giurisprudenza di 27 anni, Lina Khan, ha attirato il tipo di notorietà che può creare o distruggere una carriera antitrust in erba quando ha affermato in uno dei rari articoli del Yale Law Journal diventato virale che uno dei più riusciti d'America le aziende tecnologiche erano diventate così grandi e potenti che era chiaramente “[marching] verso il monopolio”. Perché, si chiedeva Khan riguardo ad Amazon, il gigante dell'e-commerce, il governo degli Stati Uniti non stava facendo nulla al riguardo?

Non mancavano leggi o agenzie progettate per fermare i comportamenti anticoncorrenziali, ma nessuno sembrava estremamente preoccupato. Ciò che Khan concluse fu che queste agenzie avevano ridefinito il modo in cui concepivano il monopolio: non si preoccupavano più che le grandi aziende vincolassero interi settori e poi usassero questo controllo per colonizzare aree dell’economia. A loro interessava solo il “benessere del consumatore”, che privilegiava l’efficienza e i risultati dei clienti su tutto il resto.

Ideata da un teorico del diritto del libero mercato, Robert Bork, questa divenne la dottrina antitrust dominante negli anni ‘80 reaganiani, un’epoca in cui i giganteschi conglomerati economici sembravano in declino terminale. Ma questo accadeva prima che la dinamica del vincitore prende tutto di Internet facesse rivivere questi colossi schiacciatori della concorrenza, di cui pochi gettavano un’ombra più lunga del mostro costruito da Jeff Bezos. In effetti, se c'era un parallelo che Khan percepiva nello status di Amazon, era quello della Standard Oil, la grande “polpo” di idrocarburi di John D. Rockefeller, il cui crollo nel 1911 segnò la fine dell'era del “barone rapinatore” americano.

Sono passati sei anni da quell'articolo dello Yale Law Journal e Khan, all'epoca presidente molto giovane della Federal Trade Commission americana, è stata in grado di mettere in pratica i suoi pensieri e colpire Amazon e Bezos con una causa che potrebbe ancora concludersi con la sua rottura. . Di Dana Mattioli La guerra di tutto è in parte la storia avvincente di come Khan è arrivata lì, dando finalmente la caccia alla sua stessa Great White Whale antitrust.

Ma Mattioli è anche parte attiva. C'è qui un'eco di Ida Tarbell, la giornalista le cui rivelazioni sugli imbrogli monopolistici della Standard Oil portarono al famoso caso antitrust oltre un secolo fa. In qualità di corrispondente da Amazon del Wall Street Journal (un post la cui stessa esistenza la dice lunga), il resoconto di Mattioli si è concentrato sulle accuse di comportamento anticoncorrenziale della società, e sono i numerosi casi di studio illuminanti che sono la sostanza del libro.

Una preoccupazione centrale è che l’azienda svolge tanti ruoli potenzialmente contrastanti all’interno dell’economia al dettaglio: vende prodotti come un rivenditore; funge da vetrina per gli altri; e vende prodotti con il proprio marchio. Alcune delle accuse più sorprendenti riguardano affermazioni secondo cui Amazon avrebbe abusato di questi ruoli sovrapposti, ad esempio accedendo a dati commerciali sensibili su venditori terzi di successo, per poi lanciare poco dopo i propri prodotti concorrenti a marchio Amazon. (Vale la pena notare che un alto dirigente di Amazon ha negato sotto giuramento davanti al Congresso che utilizzerebbe in modo improprio tali dati per informare le decisioni aziendali.)

Eppure, quando Mattioli ha ottenuto documenti interni su un caso particolare e ha presentato le prove ai venditori, la loro reazione è stata significativa: oltre ad essere arrabbiati, erano spaventati. “Alla fine del giorno, [they] facevano affidamento su Amazon per il loro stipendio, anche se avevano un rapporto di amore-odio con la piattaforma”, scrive.