Gio. Lug 18th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

C’era una volta, a metà degli anni ’80, “in un piccolo regno, nella terra di Hyrule”, Link ha prima preso la spada e lo scudo per salvare la principessa Zelda. Ora, dopo una serie di videogiochi che hanno venduto 130 milioni di copie e sfociato in una serie TV animata e fumetti manga, una delle creazioni più amate di Nintendo sta diventando un film.

La scorsa settimana è arrivata la notizia che l’editore di videogiochi e produttore di console avrebbe rilasciato un live-action Leggenda di Zelda film ha fatto impennare le sue azioni e ha dato speranza agli investitori che si chiedevano se il gruppo con sede a Kyoto potesse finalmente sfruttare appieno il profondo pozzo di proprietà intellettuale rappresentato da una serie di personaggi popolari dei suoi giochi di successo.

“Si può probabilmente sostenere che Nintendo ha il più grande bacino di proprietà intellettuale sottoutilizzata al mondo”, ha affermato Robin Zhu, analista di Bernstein. “Uno dei dibattiti attorno a Nintendo riguarda la misura in cui diventeranno più commerciali. . . Trovano un modo per far sì che questi film abbiano più importanza finanziariamente? Questi film si traducono in un aumento delle vendite di software in totale?

Il regalo di Nintendo a Zelda fan — che erano già rimasti scottati da un trailer falso nel 2008 — segue il successo inaspettato del blockbuster di quest’anno Film di Super Mario Bros.

Battuto solo da Barbie al botteghino, ha fornito la speranza allettante che Nintendo potesse guadagnare dall’uscita dei film e creare nuovi modi per aumentare le vendite di giochi e console, l’enorme motore dei profitti.

Tuttavia, le prove che tale strategia funzionerà rimangono inconcludenti.

Shigeru Miyamoto
Il creatore di Mario, Shigeru Miyamoto, al centro, ha detto che un film di successo non ha necessariamente dato una spinta alle successive vendite del gioco © Rodin Eckenroth/Getty Images

Nonostante abbia incassato quasi 1,4 miliardi di dollari al botteghino dalla sua uscita in aprile, gli analisti hanno messo in dubbio l’impatto del film sui profitti di Nintendo. Si stima che la società abbia ceduto più della metà degli incassi al botteghino ai cinema e ai distributori. Nintendo ha rifiutato di commentare il Film di Super Mario Bros accordo di distribuzione con Universal Pictures.

“Nella misura in cui gli investitori sono interessati alla redditività dei film e di altre proprietà intellettuali. . . saranno interessati a sapere se Nintendo può pagare al distributore più del 20% per il Zelda film”, ha affermato David Gibson, analista senior di MST Financial.

Forse ancora più importante, un’ammiraglia Mario il gioco uscito in ottobre non è riuscito a generare il tipo di vendite che dimostrerebbero chiaramente che il film ha aumentato la domanda.

Mentre ci sono le scuse di un eccesso di titoli in arrivo sul mercato a seguito della pandemia di Covid-19 e della crisi del costo della vita, gli analisti affermano che la giuria non si pronuncia sul successo del film nell’aiutare a vendere i giochi.

Nintendo ha detto il Meraviglie di Super Mario Bros il gioco ha venduto 4,3 milioni di unità nelle prime due settimane dalla sua uscita, rispetto a La leggenda di Zelda: Tears of the Kingdomche ha venduto 10 milioni nei primi tre giorni.

“Penso che questo abbia aumentato l’interesse per Mario ha contribuito a portare a vendite significative per Meraviglie di Super Mario Bros“,” Mario E Zelda il creatore Shigeru Miyamoto, che sta producendo l’ultimo film, ha detto agli analisti mercoledì scorso. Ma l’uscita di un film “non significa necessariamente che le vendite dei relativi software aumenteranno di conseguenza”, ha aggiunto.

C’è una questione più ampia riguardante l’incapacità delle multinazionali giapponesi nel loro insieme di monetizzare completamente la propria proprietà intellettuale. Ciò è comunemente attribuito alla forza storica del mercato interno e al modo in cui le aziende tendono a pensare al valore della proprietà intellettuale in termini di hardware e produzione, piuttosto che come qualcosa che può essere sfruttato più ampiamente.

Questo atteggiamento sta cambiando, dicono alcuni investitori, spinti da Il film di Super Mario Bros ma anche da versioni più mediocri come quella di Sega Sonic il riccio.

Tuttavia, Nintendo, che ha già accordi di licenza per i parchi a tema, ha avvertito che non andrà troppo oltre e ha lanciato una nota cauta.

“L’uso della proprietà intellettuale di Nintendo richiede una supervisione estremamente attenta”, ha affermato la settimana scorsa il presidente di Nintendo, Shuntaro Furukawa. “Non crediamo che fissare obiettivi numerici come le entrate per il business legato alla proprietà intellettuale sia appropriato”.

Il nuovo Zelda il film è quindi impostato come un banco di prova, sia della capacità di Nintendo di siglare un migliore accordo di distribuzione – il film è cofinanziato con Sony, che si occuperà anche della distribuzione – sia di ciò che può fare come pubblicità per il film principale Attività commerciale.

Gli analisti di Jefferies hanno sottolineato che l’accordo con Sony è stato “una partnership notevole dopo decenni dal loro ultimo progetto insieme” e potrebbe rappresentare una mossa strategica per sfruttare la “forte rete di distribuzione e il track record editoriale” del suo rivale.

Ma proprio come giocare a Zelda gioco, può essere fin troppo facile lasciare che la fantasia prenda il sopravvento.

“C’è un enorme desiderio di credere tra gli investitori. Temo che si trasformi in un pio desiderio”, ha detto Zhu di Bernstein.

“Anche se ora c’è molta eccitazione per la diffusione della proprietà intellettuale, potrebbe esserci una reazione negativa se non avesse successo”, ha affermato l’investitore Pelham Smithers di Pelham Smithers Associates.

“I commentatori scriveranno su come le aziende di videogiochi dovrebbero concentrarsi sulla realizzazione di videogiochi e su come concedere in licenza la proprietà intellettuale[instead]agli esperti di produzione cinematografica, televisiva e di merchandising.