Dom. Lug 21st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’amministratore delegato di Google, Sundar Pichai, è salito sul banco dei testimoni martedì per la seconda volta in un mese, testimoniando in un processo sul fatto che la società utilizzi il suo popolare app store per soffocare la concorrenza ed estorcere commissioni eccessive.

Epic Games, il creatore del popolare Fortnite game, ha sostenuto nella sua causa che Google ha creato una serie di restrizioni contrattuali e tecniche attorno al suo sistema operativo Android che di fatto hanno reso il suo Play Store l’unico canale in cui gli utenti possono acquistare app. Il processo è iniziato la scorsa settimana e dovrebbe arrivare davanti alla giuria a metà dicembre.

Android di Google è il sistema operativo mobile più utilizzato al mondo, eclissando iOS di Apple. Epic afferma che Google ha stretto accordi restrittivi con produttori di smartphone e reti mobili per garantire che non emergessero seri rivali per il proprio negozio.

Epic ha affermato che l’utile operativo di Google sul Play Store ha superato i 12 miliardi di dollari nel 2021, con un margine di oltre il 70%.

Durante il procedimento di martedì, un avvocato di Epic ha chiesto a Pichai informazioni sugli accordi di Google con i produttori di smartphone che richiedono loro di preinstallare il Play Store insieme a una suite di app sui loro dispositivi.

Pichai ha ammesso che nessun produttore di smartphone oltre ad Apple offre attualmente un sistema operativo alternativo basato su Android di Google e che l’azienda richiede la preinstallazione di un pacchetto di diverse app Google nei suoi contratti con i produttori di dispositivi.

I contratti di Google sono stati centrali anche nel secondo processo in cui è attualmente coinvolto il gigante della tecnologia, in una causa intentata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti in cui si accusava il gruppo di aver abusato della propria posizione dominante nel mercato della ricerca. Pichai ha testimoniato al processo di fine ottobre, affermando che gli accordi che rendono il suo motore di ricerca predefinito su smartphone e browser possono essere “molto preziosi”.

Pichai martedì ha confermato che Google paga ad Apple circa il 36% dei ricavi di ricerca generati su iOS per essere il motore di ricerca predefinito sui suoi dispositivi. Gli analisti di Wall Street avevano precedentemente stimato i pagamenti della società ad Apple a 16-20 miliardi di dollari all’anno.

È stato anche oggetto di intense interrogazioni da parte dell’avvocato di Epic Games Lauren Moskowitz sulla politica dell’azienda di eliminare i messaggi interni dei dipendenti. Il giudice che supervisiona il caso ha convocato il responsabile legale di Google, Kent Walker, più tardi questa settimana per spiegare l’apparente incapacità della società di preservare i messaggi interni dell’azienda che avrebbero dovuto essere salvati per un potenziale utilizzo in contenziosi.

Il giudice ha avvertito che potrebbe incaricare la giuria di presumere che le informazioni distrutte da Google fossero incriminanti.

Interrogato dall’avvocato di Epic, Pichai ha affermato di aver seguito il consiglio di Walker nel continuare la politica di eliminazione della cronologia interna delle chat ogni 24 ore, stabilita nel 2008 prima che assumesse la carica di amministratore delegato.

Un messaggio mostrato alla corte dall’ottobre 2021, dopo che Epic ha intentato una causa contro l’azienda, mostrava Pichai che chiedeva di disattivare la cronologia, sebbene la discussione non riguardasse il Play Store o Android.

“Ho sostenuto tutte le raccomandazioni dei nostri team legali e di conformità”, ha affermato Pichai.

Successivamente, interrogato dall’avvocato di Google, Pichai ha affermato di aver seguito le istruzioni per preservare i documenti relativi al caso di Epic Games e di non aver mai disattivato la cronologia chat per impedire che le comunicazioni apparissero in tribunale.

Pichai ha affermato che l’azienda compete “ferocemente” con i dispositivi iOS di Apple e che i dispositivi Android offrono un’alternativa importante e più economica: “Consentiamo smartphone più convenienti”.

Anche Epic Games ha presentato accuse simili di comportamento anticoncorrenziale contro Apple. I due giganti della tecnologia si sono avviati Fortnite dai rispettivi app store dopo che Epic ha deliberatamente aggirato i loro metodi di pagamento. Questi metodi di pagamento impongono una commissione dal 15 al 30% sugli acquisti digitali, che secondo Epic sono eccessivi.

Nel 2021, Apple è emersa per lo più vittoriosa, anche se alla società è stato ordinato di modificare le regole che impediscono agli sviluppatori di indirizzare i clienti al di fuori dell’App Store per effettuare acquisti.

La sentenza è stata confermata da una corte d’appello all’inizio di quest’anno, ed entrambe le parti ora chiedono il riesame della Corte Suprema degli Stati Uniti.