Lun. Giu 24th, 2024
Imperial guida il trionfo delle università tecnologiche

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Quando l’Imperial College London fu fondato nel 1907, la sua missione era “essere utile”. Il Massachusetts Institute of Technology fu altrettanto modesto, prendendo il castoro come sua mascotte nel 1914 in riconoscimento delle “abilità ingegneristiche e meccaniche e delle abitudini industriali” del costruttore della diga. Le sue abitudini sono notturne, fa il suo lavoro migliore al buio.

Se si guida a ovest di Londra oltre White City, l'Imperial è ora impossibile non vederlo. L'imponente secondo campus dell'università di scienza e tecnologia, che si aggiunge a quello originale a South Kensington, ha attirato un gruppo di start-up nel campo della biotecnologia insieme alla sede centrale britannica di Novartis in un ex sito della BBC. È molto utile per l’economia del Regno Unito in quello che è stato un periodo difficile.

Il MIT è in cima alla classifica QS delle università di ricerca globali negli ultimi dieci anni, e l’Imperial questa settimana si è classificata al secondo posto nella classifica del 2025, superando non solo Oxford e Cambridge ma anche Harvard. Dalle sue modeste radici in una fusione che ha coinvolto il Royal College of Chemistry e la Royal School of Mines, è una delle università più apprezzate e in più rapida espansione al mondo.

Naturalmente, le classifiche universitarie dovrebbero essere prese con un pizzico di cloruro di sodio. Facendo la media di molti fattori, tra cui la qualità dell’insegnamento, l’occupabilità dei laureati e l’influenza della ricerca, si otterranno sempre risultati arbitrari, indipendentemente dal gioco che si svolge. Anche il fatto che l'Imperial sia salito di quattro posizioni quest'anno ha di per sé un significato limitato.

Ma non c’è dubbio che l’Imperial abbia prosperato da quando ha divorziato dall’Università di Londra quasi vent’anni fa. Ha 23.000 studenti, quasi la metà provenienti dall'estero, nonostante gli studenti universitari paghino tra £ 38.000 e £ 54.000 all'anno. La loro attenzione alle materie fondamentali in scienza, tecnologia, ingegneria, medicina ed economia li rende laureati molto ricercati.

Dietro tutto ciò si nasconde una storia più ampia riguardante la crescita globale delle università scientifiche e tecnologiche, molte delle quali create come istituti professionali di secondo livello secoli dopo i college di arti liberali e umanistiche che sono spesso identificati con la parola “università”. L'acquisizione di molte industrie da parte della tecnologia della Silicon Valley si riflette nel mondo dell'istruzione.

Il MIT e il California Institute of Technology (Caltech) hanno effettuato la transizione qualche tempo fa. Ma altri stanno emergendo in Europa e in Asia. Una presenza fissa nella top 10 del QS è l'ETH di Zurigo, l'università dove Albert Einstein era professore, nonostante fosse stato uno studente mediocre.

La loro classifica è un tardivo adempimento di ciò che il pedagogista John Dewey aveva previsto nel 1944 in un saggio fondamentale sull’educazione alle arti liberali. Ha scritto che il divario del 19° secolo tra l’istruzione d’élite e quella professionale era obsoleto nel mezzo di una rivoluzione scientifica “che abbatte una volta per tutte il muro tra la mano e la testa”.

Lo studio della fisica, dell'informatica, dell'ingegneria aeronautica e delle scienze della vita spazia dalla ricerca più pura ad applicazioni e competenze diventate essenziali in molti lavori, dalla finanza allo sviluppo di farmaci. La prima missione dell'Imperial non era solo fantasia – le competenze professionali una volta erano chiamate “arti utili” – ma i dottorati in scienze ora sono professionali.

Università come il MIT, l’Imperial e l’ETH non sono chiaramente le uniche che educano gli studenti alla scienza e alla tecnologia. La Silicon Valley trae il suo peso intellettuale dalla Stanford University, che offre molti altri corsi oltre a quelli di informatica. La forza dell'Università di Cambridge nel campo delle scienze della vita la rende anche una calamita per gli affari.

Ma l’attenzione può portare chiarezza a un’istituzione. Hugh Brady, presidente dell'Imperial, mi dice di essere rimasto colpito dall'atteggiamento di molti dei suoi studenti quando è arrivato dall'Università di Bristol due anni fa. “Sono interessati all’innovazione e molti di loro diranno, anche agli open day, che vogliono avviare un’impresa quando se ne andranno”.

La praticità di alto livello e il potere di convocazione delle migliori università scientifiche fanno sì che il loro prestigio e la loro importanza per le economie siano in crescita. Ciò a sua volta rende vitale per i paesi in cui hanno sede continuare a coltivarli: il più ampio settore dell’istruzione superiore del Regno Unito è sotto pressione finanziaria, con più della metà delle sue università che rientrano nella classifica QS.

Una difficoltà è che i corsi di scienze richiedono spazio di laboratorio e sono costosi da fornire: Brady stima che l’Imperial perda in media 4.000 sterline all’anno per ogni studente universitario britannico che paga la retta di iscrizione nel Regno Unito di 9.250 sterline. Come altri, compensa facendo pagare di più agli studenti stranieri e attirando finanziamenti per la sua ricerca di alto livello.

Le principali istituzioni statunitensi sono più ricche, mentre la maggior parte dei finanziamenti dell’ETH proviene direttamente dal governo svizzero piuttosto che dalle tasse studentesche. C’è il pericolo che il Regno Unito, che grazie alla storia vanta molte importanti università a livello mondiale, cada tra i due sgabelli. Imperial ha fatto funzionare la sua formula finanziaria, ma potrebbe non sempre funzionare così.

Tuttavia, non scommetterei contro il fatto che l’Imperial e altre università scientifiche continuino a guadagnare sui loro concorrenti dalle torri d’avorio. Una volta era facile guardarli dall’alto in basso, ma dovremmo guardare in alto.

[email protected]