Mar. Giu 18th, 2024
Come Mike Lynch è uscito libero dopo la sua decennale saga legale negli Stati Uniti

Il verdetto, emesso giovedì a mezzogiorno al 17° piano del tribunale federale di San Francisco, è stato sorprendente. Più di 12 anni dopo essere stato accusato di quella che un investigatore statunitense definì la più grande frode mai avvenuta nella Silicon Valley, Mike Lynch, un tempo uno dei più importanti imprenditori tecnologici del Regno Unito, non era colpevole su tutti i fronti.

Il co-fondatore ed ex capo dell'ex prestigiosa società di software britannica Autonomy si è messo brevemente le mani sul viso e sugli occhi dopo che le parole “non colpevole” sono state lette 15 volte, secondo un giornalista di Law360 che era nella stanza . Qualche istante dopo, sua moglie si precipitò ad abbracciarlo.

Dopo aver combattuto aggressivamente e instancabilmente per anni nei tribunali e attraverso la stampa, è stato un momento di pura rivendicazione. Una delle figure di spicco emerse dalla scena tecnologica “Silicon Fen” intorno a Cambridge negli anni ’90, Lynch era stato costretto a rinunciare alla sua vita di imprenditore, investitore di start-up e figura di spicco nell’establishment scientifico britannico per difendersi. Aveva sopportato un anno ignominioso agli arresti domiciliari a San Francisco, indossando un braccialetto alla caviglia e sotto la supervisione 24 ore su 24 delle guardie di sicurezza che era stato costretto a pagare personalmente.

Ma nella campagna condotta dai pubblici ministeri statunitensi contro la criminalità dei colletti bianchi di alto profilo, il verdetto è stato poco meno che un disastro. Avevano già ottenuto la condanna del massimo dirigente finanziario di Autonomy, Sushovan Hussain, per accuse simili utilizzando più o meno le stesse prove. Avevano anche combattuto con successo una campagna per estradare Lynch dal Regno Unito, dove aveva sostenuto che qualsiasi reclamo riguardante una società quotata in Gran Bretagna da parte di dirigenti con sede nel Regno Unito avrebbe dovuto essere ascoltato.

Le accuse scaturivano dalla vendita di 11 miliardi di dollari di Autonomy al conglomerato tecnologico statunitense Hewlett-Packard nel 2011. Un anno dopo l'accordo, la veterana della Silicon Valley Meg Whitman, allora amministratore delegato di HP, accusò Lynch e altri dirigenti di Autonomy di gonfiare falsamente i ricavi della loro azienda. negli anni precedenti l’accordo, costringendo HP a pagare in eccesso di 5 miliardi di dollari.

Nel 2019, nella stessa aula di tribunale in cui Lynch sarebbe stato poi processato, Hussain è stato condannato a cinque anni di reclusione. Quella convinzione, tuttavia, non poteva essere discussa di fronte all’ultima giuria di San Francisco, costringendo i pubblici ministeri a riproporre il caso da zero – un contorto argomento finanziario che coinvolgeva una vertiginosa varietà di presunti contratti fraudolenti e trucchi contabili.

Lynch sembrava dover affrontare una dura battaglia fin dall'inizio. Oltre a vedere condannato il suo ex capo delle finanze, un giudice nel Regno Unito si era pronunciato contro di lui in una causa di frode civile intentata da HP. La società statunitense sta chiedendo un risarcimento danni per 4 miliardi di dollari, anche se il giudice ha affermato che il risarcimento sarebbe probabilmente molto inferiore.

La difesa di Lynch nel procedimento penale ha subito gravi battute d'arresto anche prima dell'inizio del processo a metà marzo. Per anni aveva sostenuto che le accuse di frode erano una cortina di fumo utilizzata da HP per nascondere la propria cattiva gestione di Autonomy dopo l'accordo. Ma il giudice Charles Breyer – il fratello con il papillon dell’ex giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Stephen Breyer, che ha presieduto il caso – ha impedito a Lynch di fare questo punto alla giuria, sostenendo che gli eventi accaduti dopo la presunta frode erano irrilevanti.

Il suo team legale l’ha definita una battaglia contro ogni previsione fin dall’inizio. Eppure, alla fine, gli sforzi dell'accusa per colpire nel segno con la sua analisi dettagliata delle finanze di Autonomy, e la performance calma e fiduciosa di Lynch nella propria difesa sul banco dei testimoni, sembravano aver girato le cose a suo favore.

I pubblici ministeri hanno cercato di descrivere Lynch come un capo prepotente e di controllo che aveva ideato personalmente la presunta frode. Al contrario, il Lynch che è apparso sul banco dei testimoni era calmo e controllato – e talvolta divertente – durante il controinterrogatorio. Di fronte alle domande sulle e-mail sempre più irregolari del suo capo delle finanze sui dati di fine trimestre che rischiavano di mettere Autonomy dietro le stime di Wall Street, ha scherzato dicendo che Hussain “viveva i quartieri come l’allenatore di una squadra di football”.

Di fronte alle e-mail che aveva inviato al suo team contenenti errori di ortografia o lettere maiuscole, ha scherzato dicendo che “sembra proprio me”. Una volta, descrivendo come era rimasto “intrappolato” a San Francisco per mesi a causa dell'eruzione del vulcano in Islanda nel 2010, si affrettò ad aggiungere alla giuria dei californiani: “È molto bello qui, anche se mi è mancato il tè”.

I pubblici ministeri hanno anche dovuto affrontare difficoltà nel dimostrare chiaramente che si era verificata una frode. Durante le discussioni iniziali, Breyer ha pungolato l'accusa, chiedendosi perché non potesse ridurre il numero di esempi dettagliati e arrivare al punto.

I pubblici ministeri hanno passato ore a presentare alla giuria fogli di calcolo che mostravano le prestazioni finanziarie di Autonomy e le e-mail interne di Autonomy, senza sferrare alcun colpo apparente. Il primo giorno del controinterrogatorio è stato così tortuoso che, dopo aver scusato la giuria, il giudice ha criticato duramente l'accusa, avvertendoli di arrivare al punto e notando che i giurati chiaramente non stavano seguendo.

“Penso di capire alcuni dei punti che stai cercando di sottolineare, ma si perdono nel pantano”, ha detto Breyer.

Senza prove dirette che collegassero Lynch ai contratti e ai documenti contabili che sostenevano fossero fraudolenti, i pubblici ministeri cercarono di dipingere Lynch come un capo esigente e attento ai dettagli che aveva tenuto sotto stretto controllo tutti gli aspetti degli affari della sua azienda.

Ciò era in linea con il Lynch che per anni aveva combattuto la propria difesa attraverso la stampa, discutendo faticosamente sui trattamenti contabili contestati che avevano portato ad accuse penali. Ciò includeva una difesa dettagliata del motivo per cui la contabilità di Autonomy era corretta secondo le norme contabili internazionali e che erano solo le particolarità della contabilità statunitense a mostrare un problema.

Eppure Lynch ha ripetutamente minimizzato il suo coinvolgimento nella contabilità finanziaria di Autonomy durante il processo, sostenendo occasionalmente di non comprendere i fogli di calcolo dettagliati preparati dal suo capo finanziario sulle vendite trimestrali della società presentati dai pubblici ministeri.

“L'amministratore delegato non fa queste cose”, ha detto, parlando direttamente alla giuria. “Non ti occupi della contabilità, non ti occupi dell'assistenza clienti. Hai un dipartimento che lo fa e stabilisci una cultura per ciò che vuoi che facciano.

Ha inoltre preso le distanze dalle transazioni che sarebbero state all'origine della frode. Molti dei testimoni che hanno testimoniato contro di lui, ha detto alla giuria, erano “persone che non avevo mai incontrato, o se li avevo incontrati era stato casuale – una stretta di mano”.

“Sembra che il governo credesse che, poiché Mike Lynch era l'amministratore delegato, sapesse tutto quello che succedeva nell'azienda”, ha detto Stephanie Siegmann, partner di Hinckley Allen ed ex procuratore e capo della sicurezza nazionale presso l'ufficio del procuratore americano in Massachusetts. il MagicTech. “Le prove sembrano chiaramente non aver soddisfatto i requisiti [evidentiary] fardello.”

La decisione di Lynch di prendere posizione nel suo processo segue quella di altri ex amministratori delegati della tecnologia come Elizabeth Holmes e Sam Bankman-Fried, che furono condannati. Ma in quei casi le vittime erano singoli investitori.

HP, d'altra parte, è stata “molto meno comprensiva” come presunta vittima, ha detto Siegmann. E il governo ha dovuto affrontare una sfida nel convincere una giuria oltre ogni ragionevole dubbio sul perché Lynch, che era stato descritto come “il Bill Gates del Regno Unito”, avesse un motivo finanziario abbastanza forte per frodare HP, ha aggiunto.

La strategia ad alto rischio ha funzionato e quando è stata emessa la sentenza il lungo incubo legale sembrava essere finito. Ma anche se Lynch ha affermato di non vedere l’ora di tornare a casa e riprendere la sua vita di imprenditore, ha comunque dovuto affrontare un giudizio civile potenzialmente rovinoso e una difficile lotta per riconquistare la sua posizione nell’establishment tecnologico del Regno Unito.