Gio. Giu 13th, 2024
Industria dei giochi nel Regno Unito: amici vincenti

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Passa il controllore. La società di servizi di videogiochi quotata a Londra, Keyword Studios, sta valutando un'offerta da 2,2 miliardi di sterline che più che raddoppia il suo prezzo azionario indisturbato. Sulla costa orientale della Scozia, Dundee, un tempo famosa per la sua produzione di iuta, si sta definendo la capitale europea del giocopieno di effetto cluster e corsi universitari specializzati. Azioni di Frontier Developments con sede a Cambridge, sede di giochi ad alto budget, come Il magnate delle montagne russesono più che raddoppiati negli ultimi due mesi.

L'industria britannica dei giochi da 5,5 miliardi di dollari, decollata dopo l'introduzione di agevolazioni fiscali nel 2014, potrebbe essere utile un cambiamento nelle fortune. Il boom innescato dal Covid-19, che ha visto più giocatori trascorrere più tempo giocando e ha provocato una rivalutazione record delle valutazioni, si è drasticamente attenuato lo scorso anno.

Le aziende si sono ritrovate con basi di costo gonfiate, progettate per tenere il passo con i tassi di crescita annuale del 10-20% del 2020 e del 2021. Avevano altre battaglie tra le mani. Titoli di pezzi grossi, come Gran Turismo7, rinviato dal Covid, è entrato nel mercato, distogliendo gli occhi dai giochi indie meno sfarzosi. Microsoft e Sony tagliano i contributi agli sviluppatori dagli accordi di abbonamento.

Risultato: gli investitori si sono fatti un bagno mentre la raffica di quotazioni di fine decennio, e le concomitanti elevate aspettative di crescita, cominciavano a sembrare fantastiche come alcuni dei giochi. I soldi si sono esauriti – testimone Raccolta fondi da 12,3 milioni di dollari da parte di tinyBuild a gennaio – e i multipli ricchi si sono ridotti più velocemente di quanto Super Mario incontrasse un nemico.

Quindi, anche se l’offerta di parole chiave sembra ricca con un potenziale rapporto prezzo/utili di 24 volte, in pratica compensa le perdite degli ultimi 13 mesi circa.

Tuttavia, come suggerisce l’interesse del presunto acquirente EQT, le linee della trama stanno cambiando. Innanzitutto, forti tagli ai costi. La divisione giochi di Microsoft sta tagliando 1.900 dei suoi 22.000 dipendenti; Riot Games e Twitch stanno riducendo il personale. A livello industriale, quest’anno verrà tagliato forse un decimo dei lavoratori.

Sono in corso altre misure per sostenere i bilanci. Sviluppi di frontiera quest'anno venduto i diritti di colpire il gioco Il magnate delle montagne russe 3 ad Atari per 7 milioni di dollari, portando la sua liquidità a 23,4 milioni di sterline alla fine di marzo.

Successivamente, le aziende stanno frenando le loro ambizioni e riducendo le pipeline dei giochi. Ciò non è così dannoso per i guadagni come sembra: come nell’industria musicale, i cataloghi arretrati hanno una lunga durata. Patrick O'Donnell, analista di Goodbody, stima che circa il 60% del coinvolgimento dei giocatori avvenga in titoli vecchi di più di sei anni.

Inoltre, lascia ancora ampie impronte. Lo sviluppatore indipendente Team17, ad esempio, ha acquistato StoryToys con sede in Irlanda nel 2021, introducendo il mercato dei bambini in età prescolare. Altri si sono diversificati con giochi educativi ed esperienze simulate, come la guida del treno.

Le parole chiave stesse occupano uno spazio più periferico; fornisce servizi alle società di gioco, rendendolo un utile proxy per il settore. Gli investitori, temendo che l’intelligenza artificiale avrebbe mangiato il suo pranzo, hanno svenduto le azioni. Sembra eccessivo, almeno nel breve termine.

La lunga serie di acquisizioni del gruppo: più di 65 dalla quotazione nel 2013; di cui 22 acquistati per un totale di 572 milioni di euro dall’inizio del 2020, il che significa che dispone di legioni di ingegneri e strutture in 26 paesi. Ciò lo rende pronto ad affrontare il lavoro che gli studi ridotti ora saranno più disposti a esternalizzare, come la traduzione, il controllo di qualità e la garanzia di un gioco senza interruzioni quando gli utenti passano a un dispositivo diverso.

Chiaramente, il private equity vede valore. L'offerta di EQT per le parole chiave è la quinta. Solo pochi mesi prima l'europea CVC Capital aveva acquistato il produttore britannico di videogiochi Jagex, casa di lunga data RuneScape franchising, per circa £ 910 milioni in un giro di private equity. Inizio partita.