Lun. Giu 24th, 2024
xAI di Meta ed Elon Musk combattono per collaborare con il gruppo chatbot Character.ai

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Meta e xAI di Elon Musk sono in lizza per una partnership con il produttore di chatbot Character.ai, mentre gruppi tecnologici dalle tasche profonde sciamano attorno alle start-up di intelligenza artificiale più calde della Silicon Valley.

Il proprietario di Facebook Meta ha recentemente discusso in anticipo di un legame con Character.ai, che utilizza grandi modelli linguistici per generare conversazioni nello stile di varie figure e personaggi, secondo quattro persone che hanno familiarità con la questione.

I gruppi hanno discusso dei loro migliori ricercatori che lavorano a stretto contatto su iniziative come la pre-formazione e lo sviluppo di modelli, hanno detto alcune persone.

Il nascente gruppo, sostenuto dalla società di venture capital Andreessen Horowitz della Silicon Valley, ha anche tenuto colloqui esplorativi con xAI su una partnership simile, hanno detto due persone a conoscenza delle discussioni.

Tuttavia, i colloqui non hanno portato alla conclusione di alcun accordo, hanno aggiunto le fonti.

L’interesse per Character.ai è l’ultimo segnale di come i principali gruppi tecnologici stiano cercando di garantire partnership e investimenti nelle migliori start-up di intelligenza artificiale, mentre gareggiano tra loro per sviluppare la tecnologia all’avanguardia.

Meta ha dichiarato a settembre che stava incorporando chatbot con intelligenza artificiale su Instagram, Facebook e WhatsApp, inclusi diversi che assumono personaggi famosi come il rapper Snoop Dogg.

Nel frattempo, xAI ha sviluppato il proprio chatbot, Grok, disponibile per gli abbonati premium su X, la piattaforma di social media di proprietà di Musk.

Le discussioni si sono concentrate sul progresso della ricerca piuttosto che su un'acquisizione, ha detto uno dei partecipanti.

I gruppi Big Tech sono stati cauti nel tentare l’acquisizione totale delle start-up di intelligenza artificiale per i timori di un’azione normativa in tutto il mondo.

L'alleanza da 13 miliardi di dollari di Microsoft con OpenAI è al vaglio delle autorità garanti della concorrenza del Regno Unito e degli Stati Uniti, nonostante i due gruppi insistano che la loro partnership non sia una fusione.

Meta ha anche preso contatti con altre società di intelligenza artificiale per potenziali partnership, ha affermato una persona a conoscenza della sua strategia.

Tali mosse arrivano mentre la piattaforma aumenta i suoi investimenti nell’intelligenza artificiale e punta a diventare “l’azienda leader nel mondo dell’intelligenza artificiale”, secondo l’amministratore delegato Mark Zuckerberg.

Anche Adept, una start-up di agenti AI gestita da ex sviluppatori di OpenAI e Google AI, ha avuto colloqui con Meta per una vendita o una partnership strategica, secondo una persona a conoscenza della questione. La notizia dell'accordo con Adept è stata riportata per la prima volta da The Information mercoledì.

Meta ha adottato un approccio diverso rispetto ai suoi maggiori rivali nello sviluppo di modelli di intelligenza artificiale.

I modelli Llama di punta dell'azienda sono open source, il che significa che il loro codice sorgente è liberamente disponibile al pubblico e agli sviluppatori che si basano sulla piattaforma. OpenAI, Anthropic e Google, invece, hanno sviluppato modelli proprietari “chiusi”.

I modelli di Meta rappresentano un'alternativa più economica per imprese e sviluppatori, ma gli investitori si sono tirati indietro a costo di tenere il passo con i rivali.

Il mese scorso, Meta ha perso quasi 200 miliardi di dollari in valore di mercato quando Zuckerberg ha promesso di aumentare la spesa per l’intelligenza artificiale come parte del suo lavoro verso lo sviluppo dell’intelligenza artificiale generale, genericamente definita come un’intelligenza artificiale in grado di sovraperformare gli esseri umani in una serie di compiti.

xAI di Musk si sta avvicinando a una raccolta fondi di 6 miliardi di dollari, che l'imprenditore seriale spera possa aiutarlo a guadagnare terreno su OpenAI, Google e Meta.

Ha parlato del suo desiderio di costruire “la massima intelligenza artificiale alla ricerca della verità” e la sua proposta agli investitori è che l’accesso ai dati e alle competenze delle sue altre società – come Tesla e X – gli danno un vantaggio rispetto ai rivali.

Noam Shazeer, fondatore di Character.ai ed ex ricercatore di Google, è stato uno degli autori di un articolo del 2017 che proponeva la trasformatore modello, che è alla base dei migliori modelli di intelligenza artificiale oggi.

Secondo una persona che conosce Shazeer, è concentrato sulla creazione dell'AGI e sulla ricerca di più risorse per farlo. Character.ai sta anche esplorando collaborazioni con altri gruppi, ha affermato una persona che ha familiarità con la sua strategia.

Character.ai e Meta hanno rifiutato di commentare. Musk non ha risposto a una richiesta di commento.