Gio. Giu 20th, 2024

Il marketer Zain Kahn afferma di guadagnare più di 1 milione di dollari all’anno in entrate pubblicitarie, grazie soprattutto alle sue centinaia di migliaia di follower sui social media.

Tuttavia, non sta spingendo i prodotti ai fan su TikTok e Instagram. Kahn fa parte di una nuova generazione di “influencer” su una piattaforma completamente diversa: LinkedIn.

Kahn ha accumulato un seguito di 772.000 persone sul sito in circa un anno. Non guadagna direttamente da LinkedIn ma lo usa principalmente per promuovere la sua newsletter sull’intelligenza artificiale, che attira gli inserzionisti. “Il pubblico su LinkedIn è molto più prezioso rispetto ad altre piattaforme”, afferma.

La piattaforma di networking professionale di proprietà di Microsoft, un tempo sede esclusivamente della ricerca di lavoro e del networking, è stata invasa da molti dei suoi 930 milioni di utenti che condividono contenuti incentrati sulla carriera, spesso ambiziosi, nella speranza di costruire un seguito sostanziale.

Inizialmente il regno di magnati del business selezionati come Richard Branson, esperti di marketing meno conosciuti, imprenditori tecnologici e persino creativi come il rapper statunitense Snoop Dogg stanno ora cercando di sfruttare la piattaforma.

Il loro successo nell’attrarre un vasto seguito ha attirato l’attenzione di alcuni amministratori delegati di alto profilo, che ora stanno anche tentando di costruire marchi personali sulla piattaforma e aumentare il profilo delle loro attività.

“Riceviamo tantissime domande su come posso, in qualità di leader di livello C, presentarmi in modo da portare un’aureola alla mia azienda?” afferma Dan Shapero, direttore operativo di LinkedIn. “C’è una crescente domanda di consulenza. . . i dirigenti stanno riconoscendo che spesso il marchio della loro azienda ha molto a che fare con il modo in cui vengono visti”.

È sorto un mercato in aiuto, con consulenti, agenzie, consulenti interni e specialisti di pubbliche relazioni che consigliano gli amministratori delegati su come sfruttare LinkedIn.

Craig Mullaney, partner della società di relazioni con la stampa Brunswick Group, afferma che LinkedIn ha dimostrato di essere il canale di comunicazione più potente per alcuni degli amministratori delegati con cui lavora. “Durante una crisi, questo è spesso il momento in cui è più difficile per il CEO far capire il proprio punto di vista, soprattutto se i media non sono d’accordo con il suo punto di vista. COSÌ [LinkedIn] funge da canale diretto per i propri dipendenti e investitori.

L’anno scorso, ad esempio, quando ebbe luogo una sparatoria di massa in un Walmart a Chesapeake, in Virginia, da parte di un dipendente che prendeva di mira i suoi colleghi, l’amministratore delegato del rivenditore Doug McMillon è andato su LinkedIn offrire supporto alle persone colpite e rassicurare il personale.

Un altro vantaggio di avere una piattaforma su LinkedIn è la capacità di attrarre personale. Secondo un rapporto del 2022 di Brunswick, quando i candidati cercano un’azienda a cui potrebbero aderire, guardano prima il sito web dell’azienda, poi la pagina LinkedIn del CEO.

Costruire un profilo sulla piattaforma è reso più semplice dal numero relativamente piccolo di “influencer” – noti anche come creatori – che la rendono meno competitiva. Allo stesso tempo, la base di utenti è impegnata. “Nessuno sfiderà mai LinkedIn perché tutta la nostra rete è lì”, afferma Lou Paskalis, un veterano della pubblicità e amministratore delegato di AJL Advisory.

Mentre l’obiettivo principale dei CEO su LinkedIn è quello di creare la propria immagine aziendale, gli influencer a cui cercano suggerimenti stanno trasformando la piattaforma in un mezzo di sostentamento, monetizzando il pubblico indirettamente attraverso accordi con i marchi e conferenze, newsletter e corsi sostenuti dalla pubblicità.

Chiamandosi “The AI ​​Guy”, Kahn condivide consigli pratici, spesso sotto forma di elenco, su come i professionisti possono trarre vantaggio dalle nuove tendenze e strumenti dell’IA. Uno dei suoi post più popolari, “15 potenti suggerimenti ChatGPT per farti risparmiare 15 ore a settimana”, ha raccolto più di 15.000 Mi piace e centinaia di commenti e ripubblicazioni.

Uno dei motivi per cui sceglie LinkedIn è il profilo utente. Su X, ex Twitter, il suo pubblico tende ad essere più giovane e meno professionale. Ma su LinkedIn “raggiungono una certa soglia di reddito, quindi hanno potere d’acquisto e sono anche decisori”, afferma. “Costruire un pubblico ti porta da un punto in cui stai inseguendo opportunità a dove loro stanno inseguendo te.”

Anche per Sahil Bloom, giocatore di baseball diventato imprenditore, LinkedIn è la principale fonte di abbonati alla sua newsletter, che guadagna tra i 60.000 e i 70.000 dollari al mese dalla pubblicità. Genera inoltre contatti per le sue altre attività, tra cui un’agenzia di personal branding e web design.

“LinkedIn è appena in fase di realizzazione del suo potere come social network”, afferma Bloom.

Per coloro che cercano la fama su Internet senza il trolling e il vetriolo che spesso ne derivano, LinkedIn offre uno spazio più sicuro rispetto a rivali come X, secondo gli utenti.

Bloom afferma: “Essendo qualcuno che è orgoglioso di far crescere la propria piattaforma condividendo contenuti positivi e senza alimentare negatività, rabbia o controversia, questo è particolarmente avvincente per me.”

Gretchen Rubin, autrice di bestseller che scrive di autogestione e carriera, ha quasi 3 milioni di follower sulla piattaforma ma afferma di “non essere mai stata attaccata o di aver avuto un’esperienza negativa del genere”. Descrive la piattaforma come “una grande risorsa gratuita” per il suo lavoro, aggiungendo: “Sento che il mondo è il mio assistente di ricerca”.

Tuttavia, LinkedIn non è per tutti. Alcuni lamentano la mancanza di esperienza utente e di capacità di analisi, mentre è sede di truffatori sofisticati, che spingono avvertimenti dall’FBI.

Nel frattempo, la tendenza di alcuni utenti a postare patinati discorsi aziendali e sgargianti mantra motivazionali ha attirato critiche secondo cui si tratta dell’incarnazione dei social media. “positività tossica”.

È nata una formula popolare in base alla quale gli utenti descrivono come hanno superato le avversità e trovato il successo, spesso con una concisa approvazione ispiratrice, suggerendo versioni satiriche da comici e ridicolo da account su X, come “The State of LinkedIn”. Gli utenti di un forum Reddit dedicato ai contenuti “insopportabili” di LinkedIn si sono opposti al lancio di Snoop Dogg sulla piattaforma.

LinkedIn, che quest’anno ha aumentato i ricavi dell’8%, sta incoraggiando i creatori. Ha aggiunto nuove funzionalità e formati come audio, video live e newsletter. Ha un team di notizie e creatori, guidato dall’ex caporedattore di Fortune Dan Roth, composto da oltre 200 giornalisti ed editori che aiutano a promuovere e curare un feed di conversazioni professionali.

Recentemente, ha avviato un’iniziativa che utilizza l’intelligenza artificiale per generare spunti di conversazione, quindi chiede agli esperti pertinenti di aggiungere i propri commenti e contributi.

“Ciò che rende veramente unico LinkedIn è che hanno una funzione editoriale”, afferma Mullaney. “Quando un dirigente ha notizie importanti da ascoltare, se lavora con LinkedIn e il team editoriale, ci sono tutti i tipi di leve che il team può utilizzare per generare una portata reale.” Cita esempi come l’inserimento dei creatori nei consigli, nelle notifiche push e nella scheda delle notizie.

Altri utenti, come il designer di abbigliamento Jason Mayden, applaudono la piattaforma per promuovere la diversità e gli imprenditori neri dove altri hanno fallito.

“Ho scoperto che su LinkedIn c’è un livello di intelletto in quello che faccio, la piattaforma mi permette di mostrarlo e di non essere incasellato,” dice Mayden, una delle cosiddette Voci Top di LinkedIn, che pubblica sui suoi 10.000 follower sul suo processo creativo e sul suo percorso professionale. “[With] altre piattaforme, sei in balia di un algoritmo che ti colloca in una determinata categoria.”