Lun. Giu 17th, 2024

La Corea del Sud e gli Stati Uniti si sono impegnati ad espandere la loro alleanza di difesa in orbita durante il forum spaziale congiunto inaugurale questa settimana, mentre i paesi cercano una cooperazione più profonda in risposta alle minacce emergenti da parte di avversari tra cui Corea del Nord e Cina.

Seoul e Washington hanno concordato di rafforzare la loro partnership in aree che vanno dalla difesa, al commercio e all’esplorazione dello spazio civile. Ciò avviene mentre la Corea del Sud ha aumentato le sue ambizioni in termini di capacità di lancio e sorveglianza indipendenti, nel mezzo di un’intensificarsi della corsa allo spazio asiatica.

“Lo spazio sta diventando sempre più militarizzato e armato. . . girando [it] in una gigantesca scacchiera geopolitica”, ha detto lunedì al forum il ministro degli Esteri sudcoreano Park Jin.

Seoul ha fatto progressi significativi nello spazio. Un orbiter lunare sudcoreano senza equipaggio sta esaminando la superficie della Luna per futuri siti di atterraggio, e l’anno scorso Seoul ha lanciato un satellite su un razzo sviluppato internamente, un’impresa raggiunta da altri sei paesi: Russia, Stati Uniti, Francia, Cina, Giappone e India, che in agosto è diventato il primo paese a far atterrare una sonda sul Polo Sud della Luna.

Yoon Suk Yeol, il presidente del paese, ha dichiarato l’ambizione di far atterrare un veicolo spaziale sulla Luna entro il 2032 e su Marte entro il 2045. Seoul mira ad avere 130 satelliti nello spazio entro il 2030, un aumento di sei volte rispetto al numero odierno.

La settimana scorsa Seoul ha annunciato di voler lanciare un satellite spia militare, il primo, entro la fine del mese.

“Per un paese che ha avuto una storia modesta nel campo spaziale, la Corea del Sud è pronta a fare un enorme passo avanti”, ha affermato Sam Wilson, analista politico senior presso The Aerospace Corporation.

Una foto fornita dal governo nordcoreano mostra quello che si dice sia il lancio di un razzo di nuova concezione che trasporta un satellite a maggio
Una foto fornita dal governo nordcoreano mostra quello che si dice sia il lancio di un razzo di nuova concezione che trasporta un satellite a maggio © Agenzia di stampa centrale coreana/Korea News Service/AP

Nonostante i loro stretti legami in materia di sicurezza, gli Stati Uniti hanno storicamente ostacolato le ambizioni spaziali della Corea del Sud. Nel 1979, Washington insistette su linee guida per limitare la capacità di Seul di testare missili e razzi e limitò la sua tecnologia missilistica condivisa per paura di aiutare Seul a sviluppare le proprie armi nucleari.

Ciò ha costretto Seul a rivolgersi a Mosca come principale partner nello spazio negli anni 2000. Russia e Corea del Sud hanno sviluppato un veicolo di lancio, il Naro-1, che ha raggiunto l’orbita terrestre bassa nel 2013.

Ma Washington ha progressivamente revocato le sue restrizioni tra il 2017 e il 2021, aprendo la strada a Seoul per il dispiegamento di un satellite dal proprio razzo Nuri l’anno scorso. La Corea del Sud ha annullato una serie di contratti di lancio di satelliti con la Russia dopo che le sanzioni occidentali erano state imposte a Mosca in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina lo scorso anno.

La fiorente alleanza spaziale tra Seul e Washington fa parte di un più ampio sforzo guidato dagli Stati Uniti nella regione per espandere e approfondire i legami di difesa per frenare la crescente assertività della Cina. Gli Stati Uniti e il Giappone quest’anno hanno annunciato che il loro trattato di sicurezza si estenderà allo spazio, con la protezione di Washington che coprirà i satelliti giapponesi contro i missili e le armi laser russi e cinesi.

Ankit Panda, esperto di armi nucleari presso il Carnegie Endowment for International Peace, ha affermato che gli Stati Uniti vogliono facilitare le ambizioni sudcoreane di una rete di satelliti di ricognizione militare. “Washington probabilmente ha anche visto una forza missilistica sudcoreana più capace come un potenziale vantaggio per la Cina”, ha detto.

Seoul ha riconosciuto anche l’importanza delle comunicazioni satellitari, ha affermato il generale di brigata Kim Hong-chul dell’Università militare delle forze armate della Corea del Sud, citando l’esempio della guerra in Ucraina.

“La Corea del Sud considera le capacità di allarme e tracciamento missilistico per i suoi sistemi di difesa missilistica come le risorse spaziali più importanti da istituire nel teatro coreano”, ha affermato. “Lo spazio è ora riconosciuto come un elemento essenziale nelle operazioni militari di teatro”.

Pyongyang, che in agosto non è riuscita a lanciare in orbita un satellite spia per la seconda volta, ha reagito con rabbia alla cooperazione spaziale tra Washington e Seul. A ottobre i media statali hanno accusato gli Stati Uniti di utilizzare la “militarizzazione spaziale” come mezzo per attaccare la Corea del Nord e garantire la “supremazia mondiale”.

Il governo sudcoreano ha anche affermato di aver rilevato segnali che la Corea del Nord stava ricevendo assistenza tecnica dalla Russia per lanciare un satellite di ricognizione militare dopo che Kim Jong Un ha incontrato Vladimir Putin al cosmodromo di Vostochny, nell’Estremo Oriente russo, a settembre.

Yang Uk, esperto di armi presso l’Asan Institute of Policy Studies di Seoul, ha affermato che la crescente sofisticazione del programma missilistico della Corea del Nord significa che la Corea del Sud non dovrebbe fare affidamento sui sistemi di tracciamento e allarme spaziali statunitensi e giapponesi.

“I nostri alleati devono prima analizzare le informazioni e poi decidere se condividerle con noi”, ha detto Yang. “Per affrontare la minaccia nucleare nordcoreana, abbiamo bisogno dei nostri occhi in aria”.

Wilson della Aerospace Corporation ha affermato che l’equivalente pianificato dalla Corea del Sud della rete satellitare Global Positioning System gestita dagli Stati Uniti, nota come KPS, potrebbe integrare le capacità di sorveglianza degli Stati Uniti.

“Una capacità KPS-GPS interoperabile, con la Corea del Sud che ospita carichi militari GPS sui satelliti KPS, offrirebbe una maggiore precisione sulla Corea del Nord e su aree di Russia e Cina”, ha affermato Wilson.

La rete KPS consentirebbe inoltre alle aziende sudcoreane di sfruttare le opportunità nell’economia spaziale, che secondo le stime della banca d’investimento statunitense Morgan Stanley crescerà da 350 miliardi di dollari nel 2022 a oltre 1 trilione di dollari entro il 2040.

“Le immagini satellitari, che attualmente sono utilizzate principalmente per scopi militari, vengono sempre più applicate a vari settori privati ​​come la gestione delle città, i porti e l’agricoltura”, ha affermato Seo Dong-chun, direttore finanziario di Contec, una società sudcoreana che offre stazioni di terra. e servizi di immagini satellitari.

Circa 300 aziende private sudcoreane, dalle start-up che sviluppano materiali compositi ai produttori di motori a razzo Hanwha Aerospace e Korea Aerospace Industries, sono state coinvolte nello sviluppo della capacità di lancio spaziale del paese. Il governo ha istituito una serie di partenariati pubblico-privato per trasferire conoscenze e competenze al settore privato.

“Dopo che gli Stati Uniti hanno iniziato a concedere finanziamenti a società private come SpaceX e Blue Origin, è diventato chiaro che il settore privato poteva essere attivo nella ricerca e nello sviluppo spaziale”, ha affermato Seo. “Dobbiamo recuperare velocemente”.