Mer. Lug 17th, 2024
La crescita dei robotaxi di Baidu potrebbe essere frenata dai rivali umani

Sblocca gratuitamente l'Editor's Digest

Bene, questo è un modo per guidare la crescita della nuova tecnologia. La risposta cinese a Google sta puntando molto sui robotaxi in Cina per rivitalizzare il suo business.

Finora, funziona. Baidu ha un vantaggio su Tesla e l'adozione più rapida del previsto del suo robotaxi Apollo Go ha aumentato le azioni del motore di ricerca e del gruppo di intelligenza artificiale. Ma il progresso di Baidu affronta rischi in patria.

Baidu è leader del mercato della guida autonoma in Cina. I suoi robotaxi sono già operativi: la sua presenza più grande è nella città di Wuhan, dove c'è una flotta di 300 auto. Gli utenti possono chiamare un'auto senza conducente e completamente autonoma per i servizi di taxi locali. Le operazioni 24 ore su 24 sono iniziate quest'anno.

Questo business è proprio ciò di cui Baidu ha bisogno. I suoi ricavi sono cresciuti al ritmo più lento in più di un anno nel trimestre di marzo, con un aumento di appena l'1 percento, nonostante il suo primato nell'intelligenza artificiale nel paese. Monetizzare quella tecnologia richiederà tempo, mentre i suoi ricavi pubblicitari sono stati a lungo compromessi dalla concorrenza di rivali come il proprietario di TikTok, ByteDance. Le azioni di Baidu quotate a Hong Kong sono scese di oltre il 30 percento nell'ultimo anno

La speranza di aver finalmente trovato una fonte valida di nuova crescita è stata sufficiente a far salire il titolo azionario in difficoltà fino al 13 per cento mercoledì.

Non passerà molto tempo, tuttavia, prima che Baidu inizi a fronteggiare una dura concorrenza in questo settore. Oltre ai rivali locali Pony.ai, AutoX e WeRide, si dice che Tesla abbia ottenuto l'autorizzazione per testare il suo sistema avanzato di assistenza alla guida a Shanghai, con il suo robotaxi che dovrebbe essere svelato il mese prossimo

Finora, il vantaggio iniziale di Baidu nella produzione di massa di robotaxi gli sta dando un vantaggio. Aveva già stretto una partnership con Nvidia per sviluppare auto e robotaxi autonomi nel 2016 e lanciato Apollo, la sua piattaforma open source per la guida autonoma, un anno dopo. Quegli anni di sviluppo e tentativi ed errori hanno fatto sì che sia riuscita a tagliare i costi di produzione dei robotaxi: realizzare i suoi modelli di ultima generazione costa meno della metà rispetto alla versione precedente.

Ma c'è un rovescio della medaglia all'inaspettata popolarità di Apollo: una reazione altrettanto forte da parte dei tassisti locali. I robotaxi sono solitamente più economici dei taxi tradizionali. I tassisti hanno chiesto che Apollo venga limitato. Le tensioni sociali in Cina sono già aumentate nell'ultimo anno a causa degli alti livelli di disoccupazione giovanile: il tasso per i giovani tra i 16 e i 24 anni era al 14,2 percento a maggio. Anche se i rivali si stanno accumulando, questa resistenza sembra una seria potenziale minaccia alla crescita di questo settore nascente.

[email protected]