Mer. Lug 17th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Mentre si susseguono le storie di distruzione del valore, OpenAI è tra i grandi. La società di intelligenza artificiale generativa era sul punto di vendere azioni per una valutazione di 86 miliardi di dollari. Un colpo di stato interno dopo e le sue possibilità di raggiungere tali traguardi sono crollate.

Esempi di aziende che distruggono i propri valori multimiliardari sono relativamente rari. WeWork ha bruciato la sua valutazione di 47 miliardi di dollari con un fantasioso documento di quotazione che ha messo a nudo l’entità della spesa eccessiva aziendale. Il discorso di Jack Ma che criticava le autorità di regolamentazione cinesi ha portato alla sospensione della prevista quotazione in borsa di Ant, la fintech da lui fondata che avrebbe dovuto raccogliere più di 30 miliardi di dollari. La differenza nel caso di OpenAI è che l’azione proveniva da un gruppo senza interessi finanziari nella società.

Il consiglio di amministrazione di OpenAI controlla un’organizzazione no-profit creata a beneficio dell’umanità, non degli azionisti. La sua decisione di licenziare l’amministratore delegato e co-fondatore Sam Altman, meditare su una reintegrazione e poi scegliere di sostituirlo con un nuovo CEO ha fratturato l’azienda. Un membro del consiglio, Ilya Sutskever, ha già espresso rammarico. Il rapporto di OpenAI con Microsoft, il suo più grande investitore, sta per diventare più complicato.

Microsoft ha agito in qualche modo da backstop. Assumendo Altman per guidare un nuovo gruppo di ricerca sull’intelligenza artificiale, ha neutralizzato la minaccia che i rivali gli offrissero un lavoro o i mezzi per avviare una nuova azienda. Lunedì il prezzo delle azioni Microsoft è aumentato di oltre il 2%, cancellando gli effetti negativi del caotico fine settimana. Ha dichiarato fiducia nella sua “road map del prodotto” con OpenAI.

Tuttavia, il fatto che non abbia avuto voce in capitolo sull’uscita di Altman e che abbia ricevuto pochi avvertimenti non favorirà buoni rapporti con il consiglio.

La struttura di OpenAI, compresa la sua leadership, è ancora in evoluzione. Ha un nuovo leader che ha espresso preoccupazione per la velocità dello sviluppo dell’intelligenza artificiale. Ciò suggerisce che non perseguirà obiettivi di accelerazione delle entrate, incluso diventare una piattaforma per i clienti.

Microsoft è un investitore, un cliente e un concorrente. Dispone già di una licenza per la tecnologia OpenAI. La tecnologia è integrata nel software di produttività di Microsoft. OpenAI, che è in perdita, dipende anche dalle risorse di cloud computing di Microsoft e dall’investimento di 10 miliardi di dollari promesso. L’anno scorso le perdite sarebbero state superiori al mezzo miliardo di dollari. L’equilibrio di potere non è a favore di OpenAI.