Dom. Lug 14th, 2024
La Russia scandaglia la Cina alla ricerca di macchine utensili di seconda mano

La Russia sta setacciando la Cina alla ricerca di macchine utensili di seconda mano utilizzando reti oscure di acquirenti, mentre il Cremlino corre per assicurarsi attrezzature vitali per aumentare la produzione di armi.

La strategia segreta di Mosca per ottenere macchinari di precisione, scoperta dai ricercatori, tenta di eludere le sanzioni occidentali sempre più restrittive e i controlli sulle esportazioni che mirano a frenare la produzione per i militari.

Le operazioni, gestite attraverso reti di società opache, sfruttano uno stock di vecchie macchine utensili di fascia alta prodotte da aziende occidentali che rimangono in Cina dopo decenni di vendite alle fabbriche locali.

Il Centro per gli studi avanzati sulla difesa (C4ADS), un think tank con sede a Washington che ha identificato il commercio ombra, ha affermato che i complessi accordi di approvvigionamento suggeriscono che le affermazioni di Mosca sugli strumenti di alta precisione prodotti in Russia erano probabilmente “esagerate”.

Allen Maggard, l'analista di C4ADS che ha guidato il relazione sulle macchine utensiliha affermato che i produttori di armi russi “si stanno affannando per espandere le loro capacità produttive utilizzando tutto ciò che riescono a ottenere”.

Gli strumenti di controllo numerico computerizzato (CNC) sono essenziali per il lavoro industriale di difesa perché consentono la manipolazione e la fresatura automatizzate del metallo ©Fotografia JG/Alamy

Una rete di approvvigionamento, identificata da C4ADS e verificata dal MagicTech, si basa su una società con sede a Mosca chiamata AMG, un fornitore militare russo che gli Stati Uniti hanno sottoposto a sanzioni lo scorso anno.

Dall’invasione russa dell’Ucraina nel 2022, AMG ha aumentato le sue importazioni di strumenti a controllo numerico computerizzato (CNC) realizzati da Tsugami, un produttore giapponese di macchine utensili di fascia alta con sede a Tokyo. Gli strumenti CNC sono essenziali per il lavoro industriale della difesa perché consentono la manipolazione e la fresatura automatizzata ad alta precisione e ad alta velocità del metallo.

I documenti pubblici mostrano che AMG ha stipulato contratti per l'acquisto di macchine utensili per Kometa, una società che sviluppa sistemi d'arma per la Russia, tra cui sistemi di difesa contro i missili balistici, armi a reazione e sistemi missilistici, secondo gli elenchi delle sanzioni.

Le macchine Tsugami sono state identificate in uso in una varietà di strutture militari. Sergei Shoigu, allora ministro della Difesa russo, è stato mostrato alla televisione di stato a marzo davanti a quella che sembra essere una macchina Tsugami in una fabbrica di Altai, che produce parti per missili da crociera.

I documenti doganali mostrano che AMG ha acquistato circa 600.000 dollari di attrezzature Tsugami nel 2021 da un fornitore ufficiale giapponese. Gli acquisti sono poi aumentati dopo l’invasione fino a raggiungere i 50 milioni di dollari nel 2023, con tutto l’aumento proveniente da due oscuri intermediari.

Il primo fornitore Amegino è un fornitore sanzionato dagli Stati Uniti con sede negli Emirati Arabi Uniti, il cui sito Web era originariamente ospitato su server in Russia. Il suo proprietario è Andrey Mironov, secondo Diligencia, una società di intelligence aziendale; non sono disponibili altri dettagli sul passato di Mironov.

La seconda è ELE Technology, che fraudolentemente si presenta come “una divisione della Gray Machinery Company”, distributore statunitense di macchine utensili.

Il sito web di ELE, che sembra essere preso dal vero sito web di Gray Machinery, afferma di avere un magazzino nell'Illinois e offre passaggi dall'aeroporto di Chicago O'Hare per potenziali clienti. Il sito afferma che Glenn e Jared Gray, due esperti trader CNC statunitensi, sono membri del loro team.

Ma ELE Technology ha in realtà sede a Shenzhen, in Cina, a 7.800 miglia di distanza. Glenn Gray, la cui biografia completa e immagine sono pubblicate sul sito web di ELE, ha detto al FT di non sapere nulla dell'azienda.

Le registrazioni dei siti web e il vecchio materiale pubblicitario suggeriscono che ELE sia gestito da un commerciante di elettronica cinese chiamato Benson Zeng. Zeng non ha risposto alle richieste di commento.

Sergei Shoigu è stato mostrato alla televisione di stato a marzo davanti a quella che sembra essere una macchina Tsugami in una fabbrica di Altai
Una clip di un programma televisivo di stato mostra l'allora ministro della Difesa russo Sergei Shoigui davanti a quella che sembra essere una macchina Tsugami mentre visita una fabbrica ad Altai a marzo © Canale Uno Russia

Tsugami ha dichiarato al FT di non aver fornito alcuna merce direttamente a ELE. Secondo il sito web ELE, attualmente stanno vendendo due macchine Tsugami di seconda mano, realizzate nel 2001 e nel 2005.

“Stiamo assistendo all'importazione in Russia di macchine utensili vecchie di decenni”, ha affermato Maggard. “Ciò indica una mancanza di conformità nel mercato dell’usato, per non parlare del fatto che è improbabile che i produttori si preoccupino di dove finiscono i loro prodotti dopo essere stati venduti.

“Solo perché un centro di lavoro ha due o tre decenni non significa che sia incapace di produrre semplici componenti per armi.”

Le due società hanno ruoli diversi nelle operazioni di approvvigionamento della Russia. Amegino è un broker che incarica fornitori cinesi come ELE di spedire merci in Russia dalla Cina. I due hanno lavorato insieme: i documenti conservati da C4ADS mostrano che Amegino ha organizzato la spedizione da parte di ELE di merci per 2,7 milioni di dollari in Russia all’inizio del 2023.

Tsugami fa affidamento sul mercato cinese da circa 20 anni. Una persona collegata all’azienda stima che ci siano più di 100.000 macchine Tsugami in Cina su 200.000 sparse nel mondo. È un pool che Mosca ha preso di mira da quando i venditori ufficiali delle macchine Tsugami si sono ritirati dalla Russia nel 2022.

“Prima della pandemia, Tsugami aveva cercato di trarre vantaggio dalla strategia nazionale cinese per diventare una potenza manifatturiera”, ha affermato un analista di sicurezza degli investimenti che ha ispezionato le sue strutture in Cina. Nel 2023, oltre il 60% delle vendite di Tsugami erano in Cina.

Ma il volume delle macchine in Cina non è solo un problema di controllo delle esportazioni posto dallo Tsugami. I registri doganali mostrano che un’altra società russa, la UMIC, ha acquistato 2,9 milioni di dollari di macchine utensili e componenti realizzati in paesi tra cui Israele, Giappone, Corea, Germania, Svezia e Svizzera. In tutti i casi le apparecchiature sono state spedite dalla Cina e acquistate in yuan tramite partner commerciali con sede in Cina.

Fotografia con annotazioni di una donna, Yulia Karpova, in piedi al tavolo di una fiera.  Le annotazioni dicono che AMG e UMIC sono apparse fianco a fianco alle fiere e uno dei cataloghi a marchio AMG esposti è dedicato alle macchine Tsugami.

A differenza dell’AMG, l’UMIC non è stata sanzionata dagli Stati Uniti. La proprietaria dell'UMIC, Yulia Karpova, condivide il cognome e il numero di telefono del matrimonio con Evgeny Karpov, il proprietario dell'AMG.

È apparsa alle fiere russe promuovendo i materiali AMG partecipando agli stand AMG-UMIC. Nel maggio 2022, dopo che il Giappone ha aumentato i controlli sulle esportazioni, è stata fotografata con opuscoli AMG che pubblicizzavano la gamma di prodotti Tsugami che AMG affermava di poter ottenere.

UMIC e AMG non hanno risposto al commento.

Il ministero del Commercio giapponese ha affermato che sta lavorando con i partner del G7 per rafforzare le misure volte a contrastare l'elusione delle sanzioni. “Mentre molti paesi stanno lottando per gestire i prodotti di seconda mano, il Giappone sta raccogliendo una serie di informazioni, comprese le società di bypass”, ha affermato il ministero. “Li aggiungeremmo all'elenco delle entità sanzionate, se necessario.”