Gio. Mag 23rd, 2024
La Russia sta pianificando un sabotaggio in tutta Europa, avvertono le agenzie di intelligence

Le agenzie di intelligence europee hanno avvertito i loro governi che la Russia sta tramando violenti atti di sabotaggio in tutto il continente mentre si impegna in un conflitto permanente con l’Occidente.

La Russia ha già iniziato a preparare più attivamente bombardamenti segreti, attacchi incendiari e danni alle infrastrutture sul suolo europeo, direttamente e tramite delegati, con poca preoccupazione apparente di causare vittime civili, ritengono i funzionari dell’intelligence.

Sebbene gli agenti del Cremlino abbiano una lunga storia di tali operazioni – e abbiano lanciato attacchi sporadicamente in Europa negli ultimi anni – stanno crescendo le prove di uno sforzo più aggressivo e concertato, secondo le valutazioni di tre diversi paesi europei condivise con il MagicTech.

I funzionari dell’intelligence stanno diventando sempre più espliciti riguardo alla minaccia, nel tentativo di promuovere la vigilanza.

“Riteniamo che il rischio di atti di sabotaggio controllati dallo Stato aumenterà in modo significativo”, ha affermato Thomas Haldenwang, capo dell'intelligence interna tedesca. La Russia ora sembra a suo agio nel portare avanti operazioni sul suolo europeo”[with] un alto potenziale di danno”, ha detto il mese scorso in una conferenza sulla sicurezza ospitata dalla sua agenzia, l’Ufficio federale per la protezione della Costituzione.

Thomas Haldenwang ha avvertito che la Russia è disposta a compiere atti di sabotaggio sul suolo europeo. © Christian Marquardt/NurPhoto/Getty Images

Haldenwang ha parlato pochi giorni dopo che due cittadini russo-tedeschi erano stati arrestati a Bayreuth, in Baviera, con l'accusa di aver complottato per attaccare siti militari e logistici in Germania per conto della Russia.

Alla fine di aprile due uomini sono stati accusati nel Regno Unito di aver appiccato un incendio in un magazzino contenente spedizioni di aiuti per l'Ucraina. La procura inglese li accusa di lavorare per il governo russo.

In Svezia, i servizi di sicurezza stanno nel frattempo indagando su una serie di recenti deragliamenti ferroviari, che sospettano possano essere atti di sabotaggio appoggiati dallo Stato.

La Russia ha tentato di distruggere i sistemi di segnalamento delle ferrovie ceche, ha detto il mese scorso al FT il ministro dei trasporti ceco.

In Estonia, a febbraio, l'auto del ministro degli Interni e quella dei giornalisti sono stati perpetrati da agenti dell'intelligence russa, ha riferito il servizio di sicurezza interna del paese. Anche il ministero della Difesa francese ha messo in guardia quest'anno da possibili attacchi di sabotaggio da parte della Russia su siti militari.

“La conclusione ovvia è che c’è stato un reale incremento dell’attività russa”, ha affermato Keir Giles, consulente senior presso Chatham House, il think tank.

“Non si può dire se questo sia un riflesso del fatto che i russi vi stanno investendo più risorse; se sono più negligenti e vengono scoperti; o se il controspionaggio occidentale sia semplicemente diventato più bravo a individuarlo e fermarlo”, ha aggiunto. “Qualunque cosa sia, però, c'è molto da fare.”

Un imputato accusato di aver violato le restrizioni commerciali dell'UE in relazione alle consegne di componenti elettronici per attrezzature militari alla Russia entra nell'aula del tribunale regionale superiore
Un imputato nel Baden-Württemberg che avrebbe violato le restrizioni commerciali dell'UE in relazione alla fornitura di componenti elettronici per attrezzature militari alla Russia. © Bernd Weißbrod/dpa

Un alto funzionario del governo europeo ha affermato che attraverso i servizi di sicurezza della NATO venivano condivise informazioni su “chiare e convincenti malefatte russe”, che erano coordinate e su vasta scala.

È giunto il momento di “aumentare la consapevolezza e l’attenzione” sulla minaccia della violenza russa sul suolo europeo, ha aggiunto.

Giovedì la NATO ha rilasciato una dichiarazione in cui dichiara la sua profonda preoccupazione per le crescenti “attività maligne sul territorio alleato” da parte della Russia, citando quella che ha definito una “campagna intensificata”. . . in tutta l’area euro-atlantica”.

I crescenti timori sulla brama della Russia di provocare danni fisici contro i suoi avversari fanno seguito a una serie di accuse contro la Russia per disinformazione e campagne di hacking.

Venerdì, la Germania ha promesso conseguenze per Mosca – in una dichiarazione sostenuta dall’UE e dalla NATO – per un attacco hacker del 2023 al partito socialdemocratico del cancelliere Olaf Scholz.

Nel frattempo è ancora in corso uno scandalo che denuncia i tentativi russi di cooptare i politici europei di estrema destra in vista delle prossime elezioni europee.

Un funzionario dell'intelligence ha affermato che gli sforzi di sabotaggio di Mosca non dovrebbero essere visti come distinti da altre operazioni, affermando che l'aumento dell'attività riflette l'obiettivo della Russia di esercitare la massima pressione “su tutto il territorio”.

Putin si sente attualmente “incoraggiato” e cercherà di imporre le sue linee il più duramente possibile in Europa, su più fronti, attraverso la disinformazione, il sabotaggio o l’hacking.

La crescente aggressività da parte dell’intelligence russa riflette anche il desiderio dei capi spionaggio del Paese di riaffermarsi dopo la più grave battuta d’arresto dal crollo dell’Unione Sovietica.

Nelle settimane successive all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, più di 600 ufficiali dell’intelligence russa che operavano in Europa con copertura diplomatica furono espulsi, causando gravi danni alla rete di spionaggio del Cremlino in tutto il continente.

In un recente rapporto, gli analisti del Royal United Services Institute del Regno Unito hanno evidenziato gli sforzi compiuti dalla Russia per ricostituire la propria presenza in Europa, spesso utilizzando proxy. Tra questi figurano membri della diaspora russa e gruppi criminali organizzati con cui il Cremlino ha legami di lunga data.

Si è verificato anche un cambiamento strategico chiave, con i cosiddetti “Comitati di influenza speciale” che coordinano le operazioni di intelligence paese per paese per conto del Cremlino, riunendo quelli che in precedenza erano sforzi frammentari da parte dei litigiosi servizi di sicurezza del paese e di altri attori del Cremlino.

Con l'intensificarsi delle operazioni della Russia, i servizi di sicurezza sono in allerta per le minacce e stanno cercando di identificare gli obiettivi che potrebbero aver mancato.

Sono state sollevate domande, ad esempio, su un'esplosione finora inspiegabile in una fabbrica di munizioni della BAE Systems in Galles che fornisce proiettili utilizzati dall'Ucraina. Nell'ottobre 2014 è stato distrutto un deposito di armi ceco dove venivano immagazzinate armi per Kiev; Successivamente si scoprì che agenti dell'intelligence militare russa avevano piazzato esplosivi nel sito.

Venerdì è scoppiato un enorme incendio in una fabbrica di Berlino di proprietà della compagnia d'armi Diehl, che rifornisce anche l'Ucraina. Più di 160 vigili del fuoco specializzati sono stati chiamati per domare l'incendio, con i residenti in un'ampia zona a ovest della capitale che hanno detto di tenere le finestre chiuse a causa di possibili fumi tossici.

“Come sempre con la Russia, è saggio non cercare una sola spiegazione del motivo per cui stanno facendo qualcosa. C'è sempre una combinazione di cose che succedono”, ha detto Giles.

“Gli attacchi puntuali a cui abbiamo assistito finora hanno ovviamente lo scopo di creare disagi, ma possono anche essere usati per disinformazione. E poi c’è ciò che la Russia impara da questi attacchi se vuole davvero immobilizzare l’Europa. . . Sono corse di prova.”