Gio. Mag 23rd, 2024
uno standard di dati per sostenere l’uso dell’intelligenza artificiale generativa da parte degli avvocati

Si è parlato molto dell’impatto della tecnologia dell’intelligenza artificiale generativa sui servizi professionali. Tuttavia, anche se sempre più avvocati utilizzano l’intelligenza artificiale generativa per compiti quali la stesura di contratti o la fornitura di pareri legali iniziali, è evidente che non può ancora promettere di essere una panacea.

Un vincolo sempre più chiaro sono i dati. Se si vuole produrre risultati affidabili per la professione, l’intelligenza artificiale generativa necessita di una solida base di informazioni accurate e aggiornate, con definizioni giuridiche ampiamente condivise.

“L'intelligenza artificiale è tutta una questione di dati”, afferma Ryan O'Leary, esperto di tecnologia legale presso la società di ricerca IDC. “'Garbage in, garbage out' non è mai stato così vero. Standardizzando i dati tra le parti interessate. . . in teoria, il [legal] l’industria potrebbe garantire che vengano utilizzati dati migliori per la formazione [AI] Modelli.”

Se un tale sistema diventasse la norma, gli avvocati di tutto il mondo risparmierebbero molto tempo, denaro e stress, dicono gli esperti. Ma l’ostacolo alla creazione di un tale sistema è l’enorme sforzo iniziale richiesto.

Nonostante l’attenzione della legge su definizioni precise, il settore manca di una tassonomia universale – uno schema di classificazione dei termini legali – anche all’interno della stessa giurisdizione.

Le aziende hanno le proprie tassonomie e sistemi di gestione dei dati, ciascuno con piccole differenze. E ciò può creare confusione quando gli avvocati ricercano e scambiano informazioni in formato elettronico.

Se, ad esempio, una persona si prepara a citare in giudizio un'altra persona, tre avvocati potrebbero classificare ciascuno la questione legale in modo leggermente diverso.

“L'avvocato direbbe che si tratta di un'accusa di negligenza, e avrebbero ragione”, afferma Damien Riehl, un avvocato specializzato in tecnologia e proprietà intellettuale. «L'avvocato due direbbe che lo è, ma si tratta anche di un'affermazione falsa, e avrebbero ragione. E l'avvocato tre direbbe sì, è anche quello, ma è anche una denuncia per diffamazione perché [one party] sta dicendo qualcosa di falso riguardo [another person].”

Riehl è anche co-leader di un'organizzazione no-profit: Avanzamento degli standard per il settore legale (Sali) – che spera di affrontare questo problema.

Il settore giuridico sta cercando di recuperare terreno rispetto agli altri settori, afferma Damien Riehl ©TED

Ha sviluppato un linguaggio comune dei dati e uno standard per organizzare, definire e classificare (“etichettare”) contratti, sentenze giudiziarie, brevetti e altri dati legali che l’industria produce.

“Storicamente, i fornitori di tecnologia legale, gli studi legali e i loro clienti sono stati tutti isole incapaci di comunicare con . . . reciprocamente in modo efficace”, afferma Riehl. “Sali è un modo per poter collegare quelle isole.”

L'obiettivo è creare l'equivalente legale di una cartella clinica elettronica del paziente, che qualsiasi sistema informatico possa comprendere e scambiare. E questo, sostengono i sostenitori di Sali, migliorerà la produttività degli avvocati e, quindi, andrà a beneficio dei loro clienti.

Fondata nel 2017, Sali comprende professionisti del settore legale provenienti da grandi studi legali, team legali aziendali interni, operazioni legali, grandi aziende tecnologiche tra cui Microsoft e fornitori di software legale specializzati.

Lo standard è supportato da gruppi industriali come il Corporate Legal Operations Consortium e l'International Legal Technology Association.

Quanto tempo hai?

Importanti fornitori di tecnologia legale stanno già iniziando a incorporare lo standard nei loro prodotti, afferma l’organizzazione. Ma non è ancora chiaro quanto tempo ci vorrà.

Per coloro che lo utilizzano, Sali riduce l’ambiguità nei dati e nella terminologia, il che significa che gli avvocati trascorrono meno tempo “cercando di capire cosa significhi realmente”, afferma Imran Aziz, legal tech product manager presso Thomson Reuters, la società di dati e media legali. .

Se, invece, gli studi legali e i team interni sviluppano la propria tassonomia legale in modo isolato, ciò “richiede molto tempo ed è soggetto a duplicazioni ed errori”, afferma.

“Un modo standard di comunicazione tra soluzioni tecniche utilizzando una terminologia standard [such as Sali] aiuta a semplificare queste interazioni e riduce i costi”, spiega Aziz.

Tuttavia, il settore legale sta recuperando terreno rispetto ad altri settori, come ad es finanza E assistenza sanitaria (cartella clinica elettronica), che hanno i propri standard di dati e tassonomie, osserva Riehl.

E gli studi legali e i team legali scopriranno che la standardizzazione è un compito arduo. Riehl stima che, per un grande studio legale con cinque tassonomie esistenti sparse su 10 sistemi IT, il passaggio allo standard di dati Sali può richiedere circa un anno.

Il processo in due fasi prevede che uno studio legale o una società confronti la sua attuale tassonomia legale con quella di Sali, individuando eventuali differenze e aggiornando la tassonomia precedente per corrispondere alle specifiche dei dati di Sali. Ciò potrebbe richiedere la codifica manuale dei dati legali, sebbene Sali fornisca software open source gratuito per automatizzare il processo.

Lo studio legale Ogletree Deakins utilizza Sali da circa due anni. Timothy Fox, direttore dell'innovazione e dell'analisi delle pratiche presso l'azienda della Carolina del Sud, afferma di aver utilizzato Sali per creare una tassonomia legale interna, basata principalmente sui dati dei contenziosi nel suo sistema di gestione dei documenti. “È molto facile da usare”, afferma.

La catalogazione dei dati ha aiutato Ogletree, consentendo ai suoi avvocati di trovare i documenti più velocemente e di tenere traccia delle procedure legali e degli sviluppi nelle dichiarazioni dei tribunali e nelle mozioni legali. Fox spiega: “Ora abbiamo catalogato i nostri [document management system] utilizzando una tassonomia che non avevamo in precedenza.”

Un ulteriore vantaggio per Ogletree e altri studi legali, aggiunge Fox, sarebbe se tutti i grandi fornitori di tecnologia legale – come Thomson Reuters, Bloomberg e LexisNexis – utilizzassero lo standard Sali nei loro prodotti. Renderebbe inoltre più semplice per gli studi legali e gli uffici legali aziendali cambiare fornitore di IT legali.

Predice: “Se vuoi usare questo [legal] origine dati, dovrai utilizzare lo standard Sali . . . e quello sarà il punto di svolta”.

Sali è una prospettiva promettente perché sta cercando di diventare uno standard globale e gode di un ampio sostegno. Ma, nonostante la crescita costante e il fatto di diventare un importante standard legale in materia di dati, Sali è lungi dall’essere utilizzato universalmente. Le alternative includono il “Sistema di gestione uniforme basato sulle attività” codici, sviluppati dall'American Bar Association per diversi tipi di servizi legali. Sebbene la tassonomia di Sali sia considerata estesa, non è ben conosciuta a livello globale.

Quindi, dato che molti studi legali e dipartimenti legali interni avranno i propri sistemi di gestione dei dati e tassonomie, perché dovrebbero sostenere i tempi e i costi del passaggio a un nuovo sistema?

La necessità di prove

Non è chiaro quanti studi legali e dipartimenti legali aziendali stiano utilizzando Sali finora. Riehl rifiuta di fornire una stima, affermando che la natura open source e decentralizzata del suo standard tecnologico rende difficile tenere il conto degli utenti.

Lisa Maxwell, consigliere generale di FE Fundinfo, fornitore di informazioni e tecnologia per il settore della gestione degli investimenti, afferma: “C'è un certo grado di resistenza al cambiamento, nel senso che molte aziende e società interne [legal] i team dispongono già di sistemi di dati o sistemi di gestione dei dati abbastanza radicati.

Se, tuttavia, i leader del settore legale iniziassero a utilizzare Sali e ne dimostrassero i vantaggi tangibili, potrebbero fornire lo “slancio” a cui seguiranno gli altri, a suo avviso.

Rendere Sali più facile da implementare può aiutarlo a diventare più comune. L'anno scorsola start-up statunitense di tecnologia legale 273 Ventures ha rilasciato un Sistema di intelligenza artificiale per taggare automaticamente i dati legali utilizzando lo standard Sali.

Un uomo in giacca e cravatta sorride alla telecamera
Daniel Katz: il lavoro necessario per etichettare manualmente i dati legali ha creato un “collo di bottiglia nell'adozione” per Sali © David Ettinger

Daniel Katz, co-fondatore di 273 e professore di diritto al Chicago-Kent College of Law dell'Illinois Tech, suggerisce che il laborioso compito di etichettare manualmente i dati legali per corrispondere allo standard Sali ha creato un “collo di bottiglia nell'adozione”. Gli uffici legali delle grandi aziende possono generare centinaia di migliaia o più righe di dati legali ogni mese, quindi etichettarli manualmente è poco pratico ed è “troppo costoso”.

L’intelligenza artificiale potrebbe automatizzare gran parte della creazione di un nuovo standard legale sui dati. Ma, fino a quando il settore legale non avrà una tassonomia legale estesa – e ampiamente adottata – in atto, tutti gli altri potenziali vantaggi dell’intelligenza artificiale generativa per gli avvocati potrebbero andare persi nella traduzione.