Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

xAI di Elon Musk è in trattative per raccogliere fino a 6 miliardi di dollari, mentre il capo di Tesla e X si rivolge agli investitori globali, incluso Hong Kong, per finanziare la sua sfida a OpenAI sostenuta da Microsoft.

Secondo diverse persone a conoscenza della questione, la start-up di intelligenza artificiale del miliardario ha corteggiato individui facoltosi e investitori in tutto il mondo nelle ultime settimane.

Secondo quattro persone, questi colloqui avrebbero coinvolto anche i family office di Hong Kong, il territorio sempre più controllato da Pechino.

Tre persone a conoscenza dei colloqui hanno affermato che Musk sperava di raccogliere fino a 6 miliardi di dollari di nuovo capitale azionario per xAI con una valutazione proposta di 20 miliardi di dollari. Tuttavia, le persone hanno avvertito che i negoziati erano in corso e che il capo di Tesla stava ancora mettendo alla prova l’appetito degli investitori per somme così ingenti.

Una persona ha affermato di aver preso di mira anche i fondi sovrani del Medio Oriente, mentre altri hanno affermato che sono stati contattati investitori in Giappone e Corea del Sud.

Raccogliere fondi a Hong Kong per una società statunitense di intelligenza artificiale potrebbe diventare un processo politicamente difficile con l’aumento delle tensioni geopolitiche.

Washington ha cercato di imporre controlli sulle esportazioni volti a ostacolare lo sviluppo di tecnologie avanzate da parte della Cina. L’anno scorso l’amministrazione Biden ha vietato alcuni investimenti statunitensi nell’intelligenza artificiale cinese, incluso quello a Hong Kong.

xAI di Musk ha lanciato il suo primo prodotto a dicembre, un chatbot chiamato Grok, che viene addestrato utilizzando i post sui social media su X, consentendogli di fornire risposte più aggiornate rispetto ai suoi concorrenti.

Morgan Stanley – che nel 2022 ha contribuito a finanziare l’acquisizione con leva finanziaria di X, ex Twitter – da parte di Musk – sta coordinando la raccolta fondi, ha detto una delle persone. La banca ha rifiutato di commentare. Musk non ha risposto a un’e-mail in cerca di commenti.

La portata del tentativo di raccolta fondi riflette gli enormi costi necessari per sviluppare un’intelligenza artificiale generativa – modelli che producono testo, immagini e codice simili a quelli umani in pochi secondi – che richiede un’enorme potenza di calcolo, grandi quantità di dati e chip all’avanguardia.

La rivale OpenAI, con sede a San Francisco, ha raccolto circa 13 miliardi di dollari solo da Microsoft. Anche altre start-up come Anthropic e Cohere hanno raccolto miliardi di dollari da aziende del calibro di Google, Amazon e i principali gruppi di venture capital della Silicon Valley.

A dicembre xAI, con sede in Nevada, ha depositato documenti presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti che dimostravano che stava cercando di raccogliere finanziamenti per 1 miliardo di dollari da investitori azionari.

La dichiarazione mostrava che aveva raccolto 135 milioni di dollari per raggiungere il suo obiettivo. Un rapporto di Bloomberg di gennaio affermava di aver raccolto 500 milioni di dollari. Musk ha detto su X che la notizia era una “notizia falsa”.

Musk è stato uno degli investitori fondatori di OpenAI, ma se ne è andato nel 2018 a causa di disaccordi con l’amministratore delegato Sam Altman. Ha lanciato la sua società di intelligenza artificiale nel luglio dello scorso anno, lamentandosi del fatto che rivali come OpenAI, Microsoft e Google censuravano i loro prodotti di intelligenza artificiale e non erano sufficientemente concentrati sulle misure di sicurezza.

OpenAI è in procinto di effettuare una vendita secondaria di alcune azioni dei suoi dipendenti in un accordo che valuta l’azienda con sede a San Francisco a 86 miliardi di dollari.

Musk non ha rivelato dettagli su come verrebbe finanziato xAI, a parte un post su X di novembre in cui si diceva che gli attuali azionisti di X “possiederebbero il 25%” della società, senza ulteriori spiegazioni.

Tra i sostenitori di X, che hanno contribuito a finanziare l’acquisizione da 44 miliardi di dollari da parte di Musk dell’azienda allora conosciuta come Twitter, figurano il capo di Oracle Larry Ellison, Sequoia Capital, Andreessen Horowitz, Fidelity Management e il principe saudita Alwaleed bin Talal.

Fidelity ha recentemente ribassato il suo investimento in X di circa il 70%, conferendo alla società un valore di circa 12,5 miliardi di dollari.