Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I nuovi modi di trasporto hanno sempre suscitato irritazione nell’opinione pubblica, dal tram trainato da cavalli all’aereo supersonico. Lo scooter elettrico, tuttavia, è stato oggetto di critiche particolarmente dure. Integrarlo nelle infrastrutture delle città di tutto il mondo si è rivelato un grattacapo sia dal punto di vista legale che pratico: i ciclisti e gli automobilisti si risentono nei loro confronti, i pedoni sono diffidenti nei loro confronti e i programmi di noleggio progettati per introdurli delicatamente nella vita urbana li hanno visti sparsi come spazzatura. attraverso marciapiedi e parchi. In effetti, hanno provocato una tale irritazione tra i parigini che gli e-scooter a noleggio sono stati banditi dalla città nel settembre 2023.

Nel Regno Unito, i programmi di noleggio di prova continuano, ma gli scooter elettrici di proprietà privata possono ancora essere guidati legalmente solo su terreni privati. Coloro che infrangono la legge rischiano una multa di 300 sterline, sei punti sulla patente di guida e la possibile confisca del veicolo: alcune delle leggi più severe al mondo. Ma negli Stati Uniti, ad eccezione di un paio di stati, non esistono restrizioni di questo tipo, e in tutto il mondo i monopattini personali cominciano a essere classificati più o meno come equivalenti alle biciclette, anche se permangono molte anomalie locali (ad esempio, a Melbourne stai bene , ma a Sydney non lo sei).

“Niente può fermare un’idea il cui momento è giunto”, afferma Oscar Morgan, co-fondatore dell’azienda di scooter elettrici Bo, che li vede come il futuro della mobilità. Il suo collega, Luke Robus, spiega: “Abbiamo chiesto a persone di provare il Bo M [its first product] che hanno visto gli e-scooter e ne erano terrorizzati, ma salgono, viaggiano, scendono, sorridono. Sono super felici. Stiamo cambiando l’intera visione del mondo delle persone”.

Il tuo primo giro su uno scooter elettrico può sicuramente sembrare trasformativo. Per i primi 50 metri, quando ti abitui a stare in equilibrio (un piede dietro l’altro) e ad azionare l’acceleratore (a volte con l’indice, più spesso con il pollice), ti senti come un bambino che guida per la prima volta una bicicletta senza stabilizzatori, con gli occhi spalancati e ansioso. Presto inizierai a capire cosa li rende così piacevoli, persino avvincenti: sono semplici da usare, comodi da salire e scendere e ti danno la più pallida sensazione di galleggiare su un tappeto magico. Ora la battaglia è aperta per costruire lo scooter elettrico urbano definitivo, comodo, elegante e, soprattutto, sicuro.

Motorun di PET, £ 1.195, personalelectrictransport.co.uk
Motorun di PET, £ 1.195, personalelectrictransport.co.uk

“Con le biciclette, ci sono più di 100 anni di persone ossessionate dai dettagli, con ogni singolo formato giocato: geometrie diverse, materiali diversi”, afferma Morgan. “Ancora ne esiste ben poco per gli scooter.” L’agilità e l’estetica della Bo M riflettono il background dei fondatori dell’azienda (automobili di lusso e Formula Uno), dall’unibody in alluminio al sistema di sterzo con marchio di fabbrica, fino al gancio per borsa. In confronto a uno scooter elettrico a noleggio abbastanza fatiscente che avevo guidato nella mia città natale nell’Essex, il Bo M sembrava decisamente grandioso. “Ti presenteresti per un appuntamento con un Bo e non ti sentiresti un idiota”, mi assicura Morgan, e potrebbe benissimo avere ragione.

Ci sono anche collegamenti F1 al nuovo e-scooter della Serie 1 di Lavoie, un’azienda di mobilità elettrica fondata da McLaren Applied, fornitore dell’industria automobilistica e degli sport motoristici. È ricco di caratteristiche e tocchi che sembrano creare un prodotto desiderabile e apprezzabile, in contrapposizione agli scooter a noleggio che vedi sdraiati sui bordi della strada. Un accurato sistema di piegatura in attesa di brevetto ripiega lo scooter in modo unico ed elegante, una “modalità parcheggio” lo lascia riposare sulla sua base e può essere fatto uscire con una semplice pressione del freno, e un faro triangolare “alone” gli conferisce un aspetto distintivo. Anche in questo caso, l’attenzione posta all’ergonomia è stata immediatamente evidente durante un giro di prova (su un terreno privato, naturalmente): quel giorno la pioggia batteva a dirotto, ma affrontare le curve era sicuro e l’acceleratore azionato dal pollice era comodo da usare.

È un momento difficile per i marchi di scooter elettrici in alcuni territori, in particolare nel Regno Unito. Inokimfondata in Israele nel 2009, ha recentemente chiuso il suo negozio nel centro di Londra citando la mancanza di una legislazione coerente – anche se ciò è coinciso con l’apertura londinese del primo negozio all’estero dell’azienda milanese Giro d’Orovendendo il proprio scooter elettrico A6 Pro agile e antiforatura e offrendo servizi di manutenzione.

Golden Ride A6 Pro, £ 479
Golden Ride A6 Pro, £ 479 ©Massimiliano Serra

C’è chiaramente la convinzione che, nel medio e lungo termine, gli scooter elettrici si normalizzeranno. “Hanno un ingombro ridotto, sono leggeri, sono efficienti dal punto di vista energetico”, afferma Mark Shaffer di Trasporto elettrico personale (PET) nell’est di Londra, specializzato in scooter elettrici e ha assistito ad alti e bassi in otto anni di attività. “Abbiamo una soluzione proprio davanti a noi che potrebbe rivoluzionare il modo in cui ci muoviamo.” Il suo collega Vlad Malarz è d’accordo: “D’estate ero nella Repubblica Ceca, a Praga e Ostrava, e avevo voglia di piangere – persone di tutte le età, vecchi, mamme, tutti in scooter. Stanno tutti cavalcando!”