Sab. Lug 20th, 2024

Tra i leader mondiali e i capi delle grandi aziende tecnologiche riunitisi la settimana scorsa a Bletchley Park, in Inghilterra, per discutere la regolamentazione dell’intelligenza artificiale, c’era un amministratore delegato meno noto.

Arthur Mensch, fondatore della start-up parigina Mistral AI, rappresentava l’unica azienda europea presente al secondo giorno dell’AI Safety Summit nel Regno Unito, quando circa 30 dirigenti e politici si sono riuniti per una discussione più intima di quella tenutasi l’anno precedente. 100 partecipanti della giornata.

Mensch ha detto al MagicTech che ritiene che la sua azienda fondata sei mesi fa sia stata invitata insieme ai luminari della Silicon Valley di Microsoft, Google, Meta e OpenAI, per la sua “competenza tecnica”.

“Siamo stati pionieri della tecnologia”, ha affermato, indicando il suo lavoro di creazione di modelli di intelligenza artificiale avanzati presso Google DeepMind e quello dei suoi co-fondatori, Guillaume Lample e Timothee Lacroix, presso Meta.

“Competiamo con tutti”, ha aggiunto, nonostante la giovane azienda e le sue piccole dimensioni accanto a OpenAI o Google, sostenute da Microsoft.

Questa competenza – che secondo gli investitori solo poche decine di persone in tutto il mondo possono vantare – ha messo la neonata start-up al centro dell’attuale frenesia degli investitori per l’intelligenza artificiale.

I pesi massimi della Silicon Valley, tra cui General Catalyst e Andreessen Horowitz, stanno partecipando a un investimento di ben 400 milioni di euro in un accordo che potrebbe valutare Mistral tra 1,5 e 2 miliardi di euro, compreso il nuovo capitale, secondo persone con conoscenza diretta dei negoziati .

I termini dell’ultimo finanziamento di Mistral sono in continuo mutamento poiché è alle prese con quello che un investitore ha definito un “bunfight” tra i potenziali sostenitori.

Mistral, Andreessen Horowitz e il generale Catalyst hanno rifiutato di commentare le discussioni. Alcuni dettagli del finanziamento erano stati precedentemente riportati da The Information e Business Insider.

L’interesse per Mistral deriva dal suo lavoro nel mondo in rapida evoluzione dell’intelligenza artificiale generativa, dove i cosiddetti modelli linguistici di grandi dimensioni (LLM) sono in grado di creare prosa e codice umani in pochi secondi.

La maggior parte degli investitori si è concentrata sui gruppi con sede nella Silicon Valley: OpenAI sta esplorando una vendita di azioni dei dipendenti per una valutazione di 86 miliardi di dollari, mentre Anthropic ha recentemente ricevuto impegni di investimento da Google e Amazon, che potrebbero ammontare a 6 miliardi di dollari.

L’emergere di Mistral è ancora più evidente nel mercato europeo, dove le aziende con più di un miliardo di euro sono più scarse che negli Stati Uniti. Il governo francese ha anche incoraggiato Mistral come simbolo dell’ambizione del presidente Emmanuel Macron affinché l’Europa promuova i propri giocatori di intelligenza artificiale nostrani in modo da non rimanere indietro come ha fatto su tecnologie chiave come i semiconduttori e le piattaforme Internet.

Gli attuali investitori in capitale di rischio di Mistral affermano che, nonostante le elevate aspettative fissate dal suo round di avviamento da 105 milioni di euro da record a giugno, quando aveva solo quattro settimane, la società sta facendo rapidi progressi.

Jeannette zu Fürstenberg, co-fondatrice di La Famiglia, uno dei primi investitori di Mistral che si è fuso con General Catalyst con sede negli Stati Uniti il ​​mese scorso, ritiene che l’emergere della start-up francese possa essere un “vero momento Eureka per l’Europa”. “L’Europa è così brava nel promuovere la ricerca, ma così pessima nel cogliere i vantaggi commerciali”, ha affermato.

Antoine Moyroud, partner di Lightspeed Venture Partners, che ha guidato il primo round di raccolta fondi di Mistral, ha affermato di essere “sempre più entusiasta dell’azienda” a causa della velocità con cui si stava muovendo, rilasciando il suo primo modello di intelligenza artificiale a settembre, tre mesi prima del previsto. .

“Hanno superato le nostre aspettative interne”, ha affermato, nonostante “previsioni piuttosto aggressive”, aggiungendo: “La capacità di mostrare flessibilità e velocità di esecuzione è importante in un mondo che si muove così velocemente”.

I prezzi multimiliardari per le giovani aziende di intelligenza artificiale con attività immature hanno spinto alcuni investitori tecnologici a tracciare parallelismi con la bolla delle dotcom.

“Tutti i VC vogliono una parte del prossimo grande progetto dell’intelligenza artificiale e sono disposti a ingoiare enormi valutazioni per questo”, ha affermato Mike Volpi, partner di Index Ventures. Alcuni venture capitalist erano “troppo ottimisti riguardo ai tempi” per gli effetti trasformativi dell’intelligenza artificiale, ha affermato, il che stava spingendo alcuni a fare “investimenti sopravvalutati a breve termine”.

Ma Mensch, pur rifiutandosi di discutere gli ultimi colloqui sui finanziamenti di Mistral, ha insistito sul fatto che le valutazioni alle stelle delle società di intelligenza artificiale riflettono semplicemente che “questa è una rivoluzione che è certamente paragonabile a Internet”.

“La valutazione di qualcosa che potrebbe avere un rendimento vicino all’infinito, perché cambia così tanto la società che i nostri posti di lavoro non saranno mai più gli stessi, è molto difficile da stimare”, ha detto.

Mistral non sta ancora guadagnando, ma Mensch prevede che la situazione cambierà “prima della fine dell’anno”, poiché si prepara a rilasciare una nuova piattaforma per consentire ai clienti di accedere ai suoi modelli di intelligenza artificiale.

Pia d’Iribarne, partner di New Wave, un investitore con sede a Parigi in Mistral che conta il miliardario francese Xavier Niel tra i suoi sostenitori, ha affermato che “ci sono i fondamenti” per la costruzione di grandi imprese di intelligenza artificiale.

“Ciò non significa che non ci siano valutazioni folli e comportamenti folli da parte degli investitori in questo momento nel settore dell’intelligenza artificiale”, ha affermato. “Ma le valutazioni elevate per le società LLM sono più legate al prezzo del calcolo e alla scarsità di team che a tale comportamento”.

Il vantaggio di Mistral rispetto ai suoi rivali più grandi e meglio finanziati risiedeva nella sua efficienza, sosteneva Mensch. Ha lanciato il suo primo modello di intelligenza artificiale con un team di sole 10 persone, spendendo meno di 500.000 dollari in costi di formazione, a differenza delle decine di milioni spesi dai rivali.

“Siamo felici di essere i più efficienti in termini di capitale [LLM] compagnia”, ha detto.

Un altro elemento di differenziazione, sostiene zu Fürstenberg, è l’approccio “open source” di Mistral, in cui il modello viene pubblicato pubblicamente. Ciò offre ai clienti aziendali un maggiore controllo sui propri dati e visibilità sul loro utilizzo, oltre ad attrarre talenti da parte degli sviluppatori.

Nonostante le spese generali inferiori, Mensch ha ammesso: “Abbiamo bisogno di più capitali”. Si trattava principalmente di spendere i chip necessari per formare i LLM, ha affermato. “Le unità di elaborazione grafica costituiranno il nostro costo principale per un po’.”

Gli investitori di venture capital scommettono che solo una manciata di aziende avrà spazio per trarre profitto dallo sviluppo dei modelli alla base dei chatbot. Ma sviluppare e addestrare questi modelli è estremamente costoso e richiede un’enorme potenza di calcolo e una profonda competenza tecnica.

Anche se emergono nuovi rivali come xAI di Elon Musk, Moyroud di Lightspeed ha sostenuto che Mistral potrebbe essere l’ultimo nuovo sviluppatore LLM con una possibilità credibile di sfidare OpenAI.

“Oggi c’è la sensazione crescente che la nave sia salpata, in parte a causa dell’intensità del capitale”, ha detto. “Se qualcuno dovesse andare al mercato [today] con ambizioni simili e un team di qualità simile, non sono sicuro che verrebbero finanziati.