Mar. Giu 18th, 2024
Le giovani donne si innamorano delle app di appuntamenti

App di incontri come Tinder e Bumble stanno esplorando funzionalità extra e nuovi marchi per attirare più donne della generazione Z in risposta agli avvertimenti secondo cui le utenti donne stanno soffrendo di “burnout” sulle piattaforme di matchmaking.

Match Group, che ha più di 40 marchi di appuntamenti tra cui Tinder e Hinge, e Bumble, che possiede anche Badoo e Fruitz, hanno entrambi affermato di voler aumentare la moderazione dei contenuti e introdurre altri strumenti per migliorare le esperienze delle donne.

I sondaggi hanno costantemente mostrato una disparità di genere tra gli utenti delle app di appuntamenti, mentre alcune donne hanno segnalato preoccupazioni nel ricevere materiale non richiesto e minacce violente durante l'utilizzo dei servizi.

Risolvere questi problemi è fondamentale per il settore, poiché i maggiori attori sono sotto pressione per attirare nuovamente gli investitori. Le azioni sia di Match Group da 7,8 miliardi di dollari che di Bumble da 1,5 miliardi di dollari sono scese di oltre l’80% rispetto ai massimi del 2021, cancellando più di 40 e 18 miliardi di dollari dai rispettivi valori.

“La generazione Z e le donne – e l'esperienza delle donne in particolare – sono la nostra massima priorità”, ha affermato l'amministratore delegato di Match Group Bernard Kim, rispondendo a una domanda su Tinder durante l'ultima chiamata sugli utili dell'azienda. “Sono letteralmente la fascia demografica più critica per tutte le app di appuntamenti.”

Tinder, l'app di appuntamenti dominante al mondo, sin dal suo lancio nel 2012 ha reso popolare la funzione che consente agli utenti di accettare o rifiutare potenziali partner con il semplice tocco dello schermo dello smartphone. Bumble, 10 anni, nel frattempo, si è posizionata come un’alternativa incentrata sulle donne, dove le donne prendono l’iniziativa nell’avviare le conversazioni. Hinge incentrato sulle relazioni si è definito l'app “progettata per essere eliminata”.

Un recente sondaggio condotto dalla società di ricerche di mercato Mintel ha rilevato che il 47% degli uomini di età compresa tra i 18 e i 34 anni nel Regno Unito aveva utilizzato un sito web o un’app di incontri nell’anno fino a dicembre, rispetto al 25% delle donne della stessa età. Una disparità simile ma meno pronunciata è stata riscontrata tra gli intervistati più anziani.

“Cercare di coinvolgere le giovani donne è la difficoltà più grande per le app di appuntamenti”, ha affermato Rebecca McGrath, direttore associato per i media e la tecnologia presso Mintel. “Una significativa differenza di genere significa che è più difficile per gli uomini trovare abbinamenti e, di conseguenza, le donne spesso vengono bombardate, rendendo l’esperienza peggiore per tutti”.

Le principali piattaforme del settore hanno preso di mira apertamente le donne nel recente marketing. Bumble ha suscitato indignazione dopo che la sua ultima campagna pubblicitaria, rivolta direttamente alle donne che si erano ritirate dagli appuntamenti online, è stata criticata per aver preso in giro coloro che non erano sessualmente attivi.

Gli annunci, che hanno iniziato ad apparire sui cartelloni pubblicitari ad aprile, contenevano slogan come “non rinuncerai agli appuntamenti e diventerai suora” e “il voto di celibato non è la risposta”. Il contraccolpo ha spinto Bumble a scusarsi questo mese.

“Abbiamo ascoltato le preoccupazioni condivise sul linguaggio dell'annuncio e comprendiamo che, invece di evidenziare un sentimento attuale nei confronti degli appuntamenti, potrebbe aver avuto un impatto negativo su alcuni membri della nostra comunità”, ha detto un portavoce di Bumble.

Una pubblicità di Bumble
Le pubblicità dei bombi hanno suscitato proteste dopo essere apparse sui cartelloni pubblicitari in aprile, provocando le scuse dell'azienda

Match Group e Bumble hanno sottolineato ciascuno i propri sforzi per coinvolgere le utenti donne nelle loro ultime chiamate sugli utili aziendali. “Il nostro compito principale è aiutare i nostri clienti a trovare connessioni e migliorare le esperienze delle donne”, ha affermato Lidiane Jones, che ha assunto la carica di amministratore delegato di Bumble a gennaio.

Negli ultimi anni Tinder ha perso utenti a favore di rivali più piccoli, incluso il marchio Hinge, altro marchio del Match Group, che è più popolare tra la Gen Z.

Il numero di abbonati paganti su Tinder è sceso sotto i 10 milioni nei tre mesi fino a marzo, il sesto calo trimestrale consecutivo. Secondo i dati di Sensor Tower, dal 2021 gli utenti attivi mensili, la maggior parte dei quali utilizza i servizi gratuiti dell'app, sono in costante calo dal 2021. Bumble ha anche mostrato un calo nel primo trimestre del numero di utenti attivi, come hanno mostrato i dati del servizio di tracciamento delle app, anche se gli abbonati a pagamento sono rimasti stabili.

Grafico a linee degli utenti attivi mensili (milioni) che mostra i giganti delle app di incontri Tinder e Bumble che registrano un calo di utenti

Il calo degli utenti arriva mentre aumentano le segnalazioni del cosiddetto affaticamento delle app di appuntamenti. Un sondaggio condotto da Bumble, ad esempio, ha rilevato che il 70% delle donne che utilizzano l’app hanno sperimentato un “burnout”.

Alla fine di aprile, Bumble ha lanciato una funzione di “mosse di apertura”, che ha permesso alle donne di aggiungere suggerimenti ai loro profili a cui i potenziali corteggiatori potevano rispondere. Il prodotto, che secondo l'azienda “alleggerirebbe il carico di avviare una chat”, segna una rottura rispetto al modello precedente di Bumble, che richiedeva alle donne di iniziare attivamente tutte le conversazioni.

“Abbiamo assistito a una rapida adozione di [opening moves] e feedback positivo da parte delle donne, che rappresentano il pubblico target di questo aggiornamento del prodotto”, ha affermato Jones.

Match Group ha anche esplorato strumenti per facilitare l'adozione di Tinder, inclusa una funzione di selezione delle foto basata sull'intelligenza artificiale, attualmente in fase di test, che analizza l'album fotografico personale di un utente e seleziona automaticamente quelle che meglio “mostrano la sua personalità” per il suo profilo. Kim ha affermato che ciò ridurrebbe la “barriera all’ingresso” per l’utilizzo di Tinder.

Sia Bumble che Match Group hanno evidenziato il miglioramento della moderazione dei contenuti come strumento per aumentare il coinvolgimento e la soddisfazione delle donne.

Un sondaggio del 2023 del Pew Research Center ha rilevato che a oltre la metà delle donne sotto i 50 anni che avevano utilizzato siti o app di incontri era stato inviato un messaggio o un’immagine sessualmente esplicita che non avevano richiesto. Più di uno su 10 ha ricevuto minacce di danni fisici.

Tinder ha dichiarato a febbraio che stava espandendo il proprio programma di verifica dell'identità, che confronta un video selfie con un passaporto o una patente di guida, nonché con le immagini sul profilo di un utente. Bumble, che già offriva una funzionalità simile, ha affermato di aver migliorato il suo “modello di visione artificiale per il confronto delle somiglianze” nel primo trimestre al fine di migliorare la verifica.

Kim di Match Group ha affermato che si prevede che il rebranding di Tinder nel 2023 “avrà un impatto positivo sugli utenti, in particolare sulle donne e sulla generazione Z”. Ha osservato, tuttavia, che la crescita degli abbonati a pagamento deriverebbe principalmente dall”innovazione del prodotto”, che include il miglioramento della qualità del profilo, la moderazione e l'accuratezza del matchmaking algoritmico.

L'amministratore delegato di Tinder, Faye Iosotaluno, ha dichiarato a marzo: “Il mio obiettivo è assicurarmi che, se sei una donna e ti presenti, vedi qualcuno con cui vuoi abbinarti ogni volta che sei nell'app.”