Mar. Giu 18th, 2024
Le sfide del miglioramento delle competenze per i lavoratori emarginati

Quando Scott Moore perse il lavoro nel 2015, a causa dei tagli al budget del dipartimento universitario in cui lavorava, l’ingegnere informatico non vedente non era troppo preoccupato. Dopo un'esperienza decennale nel settore IT, si considerava un esperto nella creazione di siti Web e app.

“È stato solo quando ero là fuori alla ricerca di un nuovo lavoro che mi sono reso conto di non avere le competenze giuste. . . l'intero campo dello sviluppo web si è evoluto così velocemente e io non sono riuscito a tenere il passo”, ricorda.

Moore, 54 anni, residente a Denver, in Colorado, è uno dei milioni di adulti disabili o finanziariamente emarginati che trovano troppo difficile accedere alla formazione professionale di cui hanno bisogno per competere in un posto di lavoro dominato dalla tecnologia.

Sebbene il miglioramento delle competenze rappresenti una sfida per tutta la forza lavoro, aggiornarsi con le tecnologie più recenti può essere particolarmente difficile per coloro che hanno un accesso limitato a una formazione di alta qualità, sia per ragioni fisiche che socioeconomiche.

Ma Arezou Harraf, fondatore di Learn & Evolve, un fornitore di tutoraggio privato, afferma che la difficoltà può essere superata. “Affrontando le barriere finanziarie, migliorando l’accesso alle informazioni, sfruttando la tecnologia e promuovendo gli sforzi di collaborazione, possiamo colmare il divario di competenze e creare una forza lavoro più inclusiva”, sostiene.

In cima alla lista degli interventi di Harraf c'è lo sfruttamento della tecnologia esistente e delle piattaforme digitali per democratizzare lo sviluppo delle competenze. In teoria, dovrebbe essere una vittoria veloce. L’accesso al materiale online elimina la necessità costosa e talvolta fisicamente impegnativa di recarsi in un luogo di apprendimento.

Tuttavia, l’accessibilità da sola non è la soluzione miracolosa, avvertono gli esperti. L'esperienza di Scott Moore è significativa. Per diversi anni, dopo aver perso il lavoro, trascorreva le giornate guardando videolezioni sulla programmazione informatica su piattaforme come YouTube e Udemy.com, ma con scarsi risultati.

Per quanto fosse bello “sentirsi come se stessi imparando qualcosa”, riflette, i suoi sforzi di autoapprendimento non sempre si adattavano al nuovo mercato del lavoro: “Mi sono reso conto che non avevo alcuna direzione e non ero Non sono nemmeno sicuro di quali sarebbero le cose più importanti da imparare.

Nel caso di Moore, un “campo di addestramento alla codifica” di sei mesi presso l'Università di Denver ha fornito l'orientamento che gli mancava e gli ha permesso di laurearsi nell'aprile 2022 con una solida padronanza della programmazione JavaScript full-stack, uno dei principali corsi di programmazione. le lingue.

Anche seguendo la strada giusta, tuttavia, il miglioramento delle competenze dei gruppi emarginati non è privo di difficoltà. Come osserva Harraf, senza il sostegno finanziario del governo o dei datori di lavoro, i finanziamenti possono rappresentare un “ostacolo significativo”.

Si possono però trovare buone pratiche. Elizabeth Crofoot, economista senior presso la società di analisi del mercato del lavoro Lightcast, sottolinea i programmi gratuiti di miglioramento delle competenze pensati appositamente per le persone con disabilità gestiti da gruppi tecnologici tra cui IBM e Microsoft.

A volte bastano piccoli accorgimenti per contrastare l’esclusione. Garantire che l’esperienza lavorativa e gli apprendistati siano equamente remunerati, ad esempio, può fare la differenza tra individui provenienti da contesti a basso reddito che accettano tale opportunità o se la perdono.

Inoltre, l’uso creativo delle più recenti tecnologie digitali può consentire lo svolgimento della formazione durante lo svolgimento del lavoro. Crofoot fornisce l'esempio dello strumento di intelligenza artificiale generativa ChatGPT che consente agli individui neurodiversi di migliorare le proprie competenze trasversali al lavoro.

“Le persone con disturbi neurologici hanno spesso un funzionamento molto elevato; hanno solo bisogno di un piccolo aiuto sociale aggiuntivo”, afferma. “Per qualcuno del genere, potrebbe inserire un'e-mail in ChatGPT e chiedere se il messaggio sembra corretto, ad esempio, o se i segnali sociali sono accettabili.”

In modo simile, lo specialista di carriere britannico Hundo utilizza le tecnologie digitali per offrire opportunità di esperienza di lavoro virtuale, con particolare attenzione ai giovani che affrontano barriere educative, geografiche o socioeconomiche.

E, qualunque sia l’intervento di miglioramento delle competenze, prima arriva, meglio è. Ironicamente, l’età lavorativa potrebbe essere troppo tardi per alcuni. Negli Stati Uniti, ad esempio, uno studente su tre è affetto da disabilità non riuscire a laurearsi dalle scuole superiori, rispetto a solo uno studente non disabile su sei.

Per Justin van Fleet, presidente dell'associazione benefica per l'infanzia Theirworld con sede nel Regno Unito e amministratore delegato della Global Business Coalition for Education, anche aspettare che la scuola secondaria vada bene.

Secondo lui, questo è particolarmente vero per le competenze trasversali richieste dai datori di lavoro moderni, come il pensiero critico, il lavoro di squadra e l’apprezzamento per le diverse prospettive.

“Queste non sono abilità che possono essere facilmente insegnate a un diciottenne, ma invece [they are] competenze e valori che vengono instillati molto presto, probabilmente prima dei cinque anni, quando avviene il 90% dello sviluppo cerebrale di un individuo”, afferma van Fleet.

Ma, anche per i lavoratori svantaggiati con buone competenze trasversali, il posto di lavoro digitale di oggi può rappresentare una benedizione mista. Da un lato, facilitando il lavoro da casa e altre forme di collaborazione abilitata al digitale, rimuove molte barriere tradizionali all’occupazione. D’altro canto, aumentando l’importanza delle competenze digitali, si escludono ulteriormente coloro che già si trovano ad affrontare svantaggi di apprendimento.

Scott Moore comprende fin troppo bene questa tensione. A tre anni dalla laurea è ancora in cerca di lavoro. Ma, in quanto ex judo paralimpico, non è il tipo che si arrende facilmente. “È difficile tenere il passo”, ammette, “ma devi davvero mantenerlo.”