Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’esercito ucraino afferma di aver distrutto una grande nave da sbarco russa in un porto della Crimea, segnando un altro duro colpo per la flotta russa del Mar Nero.

Martedì l’aeronautica ucraina ha dichiarato di aver colpito la Novocherkassk nel porto di Feodosia, situato sul lato orientale della penisola. La nave di classe Ropucha, lunga 112 metri, è stata colpita da missili da crociera intorno alle 2:30 ora locale, ha aggiunto.

Social media non verificati filmato ripubblicato dal tenente generale Mykola Oleschuk, comandante dell’aeronautica militare ucraina, ha mostrato una palla di fuoco sopra la struttura navale. Il portavoce dell’aeronautica Yuriy Ignat ha attribuito la grande esplosione alla “detonazione di munizioni, poiché una grande nave anfibia viene utilizzata per trasportare attrezzature, armi e personale”.

Secondo l’agenzia di stampa statale Interfax, il ministero della Difesa russo ha confermato che la Novocherkassk è stata danneggiata da un attacco missilistico guidato ucraino.

Sergei Aksyonov, governatore nominato dal Cremlino della Crimea, annessa a Mosca nel 2014, ha detto che una persona è morta e diversi edifici sono stati danneggiati.

Gli attacchi dell’Ucraina contro la flotta russa del Mar Nero utilizzando missili da crociera Storm Shadow e Scalp forniti da inglesi e francesi, che hanno una gittata superiore a 250 km, e droni aerei e navali di fabbricazione ucraina, sono stati un raro punto positivo in un anno di delusioni militari per Kiev.

Nonostante l’Ucraina non disponga di una marina significativa, la campagna ha periodicamente costretto i comandanti russi a ridistribuire le navi lontano dalla base navale principale di Sebastopoli, fuori dalla portata dei missili.

Insieme a migliori capacità di difesa costiera e aerea, la strategia ha consentito all’Ucraina di rompere il blocco russo delle navi commerciali nel Mar Nero allontanando la marina russa dal porto di Odessa e dalla costa. Ciò ha, di fatto, ristabilito una via di spedizione praticabile per le esportazioni di Kiev, sebbene non sia completamente sicura.

Altre vittorie precedenti per l’Ucraina includono un attacco con diversi missili da crociera a settembre che penetrarono le difese aeree della Russia e distrussero il quartier generale della flotta del Mar Nero a Sebastopoli. Kiev ha affermato di aver ucciso 34 membri del personale russo, compresi i massimi comandanti navali, nell’attacco, ma Mosca ha negato che ci siano state vittime.

Sempre a settembre, l’Ucraina ha dichiarato di aver distrutto un sofisticato sistema di difesa aerea russo S-400 che copriva l’intera penisola e di aver danneggiato una nave da sbarco e un sottomarino in attacchi separati.

L’Ucraina ha ottenuto il suo più grande successo navale della guerra nell’aprile dello scorso anno, quando ha affondato la Moskva, l’ammiraglia della flotta russa nel Mar Nero, utilizzando un missile antinave Neptune sviluppato internamente.