Elon Musk ha accusato Twitter di una “richiesta ingiustificata di affrettare” il processo per determinare se dovrebbe essere costretto a completare un accordo da 44 miliardi di dollari per acquistare la società di social media.

Musk ha suggerito che il processo inizi al più presto a febbraio, secondo un deposito del tribunale dei suoi avvocati venerdì. Questo è diversi mesi dopo il tempismo di settembre richiesto da Twitter nella sua causa, che è stata depositata presso il tribunale della cancelleria del Delaware pochi giorni dopo che Musk ha annunciato la sua intenzione di rescindere l’accordo.

Gli avvocati che rappresentano l’amministratore delegato di Tesla venerdì hanno affermato nella risposta di 16 pagine alla causa di Twitter che la questione degli account di spam sulla rete – una delle ragioni principali addotte da Musk per aver tentato di ritirarsi dall’accordo – era “fondamentale” per il caso e richiedeva un’indagine più lunga e “tempi sostanziali per la scoperta”.

Gli avvocati di Musk hanno descritto la data del processo proposta e il suggerimento di Twitter che potrebbe essere completato in quattro giorni, come un “programma a rotta di collo”.

“L’improvvisa richiesta di velocità di curvatura da parte di Twitter dopo due mesi di trascinamento dei piedi e offuscamento è la sua ultima tattica per nascondere la verità sugli account di spam abbastanza a lungo da consentire agli imputati ferroviari di chiudere”, si legge nel documento.

Martedì è prevista l’udienza in merito. Twitter ha rifiutato di commentare.

La causa della società di social media ha accusato Musk, l’uomo più ricco del mondo, di aver cercato di ritirarsi dall’accordo a causa della disfatta dei titoli tecnologici che ha danneggiato il valore di Twitter e di molti dei suoi colleghi. L’8 luglio, quando Musk ha annunciato la sua intenzione di ritirarsi dall’accordo del valore di $ 54,20 per azione, il titolo era sceso a $ 36,81.

In un caso che ha affascinato il mondo aziendale, la difesa di Musk si basa sulla sua capacità di convincere il tribunale che il problema dei bot – account di spam automatizzati – sulla piattaforma è di gran lunga maggiore di quanto divulgato in precedenza, rappresentando un “effetto negativo materiale” che darebbe lui la capacità di ritirarsi dall’accordo.

Musk ha affermato che Twitter ha violato l’accordo di fusione non condividendo informazioni sufficienti sugli account falsi, una posizione ribadita nella dichiarazione di venerdì, che ha nuovamente messo in dubbio la stima a lungo dichiarata dell’azienda secondo cui i robot costituivano meno del 5% degli utenti.

A seguito di un incontro tra Musk e l’amministratore delegato di Twitter Parag Agrawal, “Musk è rimasto sbalordito nello scoprire che il processo di Twitter per identificare gli account di spam si basava su revisori umani per esaminare una parte minuscola della base di utenti piuttosto che utilizzare le capacità di apprendimento automatico dell’azienda”, afferma il deposito .

Nella sua causa, Twitter ha affermato che Musk era ben consapevole del problema del sito con i robot, indicando i tweet pubblicati da Musk che evidenziavano la questione prima dell’accordo.

Il social network ha anche accusato Musk di aver violato i termini dell’accordo di fusione che gli chiedeva di non denigrare l’azienda, evidenziando i suoi tweet che sembravano pungolare la leadership di Twitter.

Rispondendo a tale affermazione, il deposito di Musk ha accusato Twitter di non essere in grado di fare battute.

“Con il senso dell’umorismo di un bot, Twitter afferma che Musk sta danneggiando l’azienda con tweet come un meme di Chuck Norris e un’emoji di cacca”, affermava il deposito. “Twitter ignora che Musk è il suo secondo maggiore azionista con una partecipazione economica molto maggiore rispetto all’intero consiglio di amministrazione di Twitter”.