Lun. Giu 24th, 2024
OpenAI e il caso del tecno-ottimismo

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Caro lettore,

Quando sono arrivato a San Francisco alla fine del 2018, il techlash era già in pieno svolgimento. La fiducia del pubblico nelle aziende tecnologiche statunitensi è stata martellata dalle violazioni della privacy e dalle “fake news”. Motti aziendali come “Non essere cattivo” di Google e “Muoviti velocemente e rompi le cose” di Facebook avevano iniziato a suonare come battute finali.

Sei anni dopo, mentre mi preparo a lasciare la città e a firmare la rubrica Lex, San Francisco è nella morsa di un nuovo boom. Le start-up di San Francisco, tra cui OpenAI e Anthropic, stanno guidando una corsa globale nell'intelligenza artificiale generativa. Le valutazioni tecnologiche si sono moltiplicate. Prendiamo Microsoft, la più grande azienda statunitense per valutazione. Dal 2018 la sua capitalizzazione di mercato è triplicata arrivando a superare i 3 trilioni di dollari. La fiducia nella tecnologia potrebbe essere diminuita, ma la domanda per i suoi servizi e le sue azioni è ai massimi storici.

Se sei un appassionato di tecnologia potresti credere che l’intelligenza artificiale stia per inaugurare una trasformazione globale pari alla rivoluzione industriale. Quelli con un carattere più irritabile si chiederanno quanto tempo ci vorrà prima che tutto crollerà. In ogni caso, l’azienda da tenere d’occhio è OpenAI.

Questa settimana, OpenAI ha deciso di aprire al pubblico l'ultima versione del suo chatbot AI. Il modello multimodale può elaborare immagini e audio e dispone di un assistente vocale piuttosto inquietante e ridacchiante. Ma la dimostrazione è servita anche ad altri due scopi: ha messo in ginocchio l’ultimo annuncio dell’intelligenza artificiale del rivale Google e ha distolto l’attenzione dalla partenza del co-fondatore e capo scienziato di OpenAI Ilya Sutskever.

L'uscita di Sutskever segna la fase finale della trasformazione di OpenAI da organizzazione di ricerca senza fini di lucro che persegue l'intelligenza generale artificiale (AGI) di tipo umano salvaguardando l'umanità in impresa commerciale multimiliardaria. Inoltre consolida il potere dell’amministratore delegato Sam Altman.

Torna indietro di sei mesi e nessuno dei due ne era certo. Sutskever aveva appena preso parte a un bizzarro colpo di stato che rimosse brevemente Altman da OpenAI. Agli investitori sono state fornite poche spiegazioni oltre al fatto che Altman non era stato “coerentemente sincero”. L'episodio si è concluso con una farsa con la reintegrazione di Altman, sostenuto dal sostenitore Microsoft e dai dipendenti in attesa di incassare le loro azioni nella società. Sutskever ritrattò le sue azioni.

Sutskever è un pioniere dell’intelligenza artificiale che ha avuto un ruolo determinante nello sviluppo delle reti neurali che hanno portato alla creazione di grandi modelli linguistici che alimentano l’intelligenza artificiale generativa. Ma ciò che ha trasformato OpenAI in un’azienda da 80 miliardi di dollari – una delle start-up di maggior valore al mondo – non è stata solo la sua ricerca, ma la sua decisione di riconfezionare le sue scoperte in una piattaforma gratuita e facile da usare chiamata ChatGPT. Il motivo per cui ha raggiunto un fatturato annuo di 2 miliardi di dollari nell’arco di un anno è stata la decisione dell’azienda di muoversi rapidamente per vendere abbonamenti a chatbot e accedere al modello sottostante.

Il riconoscimento del marchio e la capacità di attirare l'attenzione di OpenAI superano di gran lunga quelli dei rivali più grandi. OpenAI afferma che ChatGPT ha 100 milioni di utenti settimanali. Google non ha scelto di fornire una metrica simile. La sua presentazione di quasi due ore questa settimana ha mostrato come l'azienda sta inserendo l'intelligenza artificiale in tutti i suoi servizi e vuole creare “agenti” personalizzati che possano aiutare a prendersi cura delle singole attività. Ma come ha osservato l’analista Richard Windsor, Google è un’organizzazione guidata dall’ingegneria. Non è molto bravo a commercializzare la propria abilità. OpenAI lo è.

Non sappiamo ancora quanto sta spendendo OpenAI. Né sappiamo se il perseguimento dell’AGI sia fattibile. Ma ciò che OpenAI ha dimostrato è che esiste una domanda di servizi di intelligenza artificiale per i quali le persone sono disposte a pagare. Ciò dà una certa sostanza alle valutazioni dell’intelligenza artificiale.

La prossima fase in cui stiamo per entrare è una rissa tra le grandi aziende tecnologiche. Si dice che OpenAI sia in trattative con Apple per aggiungere servizi di intelligenza artificiale generativa agli iPhone e ad altri prodotti Apple. Si dice che Microsoft, che ha investito 13 miliardi di dollari in OpenAI, ha diritto ai profitti dalla sua controllata a scopo di lucro e ha avuto accesso ai suoi strumenti, stia lavorando sui propri servizi di intelligenza artificiale interni. OpenAI potrebbe lanciare uno strumento di ricerca per rivaleggiare con quello di Google.

Le aziende e gli individui vogliono ancora che gli venga detto come utilizzare gli strumenti di intelligenza artificiale generativa e per cosa. È un aiutante della creatività o un assistente? Migliorerà e personalizzerà la vita online o stiamo per essere tutti inondati dai fanghi generati dall’intelligenza artificiale? Ed è davvero una minaccia per l’umanità? Rispondere a queste domande richiede ovviamente abilità tecniche, ma richiede anche abilità nello spettacolo. Questo è qualcosa in cui OpenAI ha dimostrato di poter eccellere.

  • Il tentativo di Londra di rivitalizzare il mercato azionario ha ricevuto una spinta questa settimana con la notizia che Raspberry Pi, un produttore britannico di microcomputer, prevede di quotarsi alla Borsa di Londra quest'estate.

  • Il boom dei mercati del debito sta offrendo ai gruppi di private equity respiro e la possibilità di evitare la vendita di asset a prezzi ridotti.

  • Dopo anni di scommesse tecnologiche vaste e un po’ casuali, Masayoshi Son ha adottato un approccio più conservatore agli investimenti. Di conseguenza, la liquidità di SoftBank è cresciuta. Quali sono le probabilità che Son possa resistere a spenderli in costose scommesse sull'intelligenza artificiale?

Cose che mi sono piaciute questa settimana

Cruise è stata la prima azienda a lanciare un servizio di taxi a guida autonoma a San Francisco nel 2022. L'anno scorso ho fatto un viaggio piuttosto rischioso in una delle sue auto a guida autonoma e ho promesso di evitare i robotaxi. Da allora, Cruise ha rimosso le sue auto da San Francisco. La rivista Fortune fa una bella immersione approfondita tutte le cose che sono andate storte presso l'azienda.

I concorsi di bellezza possono essere fuori moda, ma ogni anno se ne svolgono ancora centinaia di migliaia. Tuttavia, il futuro di Miss USA è in discussione a seguito delle dimissioni della sua ultima vincitrice e dell'inquietante rivelazione che il suo incarico di uscita prevedeva “SONO SILENZIOSO”.

Verge spiega perché gli adolescenti sono soli fare amicizia con i chatbot AI. Le informazioni che condividono sembrano un incubo per la privacy.

Buon fine settimana e grazie mille per tutte le e-mail e i commenti dei lettori sulle storie tecnologiche di Lex nel corso degli anni.

Elena Moore
Vice capo della Lex