Ven. Giu 21st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Per quanto molti di noi apprezzino l’interazione umana, ci sono alcuni compiti che l’intelligenza artificiale svolge molto meglio di qualsiasi persona. La verifica dell’identità del cliente è una di queste, secondo gli specialisti della finanza online.

Come sa chiunque abbia mai aperto un conto bancario online o di persona, un documento con la tua foto sarà quasi universalmente richiesto come prova di identità.

In una filiale bancaria, un impiegato esaminerà te e il tuo passaporto o patente di guida, ad esempio, per vedere se corrispondono. Oppure, se fai domanda online, ti verrà chiesto di scattare una foto del documento di identità e del tuo volto, che verrà poi letta da una macchina. E la tecnologia sarà probabilmente più precisa nell’analizzare le immagini rispetto all’impiegato di banca.

Perché le macchine sono più efficaci nel verificare l’identità?

“Gli esseri umani non sono particolarmente bravi a riconoscere gli esseri umani”, spiega Yuelin Li, chief product officer di Onfido, fornitore di servizi di verifica dell’identità digitale con sede nel Regno Unito. studi dimostrando che le macchine sono migliori delle persone comuni nel riconoscere i volti e altrettanto brave degli “esaminatori facciali professionisti”, che hanno maggiori probabilità di essere impiegati nelle forze dell’ordine che nelle banche.

Ci sono molte ragioni per la superiorità delle macchine nel riconoscimento facciale. Li afferma che gli esseri umani possono avere difficoltà a conciliare l’aspetto attuale di qualcuno con foto di carte d’identità che potrebbero avere anni e ad abbinare un’immagine 3D di una persona reale a un’immagine 2D. Le macchine sono più precise perché possono utilizzare misurazioni, ad esempio, della distanza tra i tratti del viso e la dimensione dei segni per capire se la persona e la foto corrispondono.

Le macchine sono anche molto più esperte anche del più abile impiegato di banca. Li afferma che Onfido utilizza un modello di apprendimento automatico, che migliora nel tempo la precisione della tecnologia che alimenta il suo sistema. Può anche, su richiesta dei clienti, verificare se qualcuno ha già provato ad associare lo stesso volto a un nome diverso.

Onfido offre anche la verifica utilizzando altri documenti, come le bollette. Esamina il documento per verificare un indirizzo, controlla se esiste una data di emissione valida e se il modello sembra ragionevole. Fondamentalmente, però, il consiglio che l’azienda dà agli istituti finanziari è che l’uso di documenti come le bollette non è il modo più sicuro per verificare l’identità di qualcuno.

In che modo la verifica online migliora la sicurezza?

Li afferma che l’onboarding dei clienti online, ovvero portare un cliente su una piattaforma bancaria o di investimento e configurarlo, è più sicuro rispetto agli approcci più tradizionali perché ora viene in genere eseguito interamente all’interno di un’app bancaria o di un fornitore di servizi di pagamento. “Una delle cose per cui le persone sono molto nervose è [using] cose come i call center”, afferma. “Molti attacchi in corso adesso – un attacco di phishing o un messaggio di testo o qualcosa del genere – loro [criminals] prenderti perché stai uscendo dall’app.”

Ciò aiuta a spiegare perché la verifica online è diventata mainstream negli ultimi anni, con Li che osserva che la “stragrande maggioranza” dell’onboarding avviene ora online, tra le istituzioni tradizionali e nuove con cui Onfido collabora nel Regno Unito.

Revolut, una fintech britannica che non ha filiali fisiche, ha più di 30 milioni di clienti online in tutto il mondo. Il suo responsabile della criminalità finanziaria e delle frodi, Aaron Elliott-Gross, afferma che l’azienda utilizza una combinazione di modelli e sistemi interni insieme ai servizi dei fornitori per affrontare la “minaccia costante”, ad esempio, che vengano trasmesse immagini generate dall’intelligenza artificiale e falsi profondi. come video “selfie” di persone reali.

La fintech Revolut utilizza una combinazione di sistemi per sradicare immagini e falsi generati dal computer © Beata Zawrzel/NurPhoto/Getty Images

“Essi [the vendors] controllano per assicurarsi che il selfie sia live, controllano che ci sia movimento e i venditori sono molto bravi in ​​questo. Forniamo un livello aggiuntivo [of checks] oltre a questo perché vediamo così tante onboard che pensiamo di avere qualcosa da aggiungere. . . per vedere se possiamo rilevare qualcosa di insolito.”

Quali altri controlli digitali si possono effettuare?

Elliott-Gross sottolinea che il riconoscimento facciale e la verifica di documenti come le fatture sono gli “elementi fondamentali”, ma che dietro le quinte avvengono controlli molto più sofisticati. “È proprio ciò che fai oltre che ti differenzia. . . È molto ovvio [to the potential new customer] che stiamo verificando i documenti, è ovvio che stiamo verificando i dati”, afferma. “Eseguiamo molti modelli oltre a questo.

“[We] diciamo, non guardiamo solo i dati che un cliente ci ha fornito, diamo un’occhiata ad altri segnali che abbiamo su quel cliente – diciamo [what the] Sembra l’indirizzo IP sul loro dispositivo mobile, la cronologia che abbiamo sul loro numero di telefono o indirizzo email [which Revolut can get from data providers] per capire se quel cliente è un vero cliente di bordo o un fraudolento.”

Revolut sta utilizzando i suoi strumenti di identità anche per qualcosa di più dell’onboarding. Ad esempio, può verificare che le persone mantengano il controllo dei propri conti anche se cambiano telefono o se effettuano un pagamento insolitamente elevato. Ciò garantisce che, se un telefono viene rubato, il ladro non sarà in grado di eseguire una transazione di grandi dimensioni dal conto della vittima.

Anche il fintech è “molto interessato” all’evoluzione del settore biometria comportamentale, che prevede la profilazione, ad esempio, dell’angolazione con cui un utente in genere tiene un dispositivo e della velocità con cui preme i pulsanti o digita. Tutte queste idiosincrasie possono aiutare ad autenticare l’identità una volta che l’utente è stato inserito.