Ven. Giu 14th, 2024

Sette grandi società tecnologiche statunitensi hanno guidato tutti i guadagni delle azioni globali quest’anno, spingendo il dominio statunitense sui mercati azionari a nuovi livelli.

I cosiddetti “magnifici sette” – Apple, Microsoft, Meta, Amazon, Alphabet, Nvidia e Tesla – hanno sostenuto l’indice S&P 500 delle società blue chip statunitensi per gran parte dell’anno a causa dell’entusiasmo degli investitori per la crescita di intelligenza artificiale.

La tendenza è diventata così estrema da dominare i mercati esteri. Ma per le sette società, l’indice di riferimento All-Country World di MSCI, che comprende quasi 3.000 aziende di grandi e medie dimensioni, sarebbe diminuito da inizio anno, secondo i dati di Bloomberg.

I sette hanno aggiunto quasi 4 trilioni di dollari di capitalizzazione di mercato nel 2023, rispetto ai 3,4 trilioni di dollari di guadagni per l’indice MSCI nel suo complesso. Hanno aggiunto un totale di 40 punti all’indice, che è aumentato complessivamente di 37 punti.

A meno che non vi sia una brusca inversione di tendenza entro dicembre, il 2023 segnerà l’ottavo anno nell’ultimo decennio di aumento della quota statunitense della capitalizzazione di mercato globale.

Le aziende statunitensi rappresentano oggi il 61% dell’indice da 60mila miliardi di dollari, rispetto a meno del 50% di dieci anni fa. I 10 titoli più grandi rappresentano quasi il 19% dell’indice, rispetto all’8% del 2013.

Grafico a linee delle società statunitensi come percentuale dell'indice MSCI All-Country World che mostra che le azioni statunitensi dominano i mercati globali

Dopo un inizio anno decente, negli ultimi mesi i titoli azionari globali hanno perso slancio a causa delle preoccupazioni sui tassi di interesse e sui rischi geopolitici.

I guadagni negli Stati Uniti quest’anno hanno smentito le previsioni degli investitori che avevano sostenuto che le valutazioni convenienti avrebbero aiutato altri mercati in tutto il mondo a raggiungere gli Stati Uniti.

“La storia dei mercati è costellata di grandi investitori caduti in una semplice trappola del valore”, ha affermato Max Gokhman, responsabile della strategia di investimento di Franklin Templeton Investment Solutions. “Se guardiamo agli Stati Uniti rispetto al resto del mondo, penso che ci sia una ragione per cui è stata per molto tempo l’asset class con le migliori performance.”

Vi è poco disaccordo sul fatto che le azioni statunitensi sembrino costose rispetto al resto del mondo. Secondo i dati di JPMorgan Asset Management, l’indice S&P 500 viene scambiato a circa 18 volte il valore degli utili attesi nei prossimi 12 mesi, rispetto alle 12 volte dell’indice MSCI All-Paese, escluse le azioni statunitensi.

Grafico a linee della valutazione relativa degli indici MSCI All-Country ex-US rispetto all'S&P 500 che mostra le azioni non statunitensi scambiate con uno sconto storico rispetto all'S&P 500

La domanda è se esistano fattori realistici per un cambiamento.

Jurrien Timmer, direttore del settore macro globale di Fidelity, ha dichiarato: “La valutazione [of non-US stocks] è molto allettante. . . ma solo perché qualcosa costa poco non significa che avrà prestazioni migliori”.

Nel frattempo, ha aggiunto, i grandi titoli tecnologici “potrebbero avere più spazio per correre” poiché non esiste ancora un chiaro catalizzatore per invertire la rotta. Alcuni di essi sono stati colpiti dal recente aumento dei rendimenti dei titoli del Tesoro, ma in media hanno retto meglio del mercato più ampio.

A dimostrazione del continuo interesse degli investitori, OpenAI, il gruppo privato con sede negli Stati Uniti dietro ChatGPT, ha discusso una vendita di azioni con gli investitori che lo valuterebbero circa 86 miliardi di dollari, tre volte quello che valeva ad aprile.

Grafico a linee dei 10 titoli più grandi come percentuale dell'indice MSCI All-Country World che mostra la crescente concentrazione nell'indice azionario globale

Gokhman di Franklin Templeton ha affermato che i magnifici sette potrebbero essere messi sotto pressione l’anno prossimo se non mostreranno sufficienti benefici tangibili dalla crescita dell’intelligenza artificiale. Ma ha aggiunto che anche se l’entusiasmo per l’intelligenza artificiale svanisse, i titoli growth – che sono molto più comuni negli Stati Uniti – trarrebbero beneficio quando i tassi di interesse inizieranno a scendere.

“Se pensiamo che i tassi aumenteranno da qui in poi, ciò sarebbe negativo per gli Stati Uniti, ma se abbiamo superato o siamo vicini al picco, cosa con cui la maggior parte delle persone sarebbe d’accordo. . . ci sarà un vento favorevole dal calo dei tassi”, ha detto.

Oltre agli effetti degli elevati rendimenti obbligazionari, nelle ultime settimane i titoli azionari globali sono stati messi sotto pressione anche dalla guerra tra Israele e Hamas. Diversi investitori hanno affermato che le preoccupazioni geopolitiche avrebbero un impatto maggiore al di fuori degli Stati Uniti, un ulteriore ostacolo alla chiusura del divario di valutazione.

Rich Steinberg, capo stratega di mercato presso Colony Group, un gestore patrimoniale, ha dichiarato: “Dati alcuni dei rischi geopolitici che abbiamo di fronte e in futuro, potrebbe esserci qualche esitazione nel fare grandi scommesse fuori misura verso gli ex-Stati Uniti perché le persone hanno stato bruciato prima.”

Il dibattito sul dominio statunitense sui mercati globali ha ripercussioni che vanno oltre l’asset allocation degli investitori. Ciò ha contribuito ai timori nei centri finanziari come Londra e Francoforte di un potenziale monopolio statunitense che si auto-rafforza, drenando liquidità da altri mercati e incoraggiando le società a spostare le proprie quotazioni per raggiungere valutazioni e volumi di scambi più elevati negli Stati Uniti.

“Quanto più gli Stati Uniti continueranno ad essere negoziati a premio, tanto più l’argomento verrà discusso all’interno delle aziende”, ha affermato Luca Fina, responsabile del settore azionario di Generali Investors, la divisione di asset management del più grande assicuratore italiano.

La Fina ha affermato di aspettarsi che i titoli europei colmeranno parte del divario con gli Stati Uniti nel breve termine se le prospettive economiche miglioreranno, ma ha affermato: “Nel medio e lungo termine, gli Stati Uniti probabilmente continueranno a essere percepiti come il luogo in cui Essere.”

“Alla fine, la cosa più importante è la capacità degli Stati Uniti di essere il miglior ambiente per l’innovazione, per creare aziende dirompenti”, ha aggiunto.

Tuttavia, alcuni sono ottimisti riguardo alle prospettive a lungo termine per le azioni globali. La scorsa settimana la divisione asset management di JPMorgan ha pubblicato previsioni secondo le quali i mercati emergenti e sviluppati al di fuori degli Stati Uniti forniranno rendimenti migliori rispetto alle azioni statunitensi nel prossimo decennio.

David Kelly, capo stratega del mercato globale di JPMorgan Asset Management, ha affermato che c’è stato “un rivolo” di fondi affluiti alle azioni internazionali, ma ha riconosciuto che scommesse simili nel recente passato avevano “lasciato l’amaro in bocca” a molti investitori.

Ha detto che la differenza questa volta è che la banca si aspetta che il dollaro si indebolisca gradualmente a causa della più forte crescita estera e della riduzione delle differenze nei tassi di interesse. Ciò renderebbe gli investimenti non statunitensi più attraenti per i trader con sede negli Stati Uniti, che sono responsabili della maggior parte degli investimenti azionari globali.

“Internazionale [equities] andrà bene quando gli investitori statunitensi penseranno davvero che sia una buona idea”, ha detto Kelly. “Penso che la grande riconciliazione tra gli investitori statunitensi e quelli internazionali inizierebbe con un calo del dollaro”.