Ven. Apr 12th, 2024
Risolto il problema del controllo del traffico aereo del Regno Unito, ma centinaia di voli subiscono ancora conseguenze

Ricevi aggiornamenti gratuiti sugli aeroporti del Regno Unito

Centinaia di migliaia di passeggeri delle compagnie aeree hanno dovuto affrontare ritardi potenzialmente lunghi e cancellazioni di voli alla fine dell’intenso fine settimana festivo estivo a seguito di un guasto del sistema di controllo del traffico aereo del Regno Unito.

I servizi nazionali del traffico aereo (Nats) hanno dichiarato lunedì pomeriggio di aver identificato e risolto un “problema tecnico” durato più di cinque ore e di aver costretto a limitare severamente il numero di aerei autorizzati ad atterrare e decollare in tutto il paese.

Ma gli effetti a catena porteranno a continue interruzioni dei servizi mentre le compagnie aeree e gli aeroporti si affrettano a riorganizzare i voli.

Londra Heathrow, l’aeroporto più trafficato del Regno Unito, ha affermato che l’interruzione ha influenzato i servizi in tutto il paese. Ha affermato che gli orari “rimarrebbero notevolmente interrotti per il resto della giornata” anche se il problema fosse stato risolto, e i passeggeri dovrebbero verificare che il loro volo fosse ancora operativo prima di partire per l’aeroporto.

British Airways ha affermato che il suo programma è stato “gravemente interrotto” e ha avvertito che avrebbe dovuto apportare “cambiamenti significativi” al suo programma. Ha affermato che i passeggeri sui servizi a corto raggio dovrebbero verificare lo stato dei loro voli.

L’interruzione arriva in uno dei giorni più affollati dell’anno, quando i vacanzieri ritornano nel Regno Unito l’ultimo giorno del fine settimana festivo. Downing Street ha detto che il segretario ai trasporti Mark Harper sta lavorando a stretto contatto con Nats per affrontare il problema.

John Strickland, un analista aeronautico, ha affermato che l’interruzione causerebbe disagi diffusi. “Ci saranno centinaia di migliaia di passeggeri interessati dal problema”, ha detto.

“È un problema enorme data la complessità di quello che dovrebbe essere un periodo di miniera d’oro per le compagnie aeree del Regno Unito”, ha aggiunto, avvertendo dell’impatto finanziario sulle compagnie aeree nel dover riprenotare i passeggeri e riorganizzare i loro orari.

Ryanair ha avvertito che i problemi stanno colpendo “tutte le compagnie aeree che operano oggi da e per il Regno Unito” e ha affermato che di conseguenza sarebbe stata costretta a ritardare o cancellare “un certo numero di voli”.

Nats ha affermato che continuerà a lavorare a stretto contatto con le compagnie aeree e gli aeroporti per gestire i voli interessati nel modo più efficiente possibile. “I nostri ingegneri monitoreranno attentamente le prestazioni del sistema quando torneremo alle normali operazioni”, ha aggiunto.

Sebbene il guasto del sistema abbia interessato tutti i voli in entrata e in uscita dagli aeroporti britannici, Nats ha affermato che lo spazio aereo del Regno Unito è rimasto aperto ovunque.

Il fornitore di dati Cirium ha affermato che 232 voli sono stati cancellati in partenza dagli aeroporti del Regno Unito a partire da lunedì pomeriggio, pari a circa l’8% di tutte le partenze. Ha affermato di aver identificato 271 voli in arrivo che erano stati cancellati. Ma ha avvertito che molti altri aerei avevano subito ritardi.

“Il caos di oggi sarà fonte di estrema ansia per centinaia di migliaia di viaggiatori che cercano di tornare a casa o di volare fuori dal Regno Unito dopo il fine settimana festivo”, ha affermato Lisa Webb, di Which, l’associazione dei consumatori.

Eurocontrol, l’organizzazione che supervisiona la gestione del traffico aereo in Europa, ha affermato che il fallimento è legato al “sistema di elaborazione dei dati di volo” del Regno Unito, che è fondamentale per aiutare i controllori del traffico aereo e le compagnie aeree a condividere informazioni in tempo reale sui piani di volo.

Le compagnie aeree che volano nel Regno Unito hanno avvertito i passeggeri di aspettarsi gravi disagi, con alcuni voli previsti per lunedì pomeriggio che ora sono stati posticipati a martedì mattina.