Ven. Apr 19th, 2024
Il punto debole critico di Nvidia: Taiwan

Ricevi aggiornamenti gratuiti su Semiconduttori

Il prezzo delle azioni di Nvidia ha raggiunto un livello record dopo l’ultima serie di utili. Per il trimestre in corso si prevede un aumento del fatturato di circa il 170% rispetto allo scorso anno. Di questo passo, la valutazione precedentemente elevata del titolo ha iniziato a sembrare ancora più conveniente rispetto ai suoi concorrenti. Eppure nei giorni successivi i prezzi sono scesi. Il colpevole potrebbe essere Taiwan.

La crescita delle vendite ha giustificato il multiplo degli utili di Nvidia, un tempo costoso. Prima dei risultati, gli investitori avevano dovuto affrontare ripetuti avvertimenti sul fatto che le azioni, scambiate a una valutazione di 220 volte gli utili finali, con un valore di mercato superiore a 1 trilione di dollari, erano sopravvalutate.

Ma seguendo le previsioni sugli utili, la società viene scambiata a soli 31 volte gli utili futuri. Questo è lo stesso livello di Advanced Micro Devices, molto più piccolo.

Questo umile multiplo trascura i margini in rapida crescita di Nvidia. La Taiwan Semiconductor Manufacturing Company produce tutti i chip di Nvidia. Gli ultimi utili del produttore di chip taiwanese mostrano che i suoi ricavi netti sono diminuiti nel secondo trimestre rispetto all’anno precedente, nonostante le vendite record di Nvidia.

La percentuale dei ricavi derivanti dal segmento High Performance Computing di TSMC, che comprende i chip utilizzati per l’intelligenza artificiale e le applicazioni 5G, è rimasta sostanzialmente invariata rispetto all’anno precedente. Rispetto al trimestre precedente si è registrato un calo del 5%. Nel frattempo, le vendite delle case automobilistiche sono aumentate.

Ciò implica che i ricavi record di Nvidia hanno tanto a che fare con la sua capacità di aumentare i prezzi dei suoi chip quanto con i volumi di vendita. Questo potere di determinazione dei prezzi, combinato con la quota di mercato dominante dell’azienda per i chip di elaborazione grafica più interessanti che sono il cervello dell’intelligenza artificiale generativa, aumenta ulteriormente l’attrattiva per gli investitori.

Ma anche Nvidia ha un punto debole critico: Taiwan. Parte del rischio è semplice. La sua fornitura dipende fortemente da TSMC. I vincoli strutturali di fornitura sono inevitabili poiché TSMC è anche il produttore esclusivo di chip avanzati per altri clienti globali che abbracciano molti settori, dalle case automobilistiche ai produttori di smartphone.

La capacità produttiva è fissa. Pertanto, non si possono escludere carenze durante i massimi del ciclo dei chip. Il processore di fascia alta di Nvidia, l’H100, viene venduto a prezzi elevati nel mercato dell’usato, suggerendo che la carenza è già iniziata.

Poi c’è il fatto che risolvere la carenza di chip è più complicato rispetto ad altri settori. La forte dipendenza di Nvidia da TSMC non è dovuta solo alla capacità dell’azienda di realizzare chip avanzati da 4 nanometri. Se così fosse, la società sudcoreana Samsung, che ha avviato la produzione di massa dei più avanzati chip da 3 nanometri prima di TSMC, produrrebbe chip anche per Nvidia.

I chip fisici non sono particolarmente scarsi al momento. In effetti, per la maggior parte dei tipi di patatine si registra un eccesso di offerta che dovrebbe durare almeno fino alla fine dell’anno.

Il problema attualmente risiede nelle fasi finali della realizzazione di un chip. Verso la fine del processo di produzione, i chip vengono inseriti in una custodia protettiva. Vengono poi aggiunte le connessioni necessarie affinché i chip possano essere utilizzati in un dispositivo elettronico o in un server, in un processo chiamato confezionamento.

Qui, TSMC ha un vantaggio. Dispone di un’ampia gamma di brevetti relativi al confezionamento avanzato di chip. La sua capacità di assemblare i chip utilizzando una tecnologia di confezionamento ad alta densità, in cui i chip sono impilati tridimensionalmente per prestazioni più elevate, è ciò che rende i chip più veloci che mai. I chip utilizzati per l’elaborazione pesante dei dati, come l’intelligenza artificiale, richiedono questa tecnologia di confezionamento avanzata. Ma la capacità è fortemente limitata.

L’intero ecosistema, dalla produzione di chip al confezionamento, è istituito a Taiwan, attorno a TSMC. Ciò rende difficile spostare la produzione al di fuori di Taiwan. Pertanto, anche mettendo da parte i costi, costruire più impianti di fabbricazione in altri paesi non è la soluzione per aziende come Nvidia che richiedono i chip più tecnologici.

Oltre a ciò, il processo di produzione dei chip è altamente sensibile ai cambiamenti di temperatura, alla polvere e agli shock esterni. Qualsiasi lieve interruzione nel lungo e complicato processo porta a malfunzionamenti dei chip. Ciò rende impossibile ignorare i rischi geopolitici. Le tensioni con la Cina, che rivendica Taiwan come parte del suo territorio, si sono intensificate negli ultimi quattro anni.

Le aziende che intendono integrare l’intelligenza artificiale generativa nelle loro attività non potranno che crescere. Così sarà la domanda per i chip di fascia alta di Nvidia. ChatGPT, ad esempio, ha richiesto la realizzazione di decine di migliaia di chip Nvidia. Ma anche i rischi derivanti dalla sua esposizione a Taiwan sono un fatto che gli investitori dovrebbero tenere a mente quando cercano di prevedere i movimenti delle azioni di Nvidia.