Mer. Lug 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Samsung Electronics prevede che il mercato dei chip di memoria si riprenderà il prossimo anno, ponendo fine ad un eccesso di offerta durato un anno, dopo aver introdotto tagli alla produzione per superare una recessione del settore.

Il più grande produttore mondiale di chip di memoria e smartphone prevede che i prezzi dei semiconduttori aumenteranno nel quarto trimestre, con le scorte che si esauriranno rapidamente. Samsung ha inoltre affermato che le applicazioni di intelligenza artificiale determinerebbero una domanda significativa di chip di fascia alta.

“Nel 2024, mentre è probabile che le incertezze macroeconomiche persistano, si prevede che le condizioni del mercato delle memorie si riprenderanno”, ha affermato martedì la società sudcoreana.

Le prospettive ottimistiche arrivano dopo che il colosso tecnologico ha riportato un calo del 38% dell’utile netto del terzo trimestre rispetto a un anno prima a 5,8 trilioni di Won (4,3 miliardi di dollari), molto superiore alle stime degli analisti di 2,5 trilioni di Won compilate da Bloomberg.

I prezzi spot dei chip Dram utilizzati negli smartphone, nei computer e nei server sono diminuiti quest’anno, costringendo la divisione di produzione di chip a subire una perdita operativa di 3,8 trilioni di won nel trimestre luglio-settembre. Ma si è ridotto rispetto alla perdita di 4,4 trilioni di won nel trimestre precedente, poiché i prezzi dei dram hanno iniziato a risalire all’inizio di settembre.

Intel prevede che le vendite cresceranno nel quarto trimestre grazie al miglioramento della domanda di personal computer. La settimana scorsa, il rivale SK Hynix ha affermato che la domanda di Dram è stata guidata da un boom dell’intelligenza artificiale e che l’impatto dei tagli alla produzione di chip di memoria stava cominciando a prendere piede.

Samsung ha tagliato ulteriormente la produzione nel terzo trimestre per ridurre le scorte dopo aver annunciato un taglio della produzione in aprile, unendosi a rivali come SK Hynix e Micron Technology mentre il settore soffriva di una flessione.

“Samsung ha ampliato la riduzione della produzione da agosto, spostando la propria strategia per aumentare la redditività”, ha affermato Kim Dong-won, analista di KB Securities, in un recente rapporto, prevedendo che Samsung aumenterà ulteriormente i prezzi dei chip Dram e Nand nel quarto trimestre.

Samsung prevede di spendere la cifra record di 53,7 trilioni di Won in spese in conto capitale quest’anno, di cui 47,5 trilioni di Won destinati ai semiconduttori. Le azioni di Samsung hanno guadagnato oltre il 20% da inizio anno sulla scia delle crescenti aspettative di una ripresa del settore.

Samsung sta cercando di aumentare i margini concentrandosi su chip Dram di fascia alta come DDR5 e i cosiddetti chip di memoria a larghezza di banda elevata, che sono componenti cruciali nei sistemi di intelligenza artificiale, incluso ChatGPT di OpenAI.

La domanda di chip HBM utilizzati nei processori AI rimane forte, ma la tecnologia di Samsung è inferiore a quella del rivale interno SK Hynix, dicono gli analisti. L’azienda prevede di raddoppiare la produzione di chip HBM il prossimo anno per riconquistare il terreno perduto.

Samsung è stata anche in grado di continuare le sue operazioni in Cina, dopo che Washington ha recentemente consentito alla società di introdurre nuove apparecchiature per la produzione di chip nella sua fabbrica nel paese senza chiedere l’approvazione degli Stati Uniti.

Washington ha esteso a tempo indeterminato la deroga concessa a Samsung e SK Hynix includendoli nel suo elenco di “utenti finali convalidati”.

Le perdite nella divisione chip di Samsung sono state in parte compensate dal boom delle vendite degli ultimi telefoni pieghevoli dell’azienda, lanciati ad agosto, nonostante il ristagno del mercato globale degli smartphone.

Samsung ha riportato un utile operativo di 3,3 trilioni di won per il suo business mobile. Anche il business dei display sta migliorando nel trimestre in corso, aiutato dalla domanda di Apple, che il mese scorso ha lanciato il suo ultimo iPhone.