Mer. Lug 24th, 2024

Per più di un decennio, la leadership militare israeliana ha riconosciuto a malincuore una caratteristica fondamentale del suo nemico di Gaza: Hamas sapeva come aspettare il momento opportuno.

“Lascia dormire la bestia finché non sarai pronto”, era il mantra di Mahmoud Ajrami, un veterano combattente palestinese che ha addestrato una generazione di militanti di Gaza.

Gli esempi erano moltissimi. Nel 2018, Hamas ha diffuso immagini di soldati israeliani nel mirino dei suoi cecchini: il colpo non è mai stato sparato, anche se gli israeliani hanno sparato ai manifestanti alla recinzione di confine. Un altro video mostrava i militanti che distruggevano un autobus militare con un missile Kornet, ma aspettavano che i soldati sbarcassero e l’autista facesse una pausa sigaretta.

L’apparente moderazione è stata interpretata da Israele come un segno che Hamas era scoraggiato. Ma per Ajrami, il gruppo militante stava semplicemente aspettando di coinvolgere Israele in una battaglia al momento della sua scelta.

“Portatemi la bestia e la uccideremo insieme”, ha promesso ai combattenti fuori dalla sua sontuosa villa nel 2021, dopo che Hamas ha rivendicato la vittoria su Israele in una guerra di 11 giorni che ha comportato un feroce scambio di razzi palestinesi e attacchi aerei israeliani. – ma nessuna truppa di terra.

Il fattore scatenante è arrivato il 7 ottobre, quando Hamas ha condotto un assalto uccidendo più di 1.400 civili e soldati e prendendo 230 ostaggi, la più grande perdita di vite umane in Israele dalla sua creazione. Secondo funzionari palestinesi, la sua ritorsione ha già raso al suolo gran parte di Gaza provocando la morte di oltre 8.000 persone.

Con la superiorità tecnologica e un arsenale di massa dalla sua parte, Israele ha portato la guerra alla fase successiva: un’offensiva di terra a Gaza. Dalla fine di venerdì un’avanguardia si è spostata con pesanti carri armati Merkava in aree in gran parte disabitate a nord della Striscia.

Ma a pochi minuti di macchina si trovano i confini dei campi profughi di Al-Shati e Jabaliya – e poi Gaza City, il cuore della macchina politica e militare di Hamas. “Mentre l’IDF entra a Gaza, Hamas ha il vantaggio interno – ed è pronto”, ha avvertito Devorah Margolin, membro senior di Blumenstein-Rosenbloom presso il Washington Institute for Near East policy.

Recentemente, nel mese di agosto, il maggiore generale Yitzhak Brik, ex difensore civico militare, aveva avvertito che Israele “non era pronto per la guerra”. I suoi soldati non combattono una grande battaglia terrestre dal 2014 – l’ultima volta che ha schierato truppe all’interno di Gaza – e i suoi vertici sono stati consumati dalle potenziali minacce provenienti dall’Iran, piuttosto che dal territorio proprio accanto.

Nel frattempo, Hamas è diventata militarmente sempre più forte dal 2008/09, quando ha combattuto per la prima volta un attacco di terra israeliano, hanno detto funzionari militari e analisti.

Anche allora, l’ala militare di Hamas, la Brigata al-Qassam, schierava 16.00 combattenti insieme a 2.000 soldati impegnati nel combattimento. Ora, secondo l’IDF, conta ben 40.000 combattenti d’élite e un arsenale di droni e circa 30.000 razzi. Ne ha sparati 8.500 dal 7 ottobre, prosciugando gli intercettori Iron Dome israeliani al punto che gli Stati Uniti hanno inviato dei rimpiazzi.

Emile Hokayem, direttore della sicurezza regionale presso l’Istituto Internazionale per gli Studi Strategici di Londra, ha affermato che Hamas è stato addestrato dai “migliori del settore”, riferendosi alle guardie rivoluzionarie d’élite iraniane e al loro più potente procuratore, gli Hezbollah libanesi. “È anche un’organizzazione che apprende che ha combattuto più volte le forze israeliane”, ha affermato “Hamas conosce molto bene il suo terreno e lo difenderà ferocemente e con ingegnosità”.

I suoi combattenti hanno già dimostrato durante l’assalto del 7 ottobre di poter portare a termine un’operazione strettamente coordinata che ha coinvolto almeno 1.500 soldati che hanno attaccato Israele da terra, aria e mare, sotto la copertura di una raffica di 3.000 razzi che hanno quasi sopraffatto l’area aerea israeliana dell’Iron Dome. sistema di difesa.

A Gaza, Hamas ha scavato una gigantesca rete di tunnel profondi e a prova di bomba, e li ha riforniti di provviste per resistere a un assedio israeliano durato mesi.

“Siamo stati preparati per un [Israeli] offensiva di terra da prima ancora che lanciassimo il nostro attacco”, ha detto la settimana scorsa al FT Ali Barakeh, un membro anziano della leadership politica di Hamas in esilio. “Abbiamo alcune sorprese per il nemico”, ha aggiunto. “Siamo in grado di affrontare una guerra urbana più facilmente di una guerra aerea: non c’è paragone”.

Una mappa e un diagramma della metropolitana di Gaza.  L'estesa rete di tunnel di Hamas è stata spesso un problema per l'IDF ed è probabile che ostacoli qualsiasi offensiva di terra.  Oltre a fornire deposito, centro di comando e trasporto, i tunnel in Israele sono stati utilizzati per organizzare attacchi nel 2004, 2006 e nel luglio-agosto 2014. La costruzione di ciascun tunnel può costare fino a 3 milioni di dollari.  Finora il ministero degli Esteri israeliano afferma che dal 2007 sono stati costruiti 1.370 tunnel.

Molte delle lezioni militari che Hamas ha imparato da Hezbollah derivano da un momento fatidico nel 1992, quando Israele deportò circa 400 palestinesi – compresi i leader di Hamas – in Libano e li abbandonò in pieno inverno sul fianco di una montagna nella terra di nessuno.

L’Iran sciita e Hezbollah hanno visto in ciò un’opportunità per cooptare il sunnita Hamas, dopo aver coltivato la Jihad islamica palestinese nella Striscia di Gaza, un gruppo militante più piccolo anch’egli impegnato in questa battaglia. Funzionari israeliani affermano che Hezbollah ha condiviso la tecnologia missilistica, l’addestramento e altre tecniche con Hamas.

Da allora Beirut divenne la sede di diversi capi di Hamas e, col tempo, Hamas iniziò a costruire una presenza militare in Libano, come dimostrato quando un sospetto deposito di armi di Hamas a Tiro esploso alla fine del 2021.

Da allora Hamas ha costantemente migliorato la qualità dei suoi armamenti, contrabbandando componenti per convertire stupidi razzi in armi di precisione guidate e persino costruendo un drone sottomarino.

Secondo Hamas, il gruppo ora fa “Mutabar 1“missili antiaerei a spalla, che si dice possano eliminare elicotteri israeliani, e”al-Yassin” razzi anticarro, che secondo loro possono penetrare l’armatura reattiva dei carri armati Merkava israeliani.

Ancora da Hamas pubblicato un filmato che mostra il sistema di difesa aerea a corto raggio Mubar 1 fatto in casa
Ancora da Hamas pubblicato un filmato che mostra il sistema di difesa aerea a corto raggio Mubar 1 fatto in casa © Eyepress tramite Reuters

Nel frattempo, ha sviluppato uno stile di guerra urbano, condizionato dalla necessità di contrastare la superiorità tecnologica e aerea di Israele, costringendo la battaglia a cruenti combattimenti di strada.

“Hamas è più Vietcong che Isis”, ha detto Hokayem, riferendosi ai combattenti comunisti che alla fine sconfissero le forze americane durante la guerra del Vietnam, e al gruppo jihadista che Israele paragona ad Hamas.

Proprio come hanno fatto i Vietcong in Vietnam, Hamas ha trasformato Gaza in una fortezza di barricate e tane per topi, inclusa una rete di 400 km di tunnel in cui i combattenti di Hamas possono rifugiarsi durante gli attacchi aerei israeliani e utilizzare per attaccare le forze israeliane dalle retrovie.

Mentre le truppe israeliane si spostano sempre più all’interno di Gaza, è probabile che Hamas tenti di usare imboscate in superficie, attacchi rapidi e bombe mimetizzate per indebolire l’esercito israeliano di riservisti, in gran parte civile, e impantanarlo nei combattimenti di strada.

“Hamas non ha una dottrina codificata. Il suo approccio consiste principalmente nel danneggiare e ferire il più possibile gli israeliani, utilizzando un mix di forze ibride e convenzionali”, ha affermato Bilal Y Saab, membro associato del think tank Chatham House di Londra.

“Anche le operazioni sono altamente decentralizzate. Esiste una sorta di struttura militare cellulare, dove ogni azienda opera per conto proprio”.

Un carro armato israeliano Merkava vicino al confine israeliano con il nord della Striscia di Gaza
Un carro armato israeliano Merkava vicino al confine israeliano con il nord della Striscia di Gaza, Hamas afferma che i suoi razzi anticarro “al-Yassin” possono penetrare nei carri armati © Aris Messinis/AFP tramite Getty Images

Un’altra componente importante sono le operazioni di propaganda del gruppo militante. Elicotteri israeliani abbattuti, carri armati distrutti o soldati catturati aiuteranno Hamas a proiettare un’immagine di vittoria, hanno detto gli analisti militari.

Allo stesso tempo, i razzi lanciati da lanciatori nascosti cercano di portare la battaglia in profondità nel territorio israeliano e rafforzare la base di sostegno di Hamas – come quando l’aeroporto internazionale Ben Gurion di Tel Aviv fu chiuso durante la guerra dei 50 giorni del 2014.

Un’altra lezione che Hamas ha copiato da altri gruppi militanti è l’importanza della sicurezza delle comunicazioni. Mentre Hezbollah ha costruito la propria rete in fibra ottica, Hamas ha mantenuto la sicurezza operativa andando “all’età della pietra” e utilizzando linee telefoniche cablate evitando i dispositivi hackerabili o che emettono una firma elettronica.

Uno dei motivi per cui Israele non è stato in grado di prevedere l’attacco del 7 ottobre, ha detto un funzionario israeliano, è che stava ascoltando “le linee sbagliate”. Nel frattempo informazioni militari cruciali venivano condivise tramite quel sistema “analogico” o un altro sistema crittografato, forse importato dall’Iran, sconosciuto a Israele.

Si tratta di un gioco di prestigio tecnologico che costituisce un potente avvertimento per l’attacco al suolo israeliano.

“Cos’altro stavano nascondendo?” ha detto il funzionario. “Non pensi che ci stiamo ponendo la stessa domanda?”