Lun. Mag 27th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il recente aumento dei prezzi di Spotify e una spinta alla riduzione dei costi hanno dato i loro frutti poiché il servizio di streaming ha registrato un profitto nel terzo trimestre, con risultati che l’amministratore delegato Daniel Ek ha affermato “dimostrato” che la sua azienda sarebbe diventata un “grande business”.

Il servizio di streaming musicale ha registrato un utile netto di 65 milioni di euro su 3,4 miliardi di euro di ricavi nei tre mesi fino al 30 settembre. Le spese operative sono diminuite del 13% rispetto allo stesso periodo dell’anno fa, quando Spotify perse 166 milioni di euro.

Spotify ha registrato un forte incremento in termini di crescita negli ultimi anni, aggiungendo decine di milioni di abbonati e sfidando il recente rallentamento visto su Netflix. Ma il servizio musicale ha lottato a lungo per ottenere un profitto consistente. È stata messa sotto pressione per contenere i costi dopo una costosa spinta verso il podcasting che ha messo a dura prova la pazienza degli investitori. L’investitore attivista ValueAct a febbraio ha acquisito una partecipazione in Spotify, affermando che le sue spese erano “esplose”.

“All’inizio dell’anno, abbiamo parlato della necessità di avere un ottimo prodotto ma anche della necessità di diventare un grande business e di dimostrarlo agli investitori”, ha affermato Ek durante una chiamata con gli investitori. “Questa è stata la sfida. . . durante tutto quest’anno. Si sta davvero iniziando a vedere che ciò si è dimostrato con la pubblicazione dei risultati di questo trimestre”.

I margini di profitto lordi di Spotify nel terzo trimestre sono saliti al 26,4%, rispetto al 24,7% dell’anno precedente, grazie alla riduzione delle spese in marketing e personale. Martedì, le azioni della società sono aumentate del 6% nelle negoziazioni pre-mercato.

La società ha aggiunto 6 milioni di abbonati trimestrali, oltre i 4 milioni previsti dagli analisti di Wall Street, suggerendo che i prezzi più alti non hanno dissuaso le iscrizioni. Spotify ha aumentato i prezzi in diversi paesi a luglio, compresi gli Stati Uniti: il primo aumento di questo tipo da quando l’app è stata lanciata nel paese più di dieci anni fa. Alla fine di settembre la società contava 226 milioni di abbonati paganti.

Anche Netflix, il servizio di streaming video, la scorsa settimana ha superato le aspettative riportando 9 milioni di abbonati nel terzo trimestre, ben al di sopra delle previsioni di circa 6 milioni, poiché ha represso la condivisione delle password.

Le azioni di Spotify sono quasi raddoppiate quest’anno, ma rimangono ben al di sotto del picco raggiunto durante la pandemia nel 2021. Il prezzo delle azioni del gruppo è sostanzialmente stabile rispetto alla sua offerta iniziale alla Borsa di New York nel 2018.

L’azienda questo mese ha annunciato che offrirà agli abbonati 15 ore al mese di ascolto di audiolibri mentre si sforza di diventare la casa di tutto ciò che riguarda l’audio. Come parte della promozione degli audiolibri, Spotify pagherà le spese di licenza agli editori di libri, tra cui Penguin Random House.

Il direttore finanziario Paul Vogel ha dichiarato: “Ovviamente, ci sono alcuni investimenti quando si tratta di audiolibri, ma nulla che possa avere un impatto sui nostri [financial] progresso.”