Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Un broker sostenuto da Sequoia, spesso etichettato come la risposta europea a Robinhood, lo scorso anno ha realizzato un profitto per la prima volta nella sua storia di otto anni, anche se il settore fintech più ampio ha lottato con tassi di interesse più elevati.

Trade Republic, parte di una nuova generazione di broker, ha riportato un “solido importo in milioni di euro a doppia cifra” di utile netto nell’anno terminato a settembre, ha detto al MagicTech il co-fondatore Christian Hecker. Secondo i documenti pubblici, l’anno precedente ha registrato una perdita netta di 145 milioni di euro.

Hecker, che ha rifiutato di fornire informazioni finanziarie più dettagliate per l’ultimo anno, ha affermato che la start-up con sede a Berlino stava attirando fino a 100.000 nuovi clienti al mese entro la fine dello scorso anno, evitando alcune delle trappole che hanno frenato la crescita a livello mondiale. Fintech tedesche come N26 e Solaris.

Tuttavia, il broker ha affermato che prevede un ritorno in perdita quest’anno poiché la società aumenta il marketing e altri investimenti dopo che l’incertezza geopolitica sulla scia dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022 ha provocato un periodo di moderazione temporanea.

Trade Republic ha resistito ai paragoni con Robinhood, il broker statunitense che è salito alla ribalta durante la pandemia di Covid-19 grazie a milioni di trader giornalieri che hanno alimentato il fenomeno dei memestock.

Invece, si è posizionato come piattaforma per investimenti a lungo termine come gli Exchange Traded Funds gestiti passivamente. Il sessanta per cento dei clienti non aveva alcuna esperienza di trading precedente, ha affermato Hecker.

Ha affermato che l’anno scorso ha dimostrato che il modello di business sottostante di Trade Republic era “scalabile e redditizio”. Dall’ultima divulgazione dei numeri dei clienti nel 2021, la società ha quadruplicato il suo numero di utenti portandolo a 4 milioni e ha aumentato il patrimonio dei clienti più di cinque volte fino a raggiungere i 35 miliardi di euro, ha affermato Hecker.

Trade Republic, che si è assicurata una valutazione di 5 miliardi di euro nel 2022 e ha raccolto un totale di 1,3 miliardi di dollari da investitori tra cui il Founders Fund di Peter Thiel, Sequoia Capital e Ontario Teachers’ Pension Plan Board, lo scorso anno ha ricevuto una licenza bancaria europea su vasta scala. Nel frattempo le fintech rivali N26 e Solaris hanno dovuto fare i conti con speciali controlli normativi e restrizioni alla crescita.

La società prevede di espandersi con il lancio di carte di debito e conti correnti. Ma Hecker ha affermato che Trade Republic manterrà la propria attenzione sugli investimenti. “Non vogliamo trasformarci in una normale neo-banca”, ha detto, aggiungendo che i nuovi prodotti erano intesi come servizi accessori per mantenere dalla parte dei clienti di intermediazione.

Tuttavia, i suoi sforzi di espansione arrivano quando Robinhood ha lanciato un rinnovato assalto al mercato europeo dopo un ritardo di due anni, aprendo l’accesso alla sua app agli investitori del Regno Unito lo scorso novembre.

La società statunitense si è inoltre impegnata a rivolgersi agli investitori a lungo termine piuttosto che ai trader giornalieri, con l’obiettivo di scuotere “un mercato dominato da broker tradizionali che ancora applicano commissioni elevate”.

Trade Republic si trova ad affrontare ulteriori sfide per la sua attività derivanti da un potenziale divieto di una pratica commerciale controversa nota come “pagamento per il flusso degli ordini”, in base alla quale i broker al dettaglio ricevono pagamenti dalle piattaforme di trading.

Gli accordi di pagamento per flusso di ordini rappresentavano solo circa un terzo del reddito complessivo di Trade Republic, ha affermato Hecker. “Poiché stiamo diversificando i nostri prodotti, la sua quota diminuirà ulteriormente nei prossimi anni”, ha aggiunto.