Ven. Mar 1st, 2024

Di tutti i detti spesso ripetuti di mia madre, quello su cui ero più dubbioso era “è un vento cattivo che non porta bene a nessuno”. Significa qualcosa come: “L’albero del vicino potrebbe essere caduto durante la tempesta, ma almeno il nostro giardino ora avrà più sole!”

Negli ultimi anni, gli investitori britannici sono stati esposti a diversi venti negativi, non ultimi l’inflazione e i suoi effetti collaterali. Molti guarderanno ai propri investimenti e risparmi e si sentiranno feriti. Il costo della vita è aumentato di oltre il 20% negli ultimi tre anni, il che non va bene per chi dispone di molti soldi.

E per quelli completamente investiti? Se si includono i dividendi, gli investitori nell’indice azionario globale MSCI World hanno visto i mercati crescere di circa il 30% negli ultimi tre anni, più del costo della vita. Nel Regno Unito l’indice FTSE All-Share è cresciuto solo del 14%, ma i dividendi dovrebbero portarlo a circa il 23%, sottolineando quanto possano essere importanti.

Non così benestanti sono coloro che si trovano in quelli che avrebbero dovuto essere i porti sicuri dei gilt britannici. L’ETF iShares UK Gilts è sceso del 30% in tre anni; il fratello indicizzato è sceso del 35%. In altre parole, questi investimenti si sono almeno dimezzati in termini reali.

Probabilmente i venti inflazionistici si stanno calmando. L’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 4,7% nell’anno fino all’ottobre 2023, ma è stato migliore dell’11% registrato un anno prima. Preparatevi, però, al fatto che il vento gelido durerà un po’ più a lungo. L’inflazione ha la brutta abitudine di persistere, soprattutto perché le persone si aspettano che i loro salari aumentino per aiutarli a far fronte al costo della vita più elevato – e le aziende che accettano salari più alti poi aumentano i prezzi dei loro beni e servizi.

Considerare, inoltre, la probabilità di aumenti periodici associati a eventi non pianificati – come i paesi dell’Opec che tagliano deliberatamente la produzione di petrolio per aumentare i prezzi dell’energia o gli scarsi raccolti che alimentano l’aumento dei prezzi dei cereali.

Cerca rendimenti superiori all’inflazione

I migliori affari si trovano spesso tra le macerie. Se non hai contanti, potrebbe essere necessario riequilibrare il tuo portafoglio per cogliere queste occasioni. I titoli tecnologici statunitensi hanno resistito bene alle tempeste dell’anno, ma le aspettative e le valutazioni sembrano ormai piene.

In breve, se l’intelligenza artificiale aumentasse in modo significativo i profitti, potrebbero esserci maggiori vantaggi, ma si potrebbero trovare opportunità migliori altrove se il reddito extra arrivasse più lentamente del previsto.

Ciò potrebbe innervosire chiunque detenga un fondo indicizzato S&P 500. Le “magnifiche sette” società tecnologiche – Apple, Alphabet (Google), Amazon, Meta, Microsoft, Nvidia e Tesla – rappresentano ora circa il 29% del suo valore (e circa il 18% dell’indice MSCI World). Questi titoli tendono a salire e scendere insieme. Entrambi gli indici appaiono quindi piuttosto sbilanciati. Nessuno dei due offre la diversificazione che desidero in queste condizioni economiche incerte.

Mentre quest’anno i titoli tecnologici hanno dominato i titoli dei giornali, altre aree del mondo azionario sono state dimenticate – o abbandonate. Molti gestori di fondi hanno sottolineato quanto le azioni del Regno Unito sembrino economiche rispetto a quelle statunitensi. Questo è un mercato in difficoltà dal 2016. Il rapporto prezzo/utili medio per le azioni statunitensi è di circa 16 volte per il prossimo anno. Il mercato del Regno Unito è più vicino di 10 volte e offre il doppio del rendimento dei dividendi: il 4%.

Se vuoi, dai la colpa alla tempesta Brexit e al conseguente caos politico. Ma penso che la maggior parte di questa differenza di prestazioni possa essere spiegata dalla composizione. Il Regno Unito ha poche aziende tecnologiche; le società tecnologiche tendono ad avere rapporti prezzo/utili elevati e offrono rendimenti più bassi.

I titoli growth del Regno Unito – di cui ce ne sono pochi – hanno solitamente un prezzo simile a quello degli equivalenti esteri. Non oggi. Il rapporto tra il prezzo delle azioni e gli utili è una misura di valutazione approssimativa poiché i dati sugli utili sono quotati in modo diverso in ciascun paese, ma è un utile punto di partenza per i confronti.

Secondo Bloomberg, lo sviluppatore di software contabile Sage Group guadagna 32 volte. Il suo equivalente statunitense, Intuit, viene scambiato a 35 volte gli utili (forse 37 volte dopo le modifiche che farei, ma una valutazione abbastanza simile).

Il potere dei dividendi

A mio avviso, le opportunità più interessanti risiedono nelle società britanniche a bassa crescita che hanno attività solide di lunga data e una storia di buona gestione dell’inflazione. Molte grandi aziende del Regno Unito pagano un rendimento da dividendi ben superiore al 5% che ora puoi scovare in un conto di risparmio in contanti dignitoso.

Un avvertimento: nessun dividendo è garantito e alcune società che offrono dividendi elevati oggi sembrano faticate a sostenerli. Cerca Vodafone e probabilmente scoprirai che paga un rendimento da dividendi del 10%, ma ciò presuppone che possano mantenere il dividendo. Se controlli l’utile per azione rispetto al dividendo per azione e approssimativamente quanto sono aumentati i costi del debito (c’è molto debito in Vodafone) potresti concludere rapidamente che questo dividendo verrà tagliato. Questa non è una previsione; è un rischio.

Le grandi società immobiliari e i minatori sono forse le scommesse migliori. Questi sono supportati da beni tangibili, l’opposto delle aziende tecnologiche, che vivono di beni immateriali. Il reddito da locazione delle società immobiliari ha molto in comune con le obbligazioni – stabile per lunghi periodi – ma a differenza delle obbligazioni, le società immobiliari possono aumentare l’affitto quando viene concordato un nuovo contratto di locazione, quindi il reddito da locazione tende ad adeguarsi all’inflazione.

Come le obbligazioni, le azioni immobiliari hanno registrato performance deludenti negli ultimi anni, soprattutto perché gli investitori sono preoccupati per l’aumento dei costi degli interessi e che il lavoro da casa potrebbe minacciare per sempre la domanda di uffici. Le azioni di Land Securities, che detengo, toccavano quasi £ 10 prima della pandemia e ora si trovano a poco più di £ 6.

Nel lungo termine il prezzo delle azioni è sostenuto dal valore di vendita delle proprietà della società, al netto dei debiti da pagare, denominato “patrimonio materiale netto per azione”. Prima della pandemia questo valore raggiungeva il picco di 14 sterline per azione, ma secondo i dati recenti è sceso sotto le 9 sterline, riflettendo tassi di interesse più elevati.

Il lavoro da casa ha interessato molte società immobiliari, ma gran parte del portafoglio di Land Securities è costituito dall’area londinese di Victoria, recentemente riqualificata, che registra un’occupazione del 100%. La società ha gestito bene i livelli di debito. Può permettersi di riconfigurare le proprietà per soddisfare le mutevoli esigenze, mentre le aziende più piccole faticano a riaffittare gli spazi più vecchi.

Le azioni di Land Securities vengono scambiate a £ 6,28, che rappresenta uno sconto del 30% sul valore svalutato del portafoglio, anche dopo aver adeguato eventuali debiti. In questi numeri si tiene poco conto delle proprietà in fase di sviluppo che potrebbero avere un valore significativo una volta completate. L’affitto delle sue proprietà supporta un rendimento da dividendi superiore al 6% e il team di gestione lavora per migliorare le proprietà in modo da poter aumentare i tassi in vista dell’inflazione a lungo termine.

Dopotutto la mamma forse aveva ragione riguardo ai venti sfavorevoli. L’uragano che ha colpito il mercato immobiliare ha danneggiato molti azionisti esistenti, ma quest’area non amata potrebbe fare bene al mio portafoglio.