Gio. Giu 13th, 2024
All'interno dell'Hôtel du Couvent, un convento di 400 anni trasformato in un santuario a cinque stelle a Nizza

Quando Valéry Grégo andò a incontrare Suor Marie-Chantal, pensò che lei non sapesse nulla di lui. L'albergatore era in visita dalla suora per spiegarle come stava trasformando la sua ex casa, il Couvent de la Visitation a Nizza, in un hotel di lusso a cinque stelle. Per quanto Grégo sia famoso in un certo mondo, grazie a Le Pigalle a Parigi o L'Alpaga a Megève, sicuramente Marie-Chantal, entrata in convento a 18 anni, sarebbe rimasta perplessa da questa proposta mondana. Si era sbagliato. “So chi sei!” gli disse, brandendo una copia di Nizza-Matinla copertina ricoperta con l'immagine del volto di Grégo.

L'Hôtel du Couvent – questo il nuovo nome del convento – ha avuto una lunga fanfara. Dieci anni fa Grégo ricevette una telefonata dal sindaco di Nizza, Christian Estrosi: come vorrebbe trasformare questo venerabile edificio, la cui prima pietra fu posta il 28 ottobre 1604, in un rifugio di lusso? Dimora prima dell'ordine delle Clarisse fino alla Rivoluzione francese, poi delle Visitandine, il complesso di 7.500 mq, incastonato sulle pendici più alte del centro storico della città, era stato praticamente abbandonato dalla fine degli anni '80, quando se ne andò l'ultima suora. Estrosi ha trascorso gli ultimi 16 anni a rinvigorire Nizza, demolendo anche il suo teatro principale per creare un grande viale “verde” che ne attraversa il centro. “Mi ha detto: 'La mia città ha bisogno di un vero hotel'”, dice Grégo, una presenza slanciata e silenziosamente carismatica, entrambe le braccia punteggiate di tatuaggi sbiaditi. “'Siamo tra Cannes e Monaco e abbiamo bisogno di un'ospitalità più moderna!'”

Un corridoio piastrellato nel convento ©De Pasquale+Maffini

Il risultato si propone come un detergente per il palato della città della belle époque – un nuovo motivo per visitare un luogo che, dopo tutto, ha il secondo maggior numero di musei in Francia dopo Parigi (e anche il secondo aeroporto più grande). Il Couvent, distribuito in quattro edifici discreti, vanta 88 camere decorate dallo studio di decorazione d'interni Festen Architecture, tre ristoranti, diverse piscine e “bagni romani” sotterranei. Inoltre: un centro di documentazione con un archivio del movimento artistico locale, L'École de Nice, aperto a tutti coloro che desiderano studiare; uno spazio per spettacoli e laboratori; un bucolico giardino terrazzato, completo di orti e frutta; un panificio che produceva il pane come nel XVII secolo; persino una farmacia erboristica – ancora una volta, proprio come c'era qui secoli fa – dove i visitatori malati possono procurarsi tisane su misura per “Chanteur”, “Nuit Paisible” e (il bestseller infallibile, a quanto pare) “Intestin Doux”.

“Noi siamo melanzane, anche se è a cinque stelle. Non si tratta di essere appariscenti”, spiega lo chef Thomas Vetele, che supervisionerà uno staff di 48 persone. “Il cliente deve capirlo.” Il Negresco, la venerabile istituzione art déco di Nizza, a 2 km di distanza sul lungomare principale, potrebbe ragionevolmente tremare.

Laureato a Sciences-Po con master in storia e filosofia, Grégo si è occupato di investimenti finanziari dal 2000 al 2008: dopo aver investito in alcuni hotel, si è dedicato più pienamente all'ospitalità nel 2010, quando ha lanciato il gruppo Perseus. La sua specialità è stata quella di prendere luoghi trascurati e farli sentire di nuovo freschi. Eppure “non sono un albergatore”, dice. O meglio, se lo è, «non ha importanza. Sono la persona che rende vivo questo posto”. Si riferisce alla maggior parte delle persone con cui collabora o impiega come “amici” e gli piace dire che si è innamorato di ognuno di loro. “Faccio hotel per portare con me le persone che amo, sai?”

Questo hotel è un’impresa da 100 milioni di euro: il suo “più grande investimento di sempre”, grazie a un prestito di 93 milioni di euro garantito nel 2021. Cinque anni fa ha venduto tutti gli altri hotel (bar Le Pigalle a Parigi) nel portafoglio Perseus per concentrarsi su questo progetto. Non voleva l'aiuto di altri investitori: “Volevo che questo fosse il progetto della mia vita”. La sua dimensione lo fa riflettere. “Non ci penso”, dice. “Se lo faccio, mi spavento.”

Una mattina di inizio maggio, un piccolo esercito sta ancora strofinando, segando e martellando, ma di tanto in tanto ci si perde in un corridoio o in una camera da letto che suggerisce la calma futura: pareti dipinte di un giallo delicato, sobri mobili in legno, piccoli quadri e rilievi raffinati, vivaci bouquet e saponi realizzati da Fragonard avvolti nella confezione bianca e verde “Hôtel du Couvent”. “Aveva la qualità della Bella Addormentata nel Bosco”, afferma Grégo del sito. “Ed è proprio questo il problema della Bella Addormentata: più a lungo dorme, più è difficile svegliarsi.”

Il team originale comprendeva l'architetto Bijoy Jain, che stava già lavorando con il fratello di Grégo, Louis-Antoine, su altri progetti; Tom Stuart-Smith per il giardino; e Festen, con cui Grégo ha iniziato a lavorare 10 anni fa. Myriam Kournaf Lambert, nizzarda orgogliosa da quando aveva 18 anni, è la direttrice generale dell'hotel. Fin dall'inizio la sfida era, come dice Hugo Sauzay di Festen, “come creare un hotel a cinque stelle nel 2024 in un edificio del XVII secolo, abitato da suore per scopi totalmente diversi”. L'edificio è elencato; non può essere modificato molto.

“Per 400 anni, questo posto è stato un convento, ma è stato molto di più”, afferma Grégo, che ha un contratto di locazione di 93 anni sulla proprietà. “Era un luogo dove le persone potevano vivere insieme, prendersi cura delle persone, ospitarle. Il convento era la nave, ora l'albergo è la nave, e più tardi sarà qualcosa di cui forse non sapremo nemmeno. Si tratta di tenere insieme questo edificio, come luogo di cultura”.

La sfida immediata era più prosaica: i vicini. Il Couvent è incastonato tra le piccole e antiche strade all'italiana della Vieux Nice, offrendo isolamento in mezzo al trambusto. Ma questo significava che i lavori edilizi previsti sarebbero stati molto sentiti. L'edificio principale del convento può ospitare solo 38 camere: il resto si trova in una dependance d'ingresso, in un condominio del XVIII secolo e in un'ala nuovissima progettata da Jain e Louis‑Antoine. I vicini non volevano e portarono i loro ricorsi fino alla più alta corte francese. Hanno perso. “È complicato”, dice Grégo con un sospiro. “Alla gente non piace il cambiamento. Non sono sicuro che sapessero di cosa erano preoccupati. (A quanto pare i rapporti adesso sono cordiali: Louis-Antoine dice che il leader della causa saluta spesso.)

Festen comprende Sauzay e sua moglie, Charlotte de Tonnac; avevano lavorato con Grégo in due dei suoi precedenti hotel. Questo è il loro progetto più grande ma anche, data la natura dell'edificio, il più discreto. Oggetti e disegni sono collocati nelle stanze, anziché saldati; quasi tutto è facilmente rimovibile con il minor numero possibile di modifiche alla struttura. La porta di ogni suite storica è racchiusa da una spessa cornice di legno, contenente i circuiti moderni richiesti dalle stanze all'interno.

“Vorremmo che la gente pensasse che non abbiamo fatto nulla”, dice Sauzay. “Non volevamo realizzare una versione Disney di un convento.” Sanno che Suor Marie-Chantal è una delle invitate di quest'estate. «Spero che, quando arriverà, riconoscerà il posto. Sarei distrutto se non lo facesse.”

Alcuni descrivono lo stile come “neomonastico”, il che significa scarso a prima vista, ricco di dettagli a un esame più attento. Molti degli arredi vintage e le combinazioni di colori provengono dalla vicina Italia (Nizza divenne francese solo nel 1860, essendo appartenuta in gran parte al Ducato di Savoia prima di allora). In una stanza, tra il tavolo da pranzo in quercia del XIX secolo e l'enorme vaso barocco da un lato, e il divano, il letto e le lampade nuovi di zecca dall'altro, il nuovo quasi vince, ma non si può davvero dire. “Si tratta per l'80% di architettura virtuosa”, afferma Louis-Antoine Grégo, che alla fine ha assunto la direzione del progetto di costruzione. “Il che, per un progetto come questo, è abbastanza buono.”

Il Couvent suscita un certo fervore tra i suoi aderenti. Tutti credono moltissimo in Grégo, dicono che solo lui avrebbe potuto realizzare tutto ciò, e tutti insistono che questo è il progetto della loro vita. Naturalmente, ciò che stanno sostenendo – un’etica “dalla fattoria alla tavola”, il rispetto per l’ambiente, quello che Grégo chiama “tempo lento” – non è una novità; i ristoranti nei quartieri signorili di tutto il mondo ti vendono lo stesso. Come fanno, sempre più spesso, gli hotel: Grégo lo ha definito “il lusso del futuro”, ma in realtà è già del presente.

Un'area salotto nella suite Terrasse du Cloître dell'Hôtel du Couvent
Un'area salotto nella suite Terrasse du Cloître dell'Hôtel du Couvent ©De Pasquale+Maffini

Vetele aveva quasi rinunciato alla gastronomia di lusso. “È stato costruito su sciocchezze”, afferma. “L’idea di poter avere tutto, sempre, che arriva da ogni parte.” La sua cucina sarà nizzarda, molti degli ingredienti provenienti da una fattoria a meno di un'ora dalla città, con la quale Grégo ha firmato un accordo esclusivo. “Le stagioni e la terra determineranno ciò che arriverà nei piatti delle persone”, afferma Vetele. “Niente decorazioni, niente emulsioni.” E davvero, niente fragole invernali: solo le fraises in sciroppo che sarà stato realizzato durante i mesi estivi.

Il giardino, invece, sarà allestito come ai tempi delle suore, ma conterà anche una nuovissima vasca per le nuotate. Ha avuto più mani dal primo progetto di Stuart-Smith, portandolo a uno stile abilmente sciolto, in gran parte immediatamente commestibile (spesso mi viene chiesto di assaggiarlo durante la mia visita). La gente del posto sarà la benvenuta a vagabondare e la volontà sarà chiaramente forte di connettersi con i vicini e con la città nel suo insieme. Uno dei ristoranti, un bistrot, sarà accessibile solo dalla strada e ogni piatto del giorno sarà disponibile con prezzi variabili. Nel fine settimana nel cortile centrale si terrà un mercato aperto a tutti.

“Il lusso è così soggettivo”, afferma Grégo. “Per me è il senso del luogo.” Questo progetto, secondo lui, arriva giusto in tempo. “Oggi le persone sono alla ricerca di significato, appartenenza, storia. E penso che il Couvent parli di questo”.

Giura ancora che questo sarà il suo ultimo progetto alberghiero. Scherza dicendo che è come l'ultimo tour di Elton John, dove ha dovuto dare tutto un'ultima volta. Considerando quanto sia energico e ambizioso, suggerisco che forse sia più simile agli ultimi tour di Cher, che non sono mai del tutto un addio o una conclusione.