Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La prima a Berlino ha dovuto ripetere le elezioni cittadine dopo che una debacle nel giorno delle elezioni ha reso i risultati infondati. Ora deve ripetere anche le elezioni federali, anche se solo parzialmente, ha stabilito la massima corte tedesca.

I berlinesi si sono recati alle urne il 26 settembre 2021 per trovare un sistema democratico nel caos. I tempi di attesa di un’ora o più erano comuni. Alcuni seggi elettorali hanno chiuso presto, altri sono rimasti aperti fino a tardi. Le schede elettorali sono andate perdute e alcune schede elettorali non sono mai arrivate.

Nel febbraio di quest’anno – alla presenza di osservatori elettorali stranieri – Berlino ha ripetuto il voto per il potente governo municipale della città, con un risultato che ha fatto perdere la carica di sindaco ai socialdemocratici dopo che il partito aveva ottenuto il suo peggior risultato in un secolo.

Ma da mesi i politici tedeschi litigano anche sulla validità del voto federale, svoltosi lo stesso giorno nel 2021.

La votazione dovrà ora ripetersi dopo più di due anni in 455 delle 2.256 circoscrizioni elettorali di Berlino, hanno dichiarato martedì i giudici della Corte costituzionale tedesca di Karlsruhe. Il presidente del seggio elettorale di Berlino, Stephan Bröchler, ha detto che il voto sarà fissato per l’11 febbraio.

Anche se la sentenza sostituisce una precedente decisione del parlamento tedesco secondo la quale un numero minore di distretti dovrebbe essere nuovamente contestato, è anche sufficientemente limitata da significare che probabilmente poco cambierà nei risultati.

Per i 38 deputati eletti a sinistra morire Linke biglietto, è un enorme sollievo.

A causa delle soglie elettorali previste dalla legge tedesca, se l’elezione di uno solo dei tre deputati eletti a Berlino fosse stata dichiarata non valida, tutti e 38 avrebbero rischiato di essere espulsi dal Parlamento.

Ciò avrebbe anche espulso dal parlamento il partito politico di sinistra appena formato e molto pubblicizzato di Sahra Wagenknecht, perché lei e i suoi colleghi sono entrati come morire Linke rappresentanti.

I cristiano-democratici conservatori dell’opposizione tedesca avevano affermato a Karlsruhe che almeno la metà degli elettori di Berlino aveva bisogno di avere la possibilità di votare di nuovo alle elezioni federali.

Nel frattempo l’estrema destra Alternative für Deutschland aveva presentato una petizione alla corte affinché l’intera elezione federale nella città fosse ripetuta.

Nella sua sentenza, la Corte ha affermato di essere sostanzialmente d’accordo con le conclusioni originali del Bundestag su una ripetizione limitata del processo, anche se ha individuato una serie di preoccupanti ulteriori passi falsi elettorali che gettano dubbi più ampi su come si era svolta la giornata.

Ad esempio, in alcuni casi sembrava che i voti postali fossero stati conteggiati nei distretti sbagliati, il che significava che ora anche i risultati di quei distretti dovevano essere invalidati.

“La decisione del Bundestag tedesco [was] sulla base di un’insufficiente chiarificazione del processo elettorale, in quanto non ha valutato essa stessa i verbali delle singole circoscrizioni elettorali, né ha disposto che venissero valutati in altro modo”, ha affermato la Corte nella sua sentenza.

Se il Bundestag avesse esaminato i verbali redatti in tempo reale dai funzionari dei seggi elettorali il giorno delle elezioni, avrebbe individuato ulteriori errori.

All’epoca, le autorità cittadine attribuirono il disastro ai disagi causati dalla maratona di Berlino, che si tenne lo stesso giorno del voto, che causò problemi con la consegna delle schede e il conteggio.

Per i critici, compresi i principali partiti di opposizione, questo è stato più sintomatico di quanto mal governata fosse diventata la capitale dopo anni di governo del partito socialdemocratico.