Gio. Mag 23rd, 2024
Come i socialisti belgi vogliono colmare il gap di spesa dell'UE

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Buongiorno. Oggi ho ricevuto un dispaccio dal leader del partito socialista belga, che propone un'imposta sul patrimonio per risolvere i problemi di spesa dell'UE. E il mio collega a Dublino spiega un diverbio tra Irlanda e Regno Unito sull’immigrazione.

Passa un buon fine settimana.

Giorno di paga

Mentre l’UE discute su come finanziare le sue crescenti esigenze di spesa per la difesa e la transizione verde, il leader del partito socialista belga ha una proposta semplice: lasciamo che siano i ricchi a pagarne il prezzo.

Contesto: diversi paesi dell'UE violano le rigide regole del deficit dell'UE, tra cui il Belgio. Allo stesso tempo, dopo la guerra in Ucraina, i paesi stanno cercando di aumentare la spesa per la difesa e l’UE deve investire ingenti somme per raggiungere i suoi obiettivi climatici.

“Se vogliamo finanziare la transizione climatica, abbiamo bisogno di soldi. Questi soldi arriveranno dalle multinazionali e dalle grandi fortune. Non c’è davvero altra soluzione”, ha detto Paul Magnette al MagicTech. “Credo che questa sia una domanda molto forte nella popolazione europea”.

Magnette ha chiesto “una tassa sulla ricchezza mondiale, idealmente, o almeno a livello europeo”, sottolineando che “dobbiamo investire il 2% del Pil all’anno; 1% privato [investments]1% di pubblico”.

Il partito socialista di Magnette fa parte della coalizione di governo belga composta da sette partiti, e lo è in testa ai sondaggi al 24% nella regione francofona della Vallonia in vista delle elezioni federali di giugno.

La sua proposta di un’imposta patrimoniale europea fa eco al manifesto del gruppo socialista al Parlamento europeo, che sarà eletto contemporaneamente al nuovo governo belga. La maggior parte dei settori della politica fiscale spettano agli Stati membri.

Magnette, che è stato ministro in diversi governi federali del passato, ha anche chiesto che la spesa per la difesa fosse esente da vincoli di bilancio. “Dobbiamo eliminare gli impegni di bilancio per la difesa da qualsiasi pareggio di bilancio, perché sono investimenti”, ha affermato.

“Abbiamo la guerra alle porte dell’Europa, abbiamo una situazione in Medio Oriente che è estremamente preoccupante. . . Dobbiamo essere realisti, avremo bisogno della difesa e basta”, ha detto Magnette.

Con la loro guida in Vallonia, i socialisti hanno buone possibilità di rientrare in un futuro governo. Ma il sistema federale del Belgio implica che i partiti regionali dovranno unirsi per formare un governo nazionale.

Nelle Fiandre, la regione fiamminga del Belgio, il partito di estrema destra Vlaams Belang è in testa ai sondaggi con quasi il 27%, seguito dal partito di destra N-VA.

Prepararsi per lunghi negoziati di coalizione a luglio.

Grafico del giorno: albero dei soldi

La maggior parte degli asset delle banche centrali russe congelati a causa delle sanzioni occidentali sono rimasti bloccati in Belgio, sede del depositario centrale di titoli Euroclear. Mentre i partner del G7 discutono su cosa fare con gli asset, Euroclear ha guadagnato miliardi semplicemente detenendoli.

Tendopoli

Il Taoiseach Simon Harris non sarà in grado di evitare la questione dell'immigrazione quando incontrerà oggi i leader politici a Belfast, scrive Jude Webber.

Contesto: il governo irlandese afferma che fino al 90% dei richiedenti asilo che arrivano in Irlanda hanno attraversato il confine dall'Irlanda del Nord e insiste che il Regno Unito li riprenda indietro. Ma il primo ministro britannico Rishi Sunak ha già chiarito che il Regno Unito non li accoglierà.

Sembra che nemmeno un mese dopo l'inizio del suo mandato, la luna di miele di Harris sia finita. Le tensioni diplomatiche sull’immigrazione hanno riaperto vecchie ferite causate dalla Brexit, poiché l’Irlanda ha esercitato con successo pressioni per mantenere aperta la frontiera quando il Regno Unito ha lasciato l’UE.

Questa settimana il governo ha spazzato via una tendopoli fuori dall’Ufficio per la Protezione Internazionale a Dublino, trasferendo i richiedenti asilo di sesso maschile che si accampavano lì in siti gestiti dal governo, alcuni ancora in tende, anche se con servizi igienici e strutture adeguate.

Ma non c’era abbastanza spazio: circa 50 uomini sono stati allontanati, lasciati a dormire all’aperto più lontano dall’Ipo, dove sono state erette delle barriere.

Sembra che il problema non verrà risolto facilmente. Ieri si è formata una nuova coda di circa 100 persone davanti all'ufficio IPO. È stato detto loro che non c'era nessun posto dove andare.

Quando Harris incontrerà oggi il primo ministro Michelle O'Neill e il vice primo ministro Emma Little-Pengelly, la questione sarà probabilmente al centro dell'attenzione, ma i progressi sono improbabili, poiché non è possibile rimandare le persone in un paese che non le accoglierà. .

Nel frattempo, i manifestanti di estrema destra si sono impadroniti della questione, assicurando che l'immigrazione rimarrà un grattacapo per Harris, forse fino alle elezioni generali irlandesi previste per il prossimo marzo.

Cosa guardare oggi

  1. I ministri degli Esteri africano e nordico si incontrano a Copenaghen.

  2. Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ospita la presidente svizzera Viola Amherd a Roma.

Ora leggi questi