Buongiorno dalla soleggiata Bruxelles, dove sono tornato dopo un viaggio apocalittico attraverso la tempesta che ha travolto Francia, Italia e Austria la settimana scorsa. Mentre me la cavavo in sicurezza, la violenza della tempesta, dopo mesi di siccità e incendi boschivi, è servita da spietato promemoria di cosa significhi il cambiamento climatico in questi giorni ed età.

Questa è l’ultima “edizione estiva” settimanale di Europe Express. Da lunedì saremo di nuovo operativi come di consueto, tutte le mattine dei giorni feriali. Puoi contattarmi, come sempre, a [email protected] o a [email protected]


Il Belgio potrebbe essere famoso per la sua birra, frittelle e cioccolatini, ma ha anche guadagnato una certa reputazione per il suo sistema di tassazione sbalorditivo, in particolare per i dipendenti a tempo pieno. L’argomento è stato a lungo irritante nei rapporti nazionali redatti dal FMIil OCSE in Europa e il Commissione europea.

Terminata la pausa estiva, il governo belga si rivolgerà a proposte del ministro delle finanzeVincent Van Peteghem, su come rivedere il sistema fiscale barocco del paese e incentivare le persone senza lavoro a cercare un lavoro.

In una recente intervista, Van Peteghem ha dichiarato a Europe Express che “abbiamo un sistema obsoleto, troppo complesso” e basato su aspettative di carriera superate (che i dipendenti rimarranno in un’azienda per tutta la vita) e su un modello familiare che fallisce tenere conto dei genitori single o delle persone che convivono senza sposarsi e avere figli. “Dobbiamo vedere come possiamo cambiarlo”, ha detto Van Peteghem. “Questo è anche il motivo per cui abbiamo proposto la nostra riforma fiscale, o almeno un progetto di come dovrà essere il nostro sistema fiscale nel 2030”.

L’obiettivo del suo progetto, secondo il ministro, è abbassare le tasse sul lavoro. “È qualcosa su cui riceviamo feedback da ogni visita del FMI, da ogni rapporto dell’OCSE e da ogni rapporto della Commissione europea. Se guardi i grafici e le classifiche dell’OCSE, per i single senza figli, siamo al 52% di pressione fiscale. Questo è ciò che dobbiamo cambiare”.

Altre “vacche sacre” che il ministro è disposto a sacrificare sono le tasse notoriamente basse del Belgio su proprietà e capitali. “Penso che ora siamo in un momento nel nostro Paese in cui dobbiamo fare alcune riforme. Se vogliamo preparare il nostro Paese per i prossimi decenni, questo è il momento”.

Calibrare gli scaglioni fiscali per incentivare i dipendenti a lavorare e guadagnare di più, piuttosto che tagliare i guadagni, è un altro ambito in cui il ministro spera di fare progressi. “Uno dei grandi problemi del nostro sistema è anche che se lavori di più e guadagni un po’ di più, alla fine, in realtà non lo fai. Alla fine, su 100€ che guadagni in più, ti restano 10€ netti. Quindi dobbiamo davvero lavorarci su”.

Mark Horton, il capo della missione del FMI per il Belgio, ha detto a Europe Express che il progetto è andato sostanzialmente nella giusta direzione, anche se potrebbe essere più specifico in alcune aree. “È impressionante che questo governo abbia deciso di metterlo all’ordine del giorno, date le circostanze difficili: Covid, una coalizione di sette partiti”.

“Finora la proposta è stata ben accolta e i suoi principi sono stati accettati come base per la discussione”, ha detto Horton. “Va bene. La cosa complicata è che sono necessarie le specifiche per valutare come verranno implementate le proposte”.

E con il peggioramento delle attuali prospettive geopolitiche, data la guerra in Ucraina, una crisi energetica incombente e l’aumento dell’inflazione, “sarà più difficile ottenere una svolta”, ha affermato.

Tuttavia, un piccolo passo è stato compiuto prima della pausa estiva, quando il governo belga ha concordato una riforma delle pensioni che avrebbe riguardato anche i lavoratori a contratto e i genitori single ed eliminato pratiche alquanto surreali, in cui i periodi di disoccupazione venivano conteggiati come “lavoro” quando si raggiungeva l’età pensionabile. Ma Horton ha osservato che la riforma delle pensioni non è riuscita ad alzare l’età pensionabile né a eliminare gli incentivi al prepensionamento: “È più facile spendere soldi che portarli via. [On those tougher measures]dobbiamo ancora vedere ulteriori progressi”.

Grafico del giorno: calo dell’euro

Leggi l’opinione di Naomi Rovnick sul motivo per cui l’euro ha toccato un nuovo minimo da due decenni rispetto al dollaro ieri, mentre i timori di un peggioramento della crisi energetica oscurano il sentimento del mercato.

Notevole, citabile

  • La guerra in Ucraina festeggia oggi un triste anniversario: Sei mesi dall’invasione russa senza alcun segno di interruzione a breve. Per coincidenza, è anche il giorno dell’indipendenza dell’Ucraina, come nota questo articolo dei nostri corrispondenti nel paese in cui descrivono in dettaglio la prospettiva di un conflitto prolungato con i soldati che si infiltrano da entrambe le parti.

  • Apertura per Meloni: La rottura dell’alleanza di centrosinistra italiana e le polemiche da telenovela stanno dando un chiaro vantaggio alla coalizione di destra guidata da Giorgia Meloni alle prossime elezioni politiche.