Dom. Lug 14th, 2024
Come Macron è rimasto intrappolato nel caos della sua stessa mossa elettorale

Buongiorno da Bari, dove tra poche ore, in un resort di lusso lungo la costa adriatica della città, i leader del G7 inizieranno il loro vertice di 48 ore. Ieri sera i funzionari speravano di concludere un accordo su un prestito per Kiev raccolto contro i futuri profitti derivanti dalle attività russe immobilizzate, ma i dettagli chiave rimangono irrisolti.

Oggi, il nostro corrispondente da Parigi vi racconta l’ultimo caos scatenato dalle elezioni anticipate senza precedenti in Francia, e il nostro corrispondente sul clima rivela che più della metà delle aziende dell’UE che dovranno dichiarare il proprio impatto ambientale tra sei mesi non hanno iniziato a prepararsi.

Il bordo

Sapete che la Francia è andata fuori copione quando il presidente Emmanuel Macron ha sventato le voci che potrebbe dimettersi, a sei settimane dalle Olimpiadi di Parigi che avrebbero dovuto essere un momento culminante di gloria, scrive Sara Bianco.

Contesto: Macron ha scioccato la Francia e l'Europa indicendo elezioni parlamentari anticipate domenica, dopo che il suo partito ha ricevuto una batosta da parte del Rassemblement National (RN) di estrema destra di Marine Le Pen alle elezioni del Parlamento europeo.

Ieri, di fronte alla stampa, Macron è passato alla modalità combattiva, una routine che ha perfezionato nel corso dei suoi sette anni all’Eliseo, dove ha affrontato crisi dal gilet gialli proteste di piazza per la sua risposta alla pandemia di Covid-19. Questa volta, tuttavia, Macron ha dovuto rispondere a domande sul proprio destino.

“È ora di torcere il collo a questa papera”, ha ribattuto Macron quando gli è stato chiesto se poteva dimettersi prima della scadenza del suo mandato nel 2027 – usando una pittoresca espressione francese per riferirsi alle sue presunte dimissioni, un piano che, ha aggiunto, “non è mai esistito”.

Il 46enne, arrivato al potere come un centrista che cercava di rompere lo spettro politico “destra o sinistra”, ha tuonato contro gli estremi, con parole dure anche per l’estrema sinistra, mettendo in guardia gli elettori dall’incoerenza di i piani economici dei suoi rivali.

Macron ha accusato gli altri di essere disfattisti e di “contemplare solo il disastro”, insistendo di vedere uno scenario in cui gli elettori avrebbero votato in modo diverso, avendo espresso la loro rabbia votando l’estrema destra durante le elezioni europee.

In aggiunta al senso generale di caos, i suoi rivali di centrodestra Les Républicains hanno cacciato ieri dal partito il loro stesso leader dopo che aveva suggerito un patto elettorale con la RN.

Dagli ambienti economici di Parigi a Bruxelles, e persino all’interno del partito di Macron, la possibilità che la RN possa ottenere seggi sufficienti in parlamento per formare il prossimo governo sta creando allarme. RN potrebbe quindi nominare un primo ministro – potenzialmente il protetto di Le Pen, Jordan Bardella – e ricoprire incarichi di gabinetto.

I ministri della RN che rappresentano la Francia nei consigli ministeriali dell’UE potrebbero alterare drasticamente la direzione del blocco, e la potenziale paralisi politica tra governo e presidente nel suo secondo paese più grande potrebbe congelare la più ampia macchina legislativa dell’UE.

È quindi improbabile che i funzionari dell’UE diano molta tregua a Macron sulla sua mossa elettorale. Molti si aspettano che lunedì riceva una raffica di domande dai suoi sconcertati colleghi leader durante la cena.

Chart du jour: Far quadrare i conti

Ecco un fatto che potrebbe aiutare a spiegare lo spostamento a destra delle elezioni europee dello scorso fine settimana: l’anno scorso, il 21% della popolazione dell’UE era a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo Eurostat.

Scadenza

Meno della metà delle aziende interessate dai nuovi requisiti di rendicontazione ambientale dell’UE hanno iniziato a prepararsi, anche se le prime relazioni dovranno essere presentate entro sei mesi. scrive Alice Hancock.

Contesto: Bruxelles richiederà a decine di migliaia di imprese di rivelare il proprio impatto ambientale a partire dal 2025. Le norme si rivolgeranno innanzitutto alle aziende più grandi e includeranno le PMI a partire dal 2026, quadruplicando il numero di aziende che già devono rivelare la propria impronta ambientale. Saranno incluse alcune società straniere che operano nell’UE.

Ma a Pubblicato lo studio PwC oggi mostra che solo due terzi delle aziende sono molto fiduciose di essere pronte per le nuove regole, mentre meno della metà ha avviato i preparativi fondamentali, come verificare se dispongono dei dati necessari.

Circa il 60% delle aziende UE ed extra-UE intervistate ha affermato che la disponibilità dei dati e la complessità delle loro catene di approvvigionamento potrebbero ostacolare i loro sforzi per conformarsi.

La burocrazia associata all'agenda di sostenibilità di Bruxelles è diventata una questione importante per i politici durante la campagna elettorale per le elezioni europee della scorsa settimana. La riduzione delle pratiche burocratiche è una parte fondamentale dell'agenda del Partito popolare europeo (PPE), che ha ottenuto il maggior numero di voti.

Nadja Picard di PwC Germany, tuttavia, ha affermato che molte aziende sostengono le nuove regole. Essi “aumenteranno i requisiti di rendicontazione per molte aziende, ma molti si aspettano che ciò porti a migliori prestazioni ambientali. . . Le aziende si aspettano anche una crescita dei ricavi e un risparmio sui costi”.

“Il passaggio verso un reporting obbligatorio sulla sostenibilità è il futuro, è solo questione di tempo”, ha affermato Picard.

Cosa guardare oggi

  1. Vertice dei leader del G7 inizia a Bari, Italia.

  2. Ministri della difesa della Nato Incontrare a Bruxelles.

  3. Ministri degli Interni Ue Incontrare nel Lussemburgo.

Ora leggi questi