Mer. Lug 17th, 2024
La Germania avvierà il servizio militare limitato per essere “pronta alla guerra”

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

La Germania reintrodurrà una forma limitata di servizio militare, anche se il piano è ben lungi dall’obiettivo originale del ministero della Difesa di ripristinare il sistema di coscrizione abolito 13 anni fa.

“Tutti devono chiedersi cosa sarebbero pronti a fare se venissimo attaccati”, ha detto mercoledì il ministro della Difesa Boris Pistorius. “La domanda è . . . come possiamo garantire la nostra vita civile se scoppia la guerra?

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha spinto la Germania ad adottare un approccio molto più deciso alla difesa, investendo massicciamente nelle sue forze armate e preparandosi a stazionare una brigata corazzata in Lituania – il suo primo dispiegamento permanente all’estero dalla seconda guerra mondiale.

Pistorius ha affermato che la Bundeswehr, le forze armate tedesche, deve essere preparata alla guerra poiché aumentano le preoccupazioni sulle intenzioni aggressive del presidente russo Vladimir Putin nei confronti della Nato, l'alleanza militare occidentale.

Funzionari del ministero della Difesa hanno descritto il modello del ministro, che si ispira ampiamente al sistema utilizzato dalla Svezia, come una “forma selettiva di servizio militare basata su un principio volontario ma contenente elementi obbligatori se necessario”.

Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha dichiarato: “Selezioneremo i più motivati, i più in forma e i più adatti” © Kay Nietfeld/dpa

Secondo il piano, gli uomini di 18 anni dovranno compilare un modulo con informazioni sulla loro volontà e capacità di prestare servizio nell'esercito e poi, se selezionati, sottoporsi a una visita medica. Le reclute verranno poi scelte tra quelle testate.

Ma i politici dell’opposizione hanno espresso disappunto nei confronti della proposta. “Considerando il ministro ha parlato [reintroducing] servizio militare per nove mesi, i piani sono piuttosto vaghi e vaghi”, dice Serap Güler, portavoce della difesa dei cristiano-democratici.

L’ex cancelliere Angela Merkel ha abolito la leva militare nel 2011, ma da allora la Bundeswehr ha lottato per superare la persistente carenza di truppe.

Il governo ha in programma di aumentare le dimensioni dell’esercito da 182.000 a 203.000 entro il 2031. Ma i funzionari militari ritengono che siano necessari fino a 460.000 soldati per difendere la Germania in caso di attacco.

Pistorius ha detto che il suo piano porterebbe al reclutamento di 200.000 riservisti, oltre ai 60.000 attualmente di cui dispone la Bundeswehr.

Dei 400.000 diciottenni che ogni anno verrebbero contattati dalla Bundeswehr nell'ambito del suo piano, stima che circa un quarto probabilmente esprimerebbe interesse a prestare servizio. Di questi, da 40.000 a 50.000 verrebbero invitati a sottoporsi a una visita medica.

“Selezioneremo i più motivati, i più in forma e i più adatti”, ha detto Pistorius.

Ha notato che la Bundeswehr ha la capacità di addestrare solo 5.000 reclute aggiuntive all’anno, anche se quel numero aumenterà nei prossimi anni.

Dalla fine della guerra fredda le forze armate si sono notevolmente ridotte, portando alla dismissione di caserme, depositi di munizioni e alloggi militari “su vasta scala”.

A chi si iscrive verranno offerti sei mesi di formazione di base estendibili fino a un totale di 23 mesi di servizio. Le reclute entreranno quindi a far parte delle forze di riserva, con l'obbligo di sottoporsi a una formazione annuale.

I piani più ambiziosi di Pistorius, compreso un piano per ripristinare il servizio militare obbligatorio, incontrarono una forte resistenza da parte dei capi militari, che erano diffidenti nei confronti di un afflusso di giovani uomini inesperti e inesperti, e di politici di sinistra nel suo partito socialdemocratico (SPD), che si sentono a disagio sulla nuova attenzione della Germania alle forze armate.

Il cancelliere Olaf Scholz, che come Pistorius appartiene alla SPD, a maggio ha dichiarato di considerare “impraticabile” il ritorno all’esercito di leva.

Il ministero è poi passato a un modello di servizio ibrido, che non comporterebbe un servizio obbligatorio di massa ma sarebbe invece volto a incoraggiare una maggiore partecipazione volontaria. Pistorius desiderava emulare il tipo di modello di servizio nazionale utilizzato in molti paesi scandinavi.

La Bundeswehr spera che il modello migliori il reclutamento identificando potenziali candidati e incoraggiando l’iscrizione, attraverso una serie di incentivi e opportunità di formazione, in campi di nicchia con carenza di personale come la sicurezza informatica e la medicina.