Sab. Mag 18th, 2024
Cosa significano veramente i nuovi aiuti per l’Ucraina – e per Putin

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le valutazioni dell’intelligence dovevano essere disastrose per convincere Mike Johnson a rischiare la sua posizione di presidente della Camera e far approvare finalmente un disegno di legge che fornisce un sostegno essenziale all’Ucraina. La carenza cronica di munizioni e difese aeree aveva portato a progressi russi limitati ma potenzialmente significativi e le città ucraine erano state colpite. Il presidente Volodymyr Zelenskyy ha avvertito che l’Ucraina potrebbe perdere la guerra.

Una volta che il presidente Joe Biden ha convertito in legge il disegno di legge, l’esercito americano ha iniziato a portare in prima linea il materiale di cui c’era disperatamente bisogno. L’obiettivo è lasciare alla Russia il minor tempo possibile per sfruttare al massimo la sua attuale superiorità prima che inizi a dover affrontare una maggiore resistenza. I voti del Congresso sono stati un importante stimolo morale per Kiev, che ora spera in un circolo virtuoso di eventi per ripristinare le sue fortune sul campo di battaglia.

I problemi di manodopera, che rimangono cronici, dovrebbero essere alleviati poiché le nuove reclute non affrontano la prospettiva di essere inviate a combattere con munizioni insufficienti. Le scorte esistenti dell'Ucraina possono essere liberate immediatamente: non è più necessario esaurirle per il timore che non possano mai essere sostituite. Verrà dato impulso ai paesi europei affinché continuino a donare alla guerra. Rishi Sunak, il premier britannico, ha annunciato durante una visita a Varsavia un nuovo pacchetto da 500 milioni di sterline, mentre una serie di progetti per ottenere munizioni extra, sistemi di difesa aerea Patriot e aerei F-16 in Ucraina stanno andando avanti.

In primo luogo, è più probabile che ciò rallenti piuttosto che invertire l’attuale offensiva della Russia. Anche quando si sperava che l’assistenza statunitense arrivasse all’inizio dell’anno, si prevedeva che il 2024 sarebbe stato un periodo in cui l’Ucraina avrebbe resistito più che liberato il territorio occupato. Le forze ucraine assorbirebbero qualunque colpo i russi potessero sferrare contro di loro, risolvendo al tempo stesso i problemi di manodopera e assicurandosi che le loro linee possano reggere. Zelenskyj, il suo governo e i leader militari hanno trascorso gran parte di quest’anno a discutere su come mobilitare più uomini, anche mentre quelli già impegnati soffrono di impoverimento ed esaurimento e stanno costruendo fortificazioni per frenare le previste offensive russe.

Ci vorrà tempo per riprendersi dai difficili primi mesi di quest’anno, e ancora di più prima che l’Ucraina inizi a beneficiare pienamente delle nuove forniture di attrezzature e dell’aumento della produzione europea e statunitense di proiettili di artiglieria. È necessario addestrare nuove unità e ci sono ancora problemi di comando rimasti in sospeso dopo la deludente controffensiva dello scorso anno, in particolare su come coordinare le operazioni su larga scala. Anche se le forze armate ucraine non vogliono cedere completamente l’iniziativa, e vogliono che i russi inizino a preoccuparsi delle proprie posizioni piuttosto che concentrarsi su come attaccare al meglio quelle ucraine, ci vorrà del tempo prima che abbiano la forza di per iniziare a liberare considerevoli quantità di territorio.

La controffensiva dell'anno scorso è stata pubblicizzata con largo anticipo, e la Russia non è stata sorpresa né dalla sua direzione né dal suo tempismo. Le forze ucraine ne hanno sofferto di conseguenza. Kiev potrebbe subire pressioni per ottenere importanti guadagni militari da mostrare in tempo per le elezioni di novembre negli Stati Uniti per giustificare l’assistenza, ma non osa permettere che il suo prossimo grande passo si concluda con magri risultati. Ha ancora bisogno di risparmiare risorse perché non può essere sicuro dei futuri livelli di sostegno, soprattutto se Donald Trump dovesse vincere la presidenza. A parte i suoi problemi legali, una spiegazione per il fatto che Trump sia rimasto relativamente in silenzio mentre il Congresso approvava il nuovo sostegno è che non sarebbe in grado di accusare Biden di sprecare soldi con l’Ucraina se non fosse lì da sprecare.

Per ora, il modo migliore dell’Ucraina per continuare la lotta contro la Russia è portare avanti il ​​tipo di attacchi che ha lanciato regolarmente negli ultimi tempi. Questi hanno utilizzato droni a lungo raggio contro raffinerie di petrolio e altri obiettivi con un certo valore strategico in Russia. L’Ucraina non sarà in grado di utilizzare i missili ATACMS a lungo raggio, o i missili da crociera Storm Shadow aggiuntivi promessi da Sunak a Varsavia questa settimana, per attaccare obiettivi in ​​Russia vera e propria. Tuttavia, ci sono molti obiettivi di carattere militare disponibili nel territorio ucraino occupato, inclusa la Crimea.

Sebbene non esistano modi semplici per mettere in ginocchio la Russia, le vulnerabilità russe possono essere messe in luce. Diventerà più difficile per Vladimir Putin vedere come poter portare la guerra a una conclusione anticipata, che era certamente la sua speranza prima del voto al Congresso. Avrebbe potuto sperare che la perdita di una grande città come Kharkiv avrebbe spinto l’Ucraina in una spirale discendente. Ora torniamo alla prospettiva di una guerra senza fine. È vero, Putin si è preparato per questo. Ma l’entità delle recenti perdite russe a fronte di guadagni limitati, e l’imbarazzo di non essere in grado di fermare gli attacchi ucraini sul territorio russo, significano che gli manca ancora una strada ovvia verso la vittoria.

Anche se Trump vincesse le elezioni presidenziali a novembre, ciò non garantirebbe a Putin un risultato soddisfacente. Trump vorrà portare avanti il ​​suo piano di pace ma, da quanto riportato, Putin troverà i dettagli inaccettabili così come Zelenskyj. Dopo essersi vantato pubblicamente negli ultimi sei mesi che la Russia avesse preso l’iniziativa nella guerra, Putin deve ora contemplare la possibilità che possa ancora una volta spostarsi verso l’Ucraina.